Regno di Sunda

Regno di Sunda
Dati amministrativi
Nome ufficialeKarajaan Sunda
Lingue parlateSundanese, sanscrito, cirebon
CapitaleKawali
Pakuan Pajajaran
Dipendente daSrivijaya (739- 1030)
Politica
Forma di StatoMonarchia
Maharaja
  • Sanjaya (723–732)
  • Niskala Wastu Kancana (1371–1475)
  • Sri Baduga Maharaja (1482–1521)
  • Ragamulya (1567-1579)
Nascita669
CausaIncoronazione del re Tarusbawa e cambio del nome da Tarumanagara a Sunda
Fine1579
CausaInvasione da parte del sultanato di Banten negli anni '70
Territorio e popolazione
Economia
ValutaMonete d'oro e d'argento native
Religione e società
Religioni preminentiInduismo, buddhismo, Sunda Wiwitan
Sunda Kingdom.svg
Territorio del regno di Sunda
Evoluzione storica
Preceduto daTarumanagara
Succeduto daRegno di Sumedang Larang
Flag of the Sultanate of Banten.svg Sultanato di Banten
Flag of Cirebon Sultanate.jpg Sultanato di Cirebon
Ora parte diIndonesia Indonesia

Il regno di Sunda (Karajaan Sunda in sundanese) fu un regno sundanese situato nella regione occidentale dell'isola di Giava, esistito tra il 669 al 1579 circa e coprente l'area delle odierne Banten, Giacarta, Giava occidentale e parte occidentale di Giava centrale. La capitale di Sunda fu spostata molte volte nel corso della sua storia, passando da Galuh a est a Pakuan Pakakaran a ovest.[1]

Stando ai registri storici primari, in particolare il manoscritto chiamato Bujangga Manik, il confine orientale del regno erano i fiumi Pamali (Ci Pamali, l'odierno fiume Brebes) e Serayu (Ci Sarayu), situati entrambi a Giava centrale. Gran parte dei registri del regno di Sunda provengono da registri storici primari dal XVI secolo.

Gli abitanti del regno erano sundanesi epinomi etnici, mentre la religione di maggioranza era l'induismo.

EtimologiaModifica

 
Il termine Sunda scritto in sundanese

Il termine sunda Sunda deriva dal prefisso sanscrito su- ovvero "bontà" o "possedere buone qualità". Ne è un esempio suvarna ("buon colore"), usato per descrivere l'oro. Sunda è anche un altro nome per Vishnu, dio della religione induista. In sanscrito, il termine Sundara (maschile) o Sundari (femminile) vuol dire "bello/a" o "eccellenza".[2][3] Il termine Sunda vuol dire anche chiaro, luce, purezza, pulito e bianco.[4]

Inoltre, il termine Sunda è noto nella mitologia induista di Sunda e Upasunda, che erano fratelli Asura che ricevettero il dono dell'invulnerabilità da Brahma, dono che usarono per conquistare il mondo, minacciando gli stessi dei. Alla fine, essi si combatterono l'un l'altro per Tilottama, una ninfa Apsara.[5] La storia di Sunda e Upasunda è presente nel Mahabharata, e più di preciso nel primo libro, noto come Adi Parva. Non è però chiaro se l'epinomo Sunda derivasse da questo mito indù.

Sembra che nel X secolo il nome Sunda fosse usato dagli stranieri, possibilmente esploratori indiani, commercianti e coloni malesi di Srivijaya, e anche vicini giavanesi, come toponimo per identificare le parti occidentali di Giava, cosa confermata dall'iscrizione di Kebon Kopi II, o di Juru Pangambat datato dal 854 Saka (932 d.C.). Il nome è quindi usato dai giavanesi per identificare i loro vicini occidentali, da loro noti anche come rivali e nemici, come menzionato nell'iscrizione di Horren (XI secolo circa) da Kediri.

Stando a un registro del primo XIII secolo, esisteva un porto che esportava pepe, chiamato Sin-t'o (Sunda), probabilmente rivolto al porto di Banten o di Sunda Kalapa. Tra il XV e il XVI secolo, dopo la consolidazione del regno da parte di Sri Baduga Maharaja, il nome di Sunda è passato dall'essere un possibile toponimo epinomo e un nome che identificava un regno e il suo popolo, dando così vita, nome e identità all'etnogenesi dei sundanesi.

StoriaModifica

Formazione e crescitaModifica

Età dell'oroModifica

DeclinoModifica

Lista dei sovraniModifica

Questa è la più nota linea temporale dei sovrani del regno, basata sul Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara:

Periodo Nome Sovrano di Capitale Nota di iscrizione o manoscritto Eventi
669 – 723 Tarusbawa Sunda Pakuan Wangsakerta, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Tarusbawa rinomina i resti di Tarumanagara, dandogli il nome di Sunda. Separazione di Sunda e Galuh
612 – 702 Wretikandayun Galuh Galuh Wangsakerta, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Partizione di Tarumanagara e separazione di Sunda e Galuh
702 – 709 Mandiminyak Galuh Galuh Wangsakerta, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
709 – 716 Sena/Bratasena Galuh Galuh Wangsakerta, Carita Parahyangan, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
716 – 723 Purbasora Galuh Galuh Wangsakerta, Carita Parahyangan, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Nipote di Wretikandayun, si ribella contro Sena e prende il trono di Galuh nel 716
723 – 732 Sanjaya/Harisdarma/Rakeyan Jamri Sunda, Galuh, e Mataram Pakuan Canggal, Wangsakerta, Carita Parahyangan, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Figlio di Sannaha, sorella di Sena, sposa Tejakencana, la figlia di Tarusbawa, e diventa il re di Sunda. Si vendica da parte di Senacontro Purbasora a Galuh, ottenendo poi il diritto di erede a Kalingga, fondando la dinastia Sanjaya e il regno di Mataram in Giava centrale
732 – 739 Rakeyan Panaraban/

Tamperan Barmawijaya

Sunda e Galuh Galuh Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Figlio di Sanjaya, diventa re di Sunda
739 – 766 Rakeyan Banga/Hariang Banga Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Sotto di lui, il regno passa sotto dominio Srivijaya
766 – 783 Rakeyan Medang Prabu Hulukujang Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Continua il dominio sotto Srivijaya
783 – 795 Prabu Gilingwesi Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
795 – 819 Pucukbumi Darmeswara Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
819 – 891 Prabu Gajah Kulon Rakeyan Wuwus Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
891 – 895 Prabu Darmaraksa Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
895 – 913 Windusakti Prabu Dewageng Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
913 – 916 Rakeyan Kemuning Gading Prabu Pucukwesi Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
916 – 942 Rakeyan Jayagiri Prabu Wanayasa Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
942 – 954 Prabu Resi Atmayadarma Hariwangsa Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
954 – 964 Limbur Kancana Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
964 – 973 Prabu Munding Ganawirya Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
973 – 989 Prabu Jayagiri Rakeyan Wulung Gadung Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
989 – 1012 Prabu Brajawisesa Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1012–1019 Prabu Dewa Sanghyang Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1019–1030 Prabu Sanghyang Ageng Sunda e Galuh Galuh Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1030–1042 Prabu Detya Maharaja Sri Jayabupati Sunda e Galuh Pakuan Jayabupati, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Figlio nato da una principessa Srivijaya e un re di Sunda, e figlio adottivo di Dharmawangsa, re di Medang. Proclama la sua indipendenza da Srivijaya assumendo il titolo di "Maharaja", e fonda il sacro santuario di Sanghyang Tapak
1042–1064 Dharmaraja Sunda e Galuh Galuh Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1064–1154 Prabu Langlangbhumi/Sang Mokteng Kreta Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1154–1156 Rakeyan Jayagiri/Prabu Menakluhur Langlangbhumisutah Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1156–1175 Prabu Dharmakusumah/Sang Mokteng Winduraja Sunda e Galuh Galuh Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1175–1297 Prabu Guru Dharmasiksa Sunda e Galuh Saunggalah, Pakuan Carita Parahyangan, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Rakeyan Jayadharma, figlio di Dharmasiksa, sposta Dyah Lembu Tal di Singhasari; dalla loro unione nascerà un figlio, Wijaya. Jayadharma muore in giovane età, e Dyah lembu Tal ritorna a Singhasari. Wijaya fonda in seguito Majapahit. Rakeyan Saunggalah, fratello di Jayadharma, succede a Dharmasiksa
1297–1303 Rakeyan Saunggalah/Prabu Ragasuci Sunda e Galuh Saunggalah Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Sposta la capitale a Saunggalah (attuale Kuningan)
1303–1311 Prabu Citraganda/Sang Mokteng Tanjung Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara
1311–1333 Prabu Lingga Dewata/Sang Mokteng Kikis Sunda e Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Sposta la capitale da Pakuan a Kawali, vicino all'ex-capitale Galuh (attuale Ciamis)
1333–1340 Prabu Ajigunawisesa/Sang Mokteng Kiding Sunda e Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara Figlio adottivo di Prabu Lingga Dewata
1340–1350 Prabu Ragamulya Luhurprabhawa/Aki Kolot Sunda e Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan
1350–1357 Prabu Maharaja Lingga Buana/Prabu Wangi Sunda e Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Pararaton, Carita Parahyangan, Kidung Sunda Sua figlia Dyah Pitaloka sposa Hayam Wuruk, re di Majapahit, ma nella battaglia di Bubat (1357), il re, la principessa, e gran parte della famiglia reale di Sunda muoiono sul posto. La responsabilità dell'incidente, chiamato Pasunda Bubat, viene attribuita a Gajah Mada, primo ministro di Majapahit.
1357–1371 Mangkubumi Suradipati/Prabu Bunisora Sunda e Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Il suo è un regno temporaneo da parte del tardo Prabu Wangi, in attesa della maggior età di Niskala Wastu Kancana, principe della corona
1371–1475 Prabu Raja Wastu/Niskala Wastu Kancana/Sang Mokteng Nusalarang Sunda e Galuh Kawali Kawali inscription, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Il regno prospera sotto il suo lungo regno, che termina con la divisione tra Sunda e Galuh tra i suoi due figli
1475–1482 Prabu Susuk tunggal Sunda Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Doppio regno di Sunda e Galuh
1475–1482 Ningrat Kancana/Prabu Dewa Niskala Galuh Kawali Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Doppio regno di Sunda e Galuh
1482–1521 Sri Baduga Maharaja/Ratu Jayadewata Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Ritorno della capitale Pakuan. Il regno riconsolida il suo potere, crescendo in stabilità, prosperità e ricchezza, tanto che il regno di Ratu Jayadewata è celebrato come un'"età dell'oro" di Pajajaran
1521–1535 Prabu Surawisesa Jayaperkosa/Ratu Sang Hiang Sunda e Galuh Pakuan Batutulis, Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan, Luso Sundanese Treaty, Padrao Tenta inutilmente di accordarsi con i portoghesi a Malacca nel 1522 contro la pressione del sultanato di Demak. A seguito del fallimento, il regno perde Sunda Kelapa per mano delle forze di Fatahillah Demak. L'iscrizione Batu Tulis è scritta nel 1533 per commemorare il suo grande predecessore, Sri Baduga Maharaja
1535–1543 Ratu Dewata/Sang Ratu Jaya Dewata Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Rapido declino del regno, che perde gran parte dei suoi territori ai sultanati di Cirebon e Banten
1543–1551 Ratu Sakti Sunda e Galuh Pakuan Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Regno indebolito dalla pressione del sultanato di Banten
1551–1567 Nilakendra/Tohaan di Majaya Sunda Pakuan, Pulasari Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Caduta di Pakuan, invasa da Banten
1567–1579 Raja Mulya/Prabu Surya Kencana Sunda Pulasari Pustaka Rajyarajya i Bhumi Nusantara, Carita Parahyangan Il re risiede a Pulasari, Pandeglang, o a Kaduhejo, nel subdistretto di Menes. Il regno crolla infine nel 1576 sotto pressione del sultanato di Banten

NoteModifica

  1. ^ (ID) Marwati Djoened Poesponegoro e Nugroho Notosusanto, Sejarah Nasional Indonesia: Zaman Kuno, in Balai Pustaka, 2008, ISBN 979407408X. URL consultato il 3 giugno 2018.
  2. ^ Klaus Glashoff, Sunda, Sanskrit Dictionary for Spoken Sanskrit, su spokensanskrit.org. URL consultato il 4 giugno 2018.
  3. ^ Sunda in Sanskrit Dictionary, in Sanskrit Dictionary. URL consultato il 20 novembre 2014.
  4. ^ (ID) Iwan Kurnia, Watak Budaya Sunda, in Kasundaan.org, 14 agosto 2007. URL consultato il 24 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2011).
  5. ^ Sunda, Śunda, Shunda: 6 definitions, su www.wisdomlib.org. URL consultato il 4 giugno 2018.

Collegamenti esterniModifica