Apri il menu principale

BiografiaModifica

 
Medusa, opera di René Lalique

Le sue creazioni, raffiguranti soprattutto elementi naturali, animali e nudi femminili, si distinsero dapprima nell'ambito dell'Art Nouveau e in seguito in quello dell'Art Déco. Orafo, vetraio e disegnatore, lavorò per Cartier, ideò gioielli per Sarah Bernhardt e riscosse grande successo in occasione dell'esposizione universale di Parigi del 1900.

Affidandosi più all'originalità del disegno e alla qualità della lavorazione che al valore del materiale utilizzato, Lalique ricorse ad esempio all'avorio, al corno e allo smalto per realizzare molti pezzi unici. Dai primi anni del Novecento applicò la propria creatività soprattutto al vetro, dapprima nell'ambito dell'arte orafa e poi sempre più spesso a fini commerciali, dedicandosi alla produzione degli articoli più diversi e applicando una grande varietà di tecniche. La sua attività si interruppe durante la seconda guerra mondiale, ma venne ripresa dal figlio Marc nel 1946. Nel 2000, l'imprenditore svizzero Silvio Denz ha acquisito la proprietà della cristalleria Lalique a Wingen-sur-Moder e ha esteso il marchio Lalique ad altre categorie merceologiche, tra cui profumi, gioielli, oggetti d'arredo ed oggetti d'arte realizzati con artisti quali Jean-Michel Jarre e Zaha Hadid.

CollezioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Collezione Museu Calouste Gulbenkian, su museu.gulbenkian.pt. URL consultato il 12 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2013).
  2. ^ Collezione Rijksmuseum
  3. ^ Collezione Victoria and Albert Museum

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22171189 · ISNI (EN0000 0000 8100 7482 · LCCN (ENn81138330 · GND (DE118568841 · BNF (FRcb12101962w (data) · ULAN (EN500063396 · NLA (EN35762198 · NDL (ENJA00446684 · WorldCat Identities (ENn81-138330