Relena Peacecraft
Relena.png
UniversoGundam Wing
Nome orig.リリーナ ピースクラフト (Rirīna Pīsukorafuto)
Lingua orig.Giapponese
Alter egoRelena Darlian
AutoreHajime Yatate
Studio
Voce orig.Akiko Yajima
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina
EtniaEuropea
Luogo di nascitaSanc Kingdom
Data di nascita7 aprile 180 a.C.
ProfessioneStudentessa; Principessa del Sanc Kigdom; Regina della Nazione Mondiale; Rappresentante della Fondazione Romfeller; Vice-ministro degli esteri della Nazione Terrestre Unita

Relena Peacecraft (リリーナ・ピースクラフ Rirīna Pīsukorafuto?), conosciuta anche come Relena Darlian (リリーナ・ドーリアン Rirīna Dōrian?), è uno dei personaggi principali, nonché la figura femminile più importante, dell'anime Gundam Wing e del suo adattamento a fumetti. Presenta analogie con Sayla Mass, della serie Gundam 0079.

PersonaggioModifica

Introdotta come figlia del viceministro degli esteri terrestre, Relena è la prima persona che Heero incontra sulla Terra, dopo essere precipitato sulla Terra e per questo motivo il ragazzo all'inizio pensa di ucciderla per evitare che possa essere un problema per la sua missione, anche se fin dal loro primo incontro tutt'e due cominceranno a provare un sentimento molto forte uno per l'altra, ed il ragazzo le prometterà che sarà sempre protetta.

Durante un viaggio diplomatico con il padre su una colonia, rimane coinvolta in un attentato orchestrato da OZ, volto all'eliminazione del padre, noto pacifista. Prima di morire, il vice-ministro Darlian confida alla figlia che lei in realtà è la principessa Relena Peacraft, figlia del defunto re del regno pacifista noto come Sanc Kigdom, distrutto dall'Alleanza quindici anni or sono per via della sua politica pacifista, e di cui Darlian era collaboratore.

Dopo la scoperta delle sue origini, Relena tornerà a Sanc Kingdom e si dedicherà a ricostruire il suo paese portando avanti gli ideali della sua famiglia, e scopre che l'ufficiale di Oz Zechs Merquise, principale rivale di Heero, è in realtà suo fratello Miliardo. Nel periodo in cui si occupa di governare Saint Kigdom, si trova costretta ad affrontare una grave crisi diplomatica a causa della lotta fra le due fazioni in cui si è divisa Oz: la Fazione di Treize e quella della Fondazione Romefeller, più potente e forte degl'innovativi Mobile Doll, trovandosi costretta a consegnarsi alla Romefeller per poter salvare il suo paese. La Fondazione (specialmente il suo capo il Duca Dermail) sperano di poterla usare come simbolo di pace per rendere più facile l'assogettamento del mondo alla loro Oz, proclamandola rappresentante della fondazione e Sovrana della Nazione Mondiale. Tuttavia, Relena si dimostra decisa a dare alla neonata nazione un'impronta coerente coi suoi principi pacifisti a partire dalla smilitarizzazione delle forze della Fondazione. Proposta che trova approvazione nel Gran Consiglio, anche grazie alla morte di Dermail per mano dell'organizzazione dei ribelli delle Colonie noti come White Fang nello spazio (nel manga, invece, Dermail muore successivamente all'approvazione della proposta di Relena, che in questa versione coincide con la sua proclamazione a Regina). Purtroppo, Miliardo ha accettato dal White Fang di diventare il loro rappresentante e dichiara guerra alla Terra, proclamandone la distruzione, contemporaneamente Treize la convince ad abdicare in suo favore dichiarando a sua volta guerra a White Fang.

Relena si reca quindi nello spazio, intenzionata a far cambiare idea al fratello, che però si rifiuta di ascoltarla. Durante la sua permanenza sulla base di White Fang (la corazzata spaziale Libra) durante la battaglia fra questi e le forze della Nazione Mondiale guidate da Treize, rischierà di morire per mano di Quinze (il fondatore e comandante di White Fang) che cerca di fermare nella sua decisione di far schinatare la Libra sulla Terra, ma viene salvata da Heero.

Finita la guerra, Relena assumerà l'incarico di vice-ministro degli esteri della nuova Nazione Terrestre Unita e deciderà di riprendere il cognome Darlian. A un anno preciso dalla fine della guerra nel Anno Post Coloniale 196, viene rapita da Mariemaia Barton e da suo Deikim. Marimaia, che è anche la figlia di Treize Kusherenada ha intenzione, sotto l'influenza del nonno, di riunire Terra e colonie sotto un unico dittatoriale governo e spera di usare Relena per far accettare il dominio, come già la Romefeller aveva tentato di fare. In un primo momento, Relena sembra essere propensa ad appoggiare la ragazzina, se questo vuol dire evitare una nuova guerra ma di fronte alla determinazione di suo fratello, di Heero e degli altri piloti accorsi a salvarla, capisce che la pace non è una cosa che viene regalata e che può essere mantenuta solo da persone sincere che credono in essa, e (pur per breve tempo) riesce a comunicarlo alla popolazione di Bruxelles, capitale della Nazione occupata dall'esercito di Mariemaia. Le sue parole convincono la popolazione a scendere in piazza e a protestare contro Mariemaia e i suoi soldati, la ragazzina capisce di star sbagliando ma Deikim no, e spara alla sua stessa nipote sostenendo "di potere sempre creare un sostituto di Mriemaia", a quel gesto un soldato del loro esercito spara al "ribelle Barton" che muore sul colpo.

Dopo la minaccia di Deikim, Relena torna dunque al suo lavoro di diplomatica, con Heero accanto a lei pronto a proteggerla.

Somiglianze con SaylaModifica

Relena presenta alcune somiglianze col personaggio di Sayla Mass della prima serie di Gundam: entrambe sono figlie di un diplomatico pacifista ucciso per le sue idee (Sayla è la figlia di Zion Dum Deikun, mentre Relena lo è del re di Sank Kigdom) e sono state salvate da un collaboratore di loro padre che le ha cresciute. Sia Relena che Sayla vengono nascoste dietro uno pseudonimo, ma se per Sayla questo è totale essendo il suo vero nome Artesia Som Deikun per Relena è stato solo un cambio di cognome. Sia Relena che Artesia hanno in comune il fatto di essere attratte dal protagonista maschile (rispettivamente Amuro e Heero) e di essere le sorelle del loro più grande rivale. Inoltre il fratello di Relena (Miliardo) risulta chiaramente ispirato a Char, fratello di Sayla.