Apri il menu principale
Reichskommissariat Ostland
Reichskommissariat Ostland – BandieraReichskommissariat Ostland - Stemma
(dettagli)
Reichskommissariat Ostland (1942).svg
Dati amministrativi
Nome completoReichskommissariat Ostland
Nome ufficialeReichkommissariat Ostland
Lingue ufficialiNessuna
CapitaleRiga
Dipendente daGermania Germania
DipendenzeConsiglio Centrale Bielorusso
Politica
Forma di StatoCommissariato
Forma di governoDittatura
ReichskommissarHinrich Lohnse, Erich Koch
Nascita1941 con Hinrich Lohnse
Fine1943 con Erich Koch
Territorio e popolazione
PopolazioneN/A nel 1941
Economia
ValutaRublo sovietico
Reichskommissariat Ostland Administrative.png
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Lithuania.svg Repubblica lituana
Flag of Latvia.svg Repubblica lettone
Flag of Estonia.svg Repubblica estone Unione Sovietica Unione Sovietica
Succeduto daFlag of the Byelorussian Soviet Socialist Republic (1951–1991).svg RSS Bielorussa
Flag of the Estonian Soviet Socialist Republic (1953–1990).svg RSS Estone
Flag of the Lithuanian Soviet Socialist Republic (1953–1988).svg RSS Lituana
Flag of the Latvian Soviet Socialist Republic.svg RSS Lettone
Unione Sovietica Unione Sovietica
Avanzate tedesche dal 22 giugno al 25 agosto 1941.

Reichskommissariat Ostland fu il nome tedesco dell'amministrazione civile nazista di parte dei territori orientali del Terzo Reich, occupati durante la seconda guerra mondiale.[1][2]

Ostland era il nome dato ai territori occupati dai tedeschi nei Paesi Baltici (Estonia, Lettonia e Lituania), in Bielorussia, e parzialmente in Ucraina e Russia. Ostland non deve essere confuso con Ober Ost, che aveva un ruolo simile all'Ostland come autorità di occupazione dei territori baltici da parte dell'Impero germanico nella prima guerra mondiale.

PopolazioneModifica

La popolazione era prevalentemente composta da Lituani, Lettoni, Estoni e Bielorussi. Probabilmente era presente una minoranza di Tedeschi del Baltico

Organizzazione civileModifica

L'Ostland fu uno dei Reichskommissariat istituiti, per decreto del Führer datato 17 luglio 1941, come unità amministrativa del "Großdeutsches Reich" (Grande Germania). Erano soggetti al Reichsleiter Alfred Rosenberg, Minister für die besetzten Ostgebiete (Ministro del Reich per i Territori Occupati dell'Est). La struttura dei Reichskommissariat fu definita dallo stesso decreto.

Le istruzioni per l'amministrazione dei territori (l'Allgemeine Instruktion für alle Reichskommissare in den besetzten Ostgebieten) furono preparate dal Reichsleiter Alfred Rosenberg.

StrutturaModifica

I territori orientali furono divisi in Reichskommissariat. L'amministratore locale era Der Reichskommissar für das Ostland Hinrich Lohse, Oberpräsident e Gauleiter dello Schleswig-Holstein.

Il Reichskommissariat Ostland era ulteriormente suddiviso in quattro "Regioni Generali" (Generalbezirk). Estland, Lettland e Litauen furono divise in quattro Distretti (Kreisgebiete) che furono raggruppati nei Distretti Principali (Hauptgebiete) con amministrazioni locali situati a Riga.

Generalbezirk Estland (Estonia)Modifica

La capitale del Generalbezirk Estland era situata a Reval (Tallinn), il Gebietskommissariat a Arensburg (Kuressaare), Dorpat (Tartu), Pernau (Pärnu), Petschur (Pechory), e Wesenberg (Rakvere). Questo Generalbezirk fu effettivamente indipendente, dato che l'Estonia rimase parte dell'area di competenza della Wehrmacht anche dopo il trasferimento all'amministrazione civile.

Generalbezirk Lettland (Lettonia)Modifica

La capitale era situata a Riga, mentre il Gebietskommissariat aveva sede a Dünaburg (Daugavpils), Libau (Liepāja), Mitau (Jelgava), Riga e Wolmar (Valmiera).

Generalbezirk Litauen (Lituania)Modifica

La capitale era a Kauen (Kaunas), e il Gebietskommissariat aveva sedi a Kauen (Kaunas), Ponewesch (Panevėžys), Schaulen (Šiauliai) e Wilna (Vilnius).

Generalbezirk Weißruthenien (Bielorussia)Modifica

La capitale era Minsk, suddivisa nei seguenti Hauptgebiet:

  • Hauptgebiete der Minsk (Minsk)
  • Hauptgebiete der Mogilew (Mogilev)
  • Hauptgebiete der Witebsk (Vitebsk)
  • Hauptgebiete der Smolensk (Smolensk)

Il Gebietskommissariat era situato a Baranowitsche (Baranavičy), Ganzewitchi (Hancavičy), Lida, Glubokoye (Hlybokaye), Minsk, Nowogródek (Navahrudak), Slonim, Sluzk (Słucak) e Wilejka (Vileyka).

Dapprima, il Generalbezirk Weißruthenien incluse Nowogródek e la Polesia (Ucraina settentrionale) e Smolensk (in Russia), insieme a tutta la Bielorussia. Nel 1942, l'autorità civile tedesca fu estesa a Minsk, Sluzk e Borisov, lasciando il resto della Bielorussia sotto controllo militare.

AmministrazioneModifica

L'amministrazione locale dei Reichskommissariat doveva essere organizzata sotto un "Direttore Nazionale" (Reichskommissar) in Estonia, un "Direttore Generale" in Lettonia e un "Consigliere Generale" in Lituania. L'amministrazione locale del Reichskommissariat Ostland fu posta sotto il Reichskommissar Hinrich Lohse. Al di sotto di lui vi era una gerarchia amministrativa: un Generalkommissar che guidava ogni Generalbezirk, Gebietskommissar e Hauptkommissar che amministravano i Kreisgebiet e Hauptgebiet rispettivamente.

NoteModifica

  1. ^ David Gaunt, Jonathan C. Friedman, Reichskommissariat Ostland, in The Routledge History of the Holocaust, Taylor & Francis, 2010, pp. 210–212, ISBN 1-136-87060-1. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  2. ^ Alex J. Kay, Guidelines for Special Fields (13 March 1941), in Exploitation, Resettlement, Mass Murder: Political And Economic Planning for German Occupation Policy in the Soviet Union, 1940-1941, Berghahn Books, 2006, pp. 70–71, ISBN 1-84545-186-4. URL consultato il 25 giugno 2013.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN261297246 · GND (DE18545-0 · WorldCat Identities (EN261297246