Religione in Nuova Zelanda

Prima chiesa di Otago (presbiteriana) a Dunedin .

La religione in Nuova Zelanda comprende una vasta gamma di gruppi e credenze. Il cristianesimo è la religione più comune con quasi la metà (48%) della popolazione secondo chi, nei dati del censimento della Nuova Zelanda del 2013, dichiara un'affiliazione.[1] Circa il 6% della popolazione è affiliata a religioni non cristiane, con l'induismo che al primo posto con oltre il 2%, mentre il 42% dei neozelandesi ha dichiarato di non avere religione nel censimento più recente e il 4% non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

Prima della colonizzazione europea la religione della popolazione indigena Maori era animistica. Il primo servizio cristiano fu condotto da un sacerdote francese, Paul-Antoine Léonard de Villefeix, il giorno di Natale del 1769.[2] I successivi sforzi di missionari come Samuel Marsden portarono la maggior parte dei Maori a convertirsi al cristianesimo. La maggior parte dei migranti europei del XIX secolo proveniva dalle isole britanniche, stabilendo le tre denominazioni britanniche dominanti in Nuova Zelanda: anglicanesimo, cattolicesimo e presbiterianesimo. La tendenza dei migranti scozzesi a stabilirsi ad Otago e nella Southland vide il presbiterismo predominare in queste regioni mentre l'anglicanesimo predominava altrove; l'effetto di questa suddivisione è ancora oggi presente e si riflette nelle statistiche sull'affiliazione religiosa. Mentre il 47,5% dei neozelandesi è affiliato al cristianesimo, la frequenza regolare alle attività della chiesa si attesta al 15%.[3]

Il numero di persone affiliate al cristianesimo è diminuito dagli anni '90 mentre sono aumentati coloro che affermano di non avere un'affiliazione religiosa. Con l'aumento dell'immigrazione, in particolare proveniente dall'Asia, il numero di persone affiliate a religioni non cristiane è aumentato notevolmente.

La Nuova Zelanda non ha una religione di stato, anche se l'anglicanesimo è la religione del sovrano della Nuova Zelanda (designato come "difensore della fede"). La libertà religiosa è stata protetta dalla firma del Trattato di Waitangi.[4]

StoriaModifica

I primi servizi cristiani condotti in Nuova Zelanda furono le liturgie cattoliche celebrate da padre Paul-Antoine Léonard de Villefeix, il cappellano domenicano della nave Saint Jean Baptiste comandata dal navigatore ed esploratore francese Jean-François-Marie de Surville . Villefeix fu il primo ecclesiastico cristiano a mettere piede in Nuova Zelanda, e disse la messa vicino a Whatuwhiwhi nei pressi della Doubtless Bay il giorno di Natale del 1769. Si dice che abbia anche condotto preghiere per i malati il giorno precedente e che abbia condotto sepolture cristiane.[5][6]

 
Questo dipinto del 1820 mostra i capi di Ngapuhi Waikato (a sinistra) e Hongi Hika con il missionario anglicano Thomas Kendall .

La storia religiosa della Nuova Zelanda dopo l'arrivo degli europei vide una sostanziale attività missionaria, con i Maori generalmente convertiti volontariamente al cristianesimo.[7] La Anglican Church Missionary Society (CMS) ha inviato i missionari per stabilirsi in Nuova Zelanda. Samuel Marsden[8] della Church Missionary Society (cappellano nel Nuovo Galles del Sud) officiò al suo primo servizio il giorno di Natale nel 1814, a Oihi Bay, nella Baia delle Isole .[6] Il CMS fondò la sua prima missione a Rangihoua nella Baia delle Isole nel 1814 e nel decennio successivo stabilì fattorie e scuole nella zona. Nel giugno 1823 Wesleydale, la prima missione metodista Wesleyana in Nuova Zelanda, fu fondata a Kaeo, vicino al porto di Whangaroa .[9] Jean Baptiste Pompallier arrivò nel 1838 e divenne il primo vescovo cattolico in Nuova Zelanda. Con alcuni fratelli maristi, Pompallier organizzò la Chiesa cattolica in tutto il paese.[10] Nel 1892 si formò in una sala della chiesa di Nelson la New Zealand Church Missionary Society (NZCMS) e i primi missionari neozelandesi furono inviati all'estero poco dopo.[11]

 
Christ Church a Russell, costruita nel 1835, è una delle chiese più antiche della Nuova Zelanda.[12]

Sebbene in Inghilterra la Chiesa anglicana fosse una religione di Stato affermata, alla metà del XIX secolo persino gli stessi anglicani a volte dubitavano di questa disposizione, mentre le altre maggiori denominazioni della nuova colonia (presbiteriani, metodisti e cattolici, per esempio) ovviamente preferivano che la situazione locale consentisse a tutti i loro gruppi.[13]

Il primo servizio ebraico comunale registrato in Nuova Zelanda si tenne il 7 gennaio 1843 a Wellington, sebbene singoli ebrei fossero tra i primi esploratori e coloni.[14]

Ondate di nuovi immigrati hanno portato con sé le loro particolari fedi (solitamente cristiane). La distribuzione denominazionale iniziale rifletteva molto il fatto che le comunità locali di immigrati iniziarono piccole e spesso provenivano da regioni relativamente piccole nei paesi di origine in Gran Bretagna. Di conseguenza, al momento del censimento del 1921, non esisteva una distribuzione uniforme tra i cristiani non maori, con i presbiteriani come gruppo dominante a Otago e Southland, gli anglicani nel Distretto di Far North, Gisborne e varie altre aree tra cui la penisola di Banks, mentre i metodisti fiorirono principalmente a Taranaki e nel distretto di Manawatu. Nel frattempo il cattolicesimo era la religione dominante sulla costa occidentale con le sue numerose riserve minerarie, e nell'Otago centrale.[13] La Chiesa cattolica, sebbene non particolarmente dominante in termini di numeri puri, divenne nota soprattutto in tutto il paese all'inizio e alla metà del XX secolo per la sua forte posizione in materia di istruzione, stabilendo un gran numero di scuole.

A partire dalla metà degli anni '60, l'appartenenza e la frequenza alla chiesa sono diminuite[15] e nel 2013 il 42% della popolazione ha dichiarato di non avere religione.[16] L'immigrazione dal 1991 ha portato a una rapida crescita del numero di seguaci di religioni come l'induismo, il buddismo e il sikhismo, in particolare ad Auckland.[17]

Secondo un sondaggio del 2019, quasi quattro su dieci neozelandesi non avevano fiducia nei cristiani evangelici .[18]

DemografiaModifica

 
Affiliazioni religiose dei neozelandesi negli ultimi cinque censimenti.
 
La non affiliazione religiosa è più alta tra i maschi e le giovani generazioni; ad eccezione della fascia di età compresa tra 10 e 14 anni, la maggior parte dei neozelandesi di età inferiore ai 35 anni non ha appartenenza religiosa.

Affiliazione religiosaModifica

L'appartenenza religiosa: statisticheModifica

La tabella che segue è basata sull'appartenenza religiosa dei dati registrati negli ultimi tre censimenti di solito per i residenti. Si noti che le cifre e le percentuali non possono raggiungere il 100% perché è possibile per le persone dichiarare più di una religione.[16] Si noti inoltre che gli indicatori di tendenza sono basati sulla variazione percentuale della popolazione, non sul numero di aderenti.

Religione Censimento 2013 Censimento 2006 Censimento 2001 Trend (%)
Numero % Numero % Numero % 2001–13
Cristianesimo 1,858,977 47.65 2,027,418 54.16 2,043,843 58.92  
    Cattolicesimo 492,105 12.61 508,437 13.58 485,637 14.00  
    Anglicanesimo 459,771 11.79 554,925 14.82 584,793 16.86  
Presbiterianesimo, Congegazionale e Riformato 330,516 8.47 400,839 10.71 431,139 12.43  
Cristiano (non ulteriormente definito) 216,177 5.54 186,234 4.97 192,165 5.54
    Metodismo 102,879 2.64 121,806 3.25 120,546 3.48  
    Pentecostale 74,256 1.90 79,155 2.11 67,182 1.94
    Battismo 54,345 1.39 56,913 1.52 51,423 1.48  
    Latter–day Saints 40,728 1.04 43,539 1.16 39,915 1.15  
    Brethren 18,624 0.48 19,617 0.52 20,397 0.59  
    Testimoni di Geova 17,931 0.46 17,910 0.48 17,829 0.51  
    Avventismo 17,085 0.44 16,191 0.43 14,868 0.43
    Evangelical, Born Again and Fundamentalist 15,381 0.39 13,836 0.37 11,016 0.32
    Orthodox 13,806 0.35 13,194 0.35 9,576 0.28  
    Salvation Army 9,162 0.23 11,493 0.31 12,618 0.36  
    Protestant (not further defined) 4,998 0.13 3,954 0.11 2,787 0.08  
    Lutheran 3,903 0.10 4,476 0.12 4,314 0.12
    Church of Christ and Associated Churches of Christ 2,145 0.05 2,991 0.08 3,270 0.09
    Uniting/Union Church and Ecumenical 999 0.03 1,419 0.04 1,389 0.04
    Asian Christian 132 <0.01 195 0.01 195 0.01
    Other Christian 3,714 0.10 3,798 0.10 3,558 0.10
Hinduism/Hindu 89,319 2.11 64,392 1.72 39,798 1.15  
Buddhism/Buddhist 58,404 1.50 52,362 1.40 41,634 1.20  
Māori Christian 52,947 1.36 65,550 1.75 63,597 1.83  
    Rātana 40,353 1.03 50,565 1.35 48,975 1.41  
    Ringatū 13,272 0.34 16,419 0.44 15,291 0.44  
    Māori Christian (not further defined) 222 0.01 219 0.01 237 0.01
    Other Māori Christian 333 0.01 360 0.01 426 0.01
Islam/Muslim 46,149 1.18 36,072 0.96 23,631 0.68  
Spiritualism and New Age Religions 18,285 0.47 19,800 0.53 16,062 0.46
    Spiritualist 7,776 0.20 7,743 0.21 5,856 0.17  
    Nature and Earth Based Religions 5,943 0.15 7,125 0.19 5,838 0.17
    Satanism 840 0.02 1,164 0.03 894 0.03
    New Age (not further defined) 441 0.01 669 0.02 420 0.01
    Church of Scientology 318 0.01 357 0.01 282 0.01
    Other New Age Religions 3,015 0.08 2,871 0.08 2,784 0.08
Judaism/Jewish 6,867 0.18 6,858 0.18 6,636 0.19
Other Religions 34,245 0.88 24,450 0.65 18,780 0.54  
    Sikh 19,191 0.49 9,507 0.25 5,199 0.15  
    Other Religion (not further defined) 5,202 0.13 4,830 0.13 4,641 0.13
    Baha'i 2,634 0.07 2,772 0.07 2,988 0.09
    Māori Religion 2,595 0.07 2,412 0.06 1,995 0.06
    Theism 1,782 0.05 2,202 0.06 1,491 0.04
    Zoroastrian 972 0.02 1,071 0.03 486 0.01
    Chinese Religions 906 0.02 912 0.02 1,269 0.04
    Japanese Religions 423 0.01 384 0.01 303 0.01
    Jainism 207 0.01 111 <0.01 57 <0.01
    Other Other Religions 333 0.01 258 0.01 351 0.01
Totale persone con almeno un'affiliazione religiosa 2,146,167 53.64 2,271,921 60.69 2,232,564 64.36  
Nessuna Religione 1,635,345 41.92 1,297,104 34.65 1,028,049 29.64  
Risposte 173,034 4.44 242,607 6.48 239,241 6.90  
Totale persone dichiarate 3,901,167 100.00 3,743,655 100.00 3,468,813 100.00
Non incluso altrove 347,301 292,974 287,376
Popolazione totale 4,242,048 4,027,947 3,737,277

Tendenze regionaliModifica

 
Denominazioni cristiane dominanti in ciascuna autorità territoriale, censimento del 2013. Le Isole Chatham sono più grandi tra anglicani e cattolici.
Denominazioni cristiane per regione, censimento del 2013[16]
Regione anglicano cattolico presbiteriano
Num. % Num. % Num. %
Northland 19.836 14,7 3.743 10.2 7293 5.4
Auckland 117.843 9.1 172.110 13.3 95.889 7.4
Waikato 45.687 12.3 41.148 11.1 27.885 7.5
Bay of Plenty 31.674 13,0 26.817 11.0 19.938 8.2
Gisborne 7998 20.5 3.195 8.2 2.523 6.5
Hawke's Bay 22.800 16,5 15.729 11.4 12.879 9.3
Taranaki 13.584 13.5 15.654 15.5 7815 7.7
Manawatu-Wanganui 29.190 14.2 25.719 12.5 16.269 7.9
Wellington 51.819 11.9 64.497 14.8 30.222 6.9
Tasman 6147 13.9 3.261 7.4 2.622 5.9
Nelson 5.763 13.3 3.885 9.0 2.484 5.7
Marlborough 7182 17.8 4.536 11.2 3.561 8.8
costa ovest 4.101 14.0 4.929 16.8 1.941 6.6
Canterbury 74.277 14.8 63.858 12,7 48.378 9.6
Otago 15.741 8.4 21.492 11.5 31.998 17.1
Southland 6.015 6.9 11.421 13.1 18.804 21.6
Totale della Nuova Zelanda 459.771 11.8 492.105 12.6 330.516 8.5

Fenomeno del censimento JediModifica

Incoraggiati da una campagna di posta elettronica informale, oltre 53.000 persone si sono elencate come Jedi nel censimento della Nuova Zelanda del 2001 (oltre l'1,5% delle risposte). Se la risposta Jedi fosse stata accettata come valida sarebbe stata la più grande religione non cristiana in Nuova Zelanda e la seconda religione più grande in assoluto. Tuttavia, la Statistics New Zealand ha trattato le risposte Jedi come "Risposta compresa, ma non verrà conteggiata".[19] La città di Dunedin (una città universitaria) aveva la più alta popolazione di Jedi pro capite segnalati. Nel censimento del 2006 solo 20.000 persone hanno dichiarato la loro religione come Jedi.[20]

NoteModifica

  1. ^ 2013 Census QuickStats about culture and identity – Religious affiliation, Stats NZ – stats.govt.nz, 15 April 2014. URL consultato il 24 August 2017.
  2. ^ King, Michael. The Penguin History of New Zealand. Auckland: Penguin, 2003.
  3. ^ Stephen Opie, Bible Engagement in New Zealand: Survey of Attitudes and Behaviour (PDF), Bible Society of New Zealand, June 2008, p. 4. URL consultato il 17 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2010).
  4. ^ Religious Diversity in New Zealand - Statement on Religious Diversity (PDF), New Zealand Human Rights Commission and Victoria University.
  5. ^ Michael King, The Penguin History of New Zealand, Auckland, Penguin, 2003.
  6. ^ a b Samuel Marsden's first service, Ministry for Culture and Heritage, 20 December 2016. URL consultato il 21 August 2017.
  7. ^ John Stenhouse, Religion and society - Māori and religion, Te Ara: The Encyclopedia of New Zealand. URL consultato il 17 August 2017.
  8. ^ Samuel Marsden, The Marsden Collection, su Marsden Online Archive, University of Otago. URL consultato il 18 May 2015.
  9. ^ Wesleyan mission established, Ministry for Culture and Heritage, 21 December 2016. URL consultato il 21 August 2017.
  10. ^ E. R. Simmons, Pompallier, Jean Baptiste François, su Dictionary of New Zealand Biography, November 2010.
  11. ^ NZCMS, New Zealand Church Missionary Society. URL consultato il 18 July 2008 (archiviato dall'url originale il 14 October 2008).
  12. ^ Claudia Orange, Northland places - Russell, su Te Ara: The Encyclopedia of New Zealand. URL consultato il 17 August 2017.
  13. ^ a b New Zealand Historical Atlas (1997) McKinnon, Malcolm (Editor); David Bateman, Plate 70
  14. ^ (EN) About us, in Wellington Jewish Community Centre, 4 November 2014. URL consultato l'8 July 2017 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2019).
  15. ^ John Stenhouse, Religion and society - Towards a more secular society, 1970–21st century, su Te Ara: The Encyclopedia of New Zealand. URL consultato il 17 August 2017.
  16. ^ a b c 2013 Census QuickStats about culture and identity – tables (XLS), Statistics New Zealand, 15 April 2014. URL consultato il 18 July 2015 (archiviato dall'url originale il 24 May 2014).
  17. ^ Lincoln Tan Lincoln Tan is the New Zealand Herald's Diversity Lincoln. Tan@Nzherald. Co. Nz @Lincolntannzh, Christian faiths losing out to other religions, in NZ Herald, October 2012.
  18. ^ New survey reveals which religions New Zealanders trust most - and least - after Christchurch shootings.
  19. ^ Alan Perrott, Jedi Order lures 53,000 disciples, in The New Zealand Herald, 31 August 2002. URL consultato il 5 April 2006.
  20. ^ Jedi knights wane, migrant religions grow, Dominion Post, 8 December 2006. URL consultato il 29 May 2010.
    «'... census general manager Nancy McBeth told The Dominion Post there were more than 20,200 followers of the force – down from 54,000 in 2001.'».

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica