Renée Zellweger

attrice statunitense

Renée Kathleen Zellweger (Katy, 25 aprile 1969) è un'attrice statunitense.

Giunge alla notorietà per i suoi ruoli in film come Jerry Maguire (1996), La voce dell'amore (1998) e Betty Love (2000), che le è valso il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale. Raggiunge la fama internazionale con il ruolo di Bridget Jones nella commedia Il diario di Bridget Jones (2001) e di Roxie Hart nel film musicale di successo Chicago (2002), per i quali ha ricevuto la sua prima e seconda nomination al Premio Oscar per la miglior attrice. Per quest'ultimo si è aggiudicata invece il suo secondo Golden Globe e due Screen Actors Guild Awards.

Per la sua performance nel dramma Ritorno a Cold Mountain (2003), la Zellweger ha vinto un Golden Globe, uno Screen Actors Guild Award, un Critics Choice Award, un Premio BAFTA e un Premio Oscar nella sezione miglior attrice non protagonista. Ha successivamente ripreso il suo ruolo di Bridget Jones nei sequel Che pasticcio, Bridget Jones! (2004) e Bridget Jones's Baby (2016). Dopo alcuni anni di ritiro dalle scene, la Zellweger ha ricevuto il plauso universale della critica per la sua interpretazione di Judy Garland nel film biografico Judy (2019), per il quale si è aggiudicata il Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico, il Critics' Choice Award per la migliore attrice in un film, lo Screen Actors Guild Award per la migliore attrice protagonista cinematografica, il BAFTA alla migliore attrice protagonista e l'Oscar alla miglior attrice.

È, inoltre, una delle sette attrici (insieme a Helen Hayes, Ingrid Bergman, Maggie Smith, Meryl Streep, Jessica Lange e Cate Blanchett) ad aver vinto il premio Oscar sia come migliore attrice protagonista sia come migliore attrice non protagonista.

BiografiaModifica

È figlia di un ingegnere meccanico svizzero, Emil Erich Zellweger di Au nel Canton San Gallo, originario di una famiglia nobile dell'Appenzello, e di un'infermiera sami, Kjellfrid Irene Andreassen. Diplomatasi nel 1987 alla high school della sua città natale, Katy, piccolo sobborgo di Houston (Texas), Renée, appassionata ginnasta, partecipa al club di recitazione. Dopo il diploma si iscrive all'Università di Austin, dove si laurea in letteratura inglese.

Inizialmente interessata alla carriera giornalistica, il suo approccio con il mondo dello spettacolo non è diretto; in effetti, pare abbia frequentato un corso di recitazione unicamente per ampliare il suo curriculum scolastico. Questa esperienza le avrebbe fatto capire tuttavia quanto amasse recitare. Intenzionata a intraprendere la carriera di attrice, dopo la laurea inizia a fare audizioni per spot pubblicitari e piccoli film girati in Texas.

 
Renée Zellweger alla prima di Judy al Toronto International Film Festival del 2019.

Tra i suoi primi ruoli cinematografici vi è quello nell'horror del 1994, Non aprite quella porta IV (The Return of the Texas Chainsaw Massacre). Sul set del film però l'attrice viene a sapere di un'audizione per il film Love & una 45 (Love and a .45) (1994). Renée partecipa ai provini e si aggiudica il ruolo di protagonista. Successivamente interpreta la fidanzata di Tom Cruise in Jerry Maguire (Jerry Maguire) (1996), e offre una prima prova drammatica nel ruolo della giornalista in carriera che si riavvicina a sua madre quando scopre la sua malattia terminale ne La voce dell'amore (One True Thing) (1998), al fianco di Meryl Streep[1].

Nel 2000 vince il primo Golden Globe per Betty Love. Il successo internazionale arriva nello stesso anno, quando interpreta con grande verve la romantica e impacciata single trentacinquenne protagonista de Il diario di Bridget Jones (Bridget Jones' Diary) di Sharon Maguire, tratto dall'omonimo libro di Helen Fielding, che le varrà una nomination all'Oscar, e che nel 2004 sarà seguito da Che pasticcio, Bridget Jones! (Bridget Jones: The Edge of Reason).

Successivamente spazia in molti generi cinematografici, dal musical (è una perfetta Roxie Hart nello scoppiettante Chicago (Chicago) (2002) di Rob Marshall) al dramma (è l'attrice a cui viene affidata la figlia di un'artista condannata per omicidio – interpretata da Michelle Pfeiffer – in White Oleander (White Oleander) (2002)[2]), preferendo però esibirsi nel genere a lei più consono, la commedia (interpreta in modo vivace una scrittrice pseudo-femminista corteggiata per scommessa da un giornalista sbruffone (interpretato da Ewan McGregor), in Abbasso l'amore, (Down with Love) (2003), ambientato nell'America degli anni sessanta). È per un dramma in costume però, quale Ritorno a Cold Mountain (Cold Mountain) (2003), che si aggiudica un premio Oscar come miglior attrice non protagonista.

Nel 2006 Renée Zellweger interpreta la scrittrice e illustratrice Beatrix Potter, famosa per i suoi libri per bambini, nel film Miss Potter diretto da Chris Noonan, per il quale l'attrice riceve la sua sesta nomination al Golden Globe. Nel 2016 prende parte al terzo capitolo del franchise su Bridget Jones, dal titolo Bridget Jones's Baby, accanto a Colin Firth e Patrick Dempsey.[3] Nello stesso anno è protagonista, accanto a Keanu Reeves, del thriller Una doppia verità.[4]

Nel 2019 veste i panni di Judy Garland nel biografico Judy, riguardante gli ultimi mesi di vita della cantante Judy Garland. La pellicola fu presentata l'11 settembre al Toronto International Film Festival e venne apprezzata da parte della critica, con un particolare elogio per la performance dell'attrice.[5] Per questa interpretazione vince un secondo Oscar, questa volta come miglior attrice protagonista.[6]

Vita privataModifica

Il 9 maggio 2005 ha sposato il cantante Kenny Chesney sull'isola di Saint John, ma il 25 settembre successivo la coppia ha annunciato l'annullamento.[7] Dal 2009 al 2011 ha avuto una relazione con l'attore Bradley Cooper.[8]

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

Premi e candidatureModifica

Premio Oscar

Golden Globe

Saturn Award

American Comedy Awards, USA

  • 2001 – Candidatura all'Attrice protagonista più divertente per Betty Love

BAFTA Awards

Blockbuster Entertainment Awards

  • 1997Migliore attrice non protagonista in un film commedia o romantico per Jerry Maguire
  • 2001 – Candidatura alla Miglior attrice protagonista in un film commedia o romantico per Io, me & Irene

Critics' Choice Movie Awards

Chicago Film Critics Association Awards

Dallas-Fort Worth Film Critics Association Awards

Empire Awards

Independent Spirit Awards

London Critics Circle Film Awards

  • 2001 – Candidatura all'Attrice dell'anno per Betty Love
  • 2020 – Attrice dell'anno per Judy

Lone Star Film & Television Awards (Special Award)

  • 1997Migliore star attrice

MTV Movie Awards

Mar del Plata Film Festival

National Board of Review, USA (NBR Award)

Online Film Critics Society Awards

  • 2004 – Candidatura alla Migliore attrice non protagonista per Ritorno a Cold Mountain
  • 2020 – Candidatura alla miglior attrice per Judy

People's Choice Awards, USA

  • 2005Migliore attrice protagonista
  • 2006 – Candidatura alla Migliore attrice protagonista

Phoenix Film Critics Society Awards

  • 2001 – Candidatura alla Migliore attrice protagonista per Betty Love
  • 2003 – Candidatura al Miglior cast per Chicago (insieme al resto del cast)
  • 2004 – Candidatura alla Migliore attrice non protagonista per Ritorno a Cold Mountain
  • 2019 – Miglior attrice protagonista per Judy

San Diego Film Critics Society Awards

  • 2000 – Candidatura alla migliore attrice per Betty Love
  • 2003 – Migliore attrice non protagonista per Ritorno a Cold Mountain
  • 2019 – Candidatura alla migliore attrice per Judy

Satellite Awards

Screen Actors Guild Awards (Actor)

Southeastern Film Critics Association Awards (SEFCA Award)

Teen Choice Awards (Teen Choice Award)

Visual Effects Society Awards (VES Award)[14]

Washington DC Area Film Critics Association Awards (WAFCA Award)

  • 2002 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per White Oleander
  • 2003 – Candidatura alla Migliore attrice non protagonista per Ritorno a Cold Mountain
  • 2019 – Candidatura alla miglior attrice per Judy

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Renée Zellweger è stata doppiata da:

  • Giuppy Izzo in La voce dell'amore, Il diario di Bridget Jones, Chicago, Abbasso l'amore, Ritorno a Cold Mountain, Che pasticcio, Bridget Jones!, Cinderella Man - Una ragione per lottare, Miss Potter, In amore niente regole, New in Town - Una single in carriera, Appaloosa, Case 39, My One and Only (ridoppiaggio), Bridget Jones's Baby, Diverso come me, What/If, Judy
  • Chiara Colizzi in Il mondo intero, Il gioco dei rubini, Io, me & Irene, Una doppia verità
  • Eleonora De Angelis in Non aprite quella porta 4, Lo scapolo d'oro
  • Rossella Acerbo in Love e una 45
  • Ilaria Stagni in Empire Records
  • Georgia Lepore in Jerry Maguire
  • Laura Lenghi in L'impostore
  • Giò Giò Rapattoni in Betty Love
  • Roberta Paladini in White Oleander
  • Jasmine Laurenti in My One and Only

Da doppiatrice è sostituita da:

NoteModifica

  1. ^ Pagina del film "La voce dell'amore" (1998) su MYmovies
  2. ^ Pagina del film "White Oleander" (2002) su MYmovies
  3. ^ Bridget Jones’s Baby: le prime clip italiane del film con Renée Zellweger, Colin Firth e Patrick Dempsey, su badtaste.it, 22 settembre 2016. URL consultato il 5 novembre 2016.
  4. ^ Una doppia verità. trailer e manifesto del film con Keanu Reeves, su mondofox.it, 18 maggio 2017. URL consultato il 2 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2017).
  5. ^ Beatrice Pagan, JUDY: STANDING OVATION PER RENÉE ZELLWEGER A TORONTO, SEMPRE PIÙ VICINA LA NOMINATION AGLI OSCAR?, su Movieplayer.it, 11 settembre 2019. URL consultato l'11 settembre 2019.
  6. ^ a b Tutti i vincitori degli Oscar 2020, su ilpost.it, 10 febbraio 2020. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  7. ^ Per la Zellweger un divorzio lampo, su tgcom24.mediaset.it, 16 settembre 2005. URL consultato il 2 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2018).
  8. ^ Da Renée Zellweger a Jennifer Lopez: tutte le ex di Bradley Cooper, su deejay.it, 1º marzo 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  9. ^ Golden Globes 2020: ecco la lista di tutti i vincitori, su bitchyf.it. URL consultato il 6 gennaio 2019.
  10. ^ Alessandro De Simone, Bafta 2020, trionfano «1917» e Phoenix all'alba della Brexit, in GQ, 3 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  11. ^ Critics’ Choice Awards 2020: il miglior film è C’era una volta a… Hollywood, su badtaste.it, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  12. ^ (EN) 24ª edizione dei Satellite Awards, su pressacademy.com. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  13. ^ Valentina D'amico, SAG Awards 2020: Parasite, The Crown e Joaquin Phoenix tra i vincitori, su movieplayer.it, 20 gennaio 2020. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  14. ^ (EN) 3rd Annual VES Awards, su visualeffectssociety.com. URL consultato il 20 settembre 2012 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN106631170 · ISNI (EN0000 0001 1479 4452 · LCCN (ENno98132432 · GND (DE129601799 · BNF (FRcb140324169 (data) · BNE (ESXX1363494 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98132432