Apri il menu principale

Renzo Del Carria

storico italiano

Renzo Del Carria (Firenze, 12 luglio 1924Firenze, 19 settembre 2010) è stato uno storico italiano.

Laureato in giurisprudenza, avvocato[1], da giovane partecipò alla Resistenza partigiana unendosi alle brigate di Giustizia e Libertà[2]. Dal 1945 al 1960 fu iscritto al Partito Comunista Italiano, ma successivamente dimostrò simpatie per i movimenti maoisti[2], iniziando una ricerca storica sul revisionismo del PCI, che a sua volta influenzerà altri studiosi, come Nicoletta Misler [3].

Come storico si occupò principalmente delle rivolte popolari avvenute in Italia dall'unificazione fino agli anni '70 del secolo XX. Nel 1966 pubblicò i primi due volumi del saggio Proletari senza rivoluzione, con le Edizioni Oriente, una piccola casa editrice specializzata in opere sulla rivoluzione culturale cinese e il maoismo in generale [4], quest'opera gli rese immediatamente notorietà, e la sua diffusione fu tale da essere ristampata due anni dopo dal medesimo editore. In esso Del Carria tracciava una storia d'Italia mettendosi nell'ottica non già della classe dirigente ma in quella delle masse subalterne, dando particolare risalto alle lotte popolari.

L'opera - nata dall'esigenza "di scrivere una storia dei vinti, che non ha mai trovato molto spazio nelle storie ufficiali"[5] - ebbe particolare successo tra i giovani e divenne un punto di riferimento dei sessantottini italiani[6]; di conseguenza, quando iniziarono i prodromi delle nuove proteste studentesche, l'editore Giulio Savelli ristampò nel 1975 il testo, nel frattempo ampliato a quattro volumi, a cui in seguito nel 1977 se ne aggiunse un quinto arrivando a coprire storicamente fino al 1975. Anche se non mancarono le polemiche (Del Carria venne accusato da Mimmo Franzinelli di utilizzare solo fonti parziali e di seconda mano, mentre secondo Silverio Corvisieri si trattava di un "ottimo lavoro" [6]), Proletari senza rivoluzione ebbe una vasta distribuzione assicurando una certa popolarità tra gli esponenti della sinistra extraparlamentare del periodo[7].

Nella seconda metà degli anni Ottanta, con la scomparsa della militanza politica lo storico cambiò le sue posizioni politiche [8] arrivando a sostenere posizioni federaliste : fu infatti tra i fondatori dell’Alleanza Toscana, divenuta poi Lega Toscana[9], antesignano della Lega Nord cui aderì fin dalla sua nascita[2]. Con questa si candidò due volte: alle elezioni regionali del 1990 e alle politiche del 1994 (presentandosi al Senato col Polo delle Libertà nel collegio Firenze Nord), in ambedue le circostanze non riuscì ad essere eletto. Ormai orientato verso il federalismo, nel 2001 diede alle stampe Le piccole patrie e il caso toscano: la Toscana dei comuni federati. Sposato con Vanna Sebastiani e padre di tre figli, morì il 19 settembre 2010[10].

NoteModifica

  1. ^ Avvocati professionisti di Firenze, su avvocati.professionistifirenze.com. URL consultato il 15 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ a b c l'Oriente era rosso, ma poi venne Bossi, Il Corriere della Sera, 18 febbraio 1993
  3. ^ p.1333. M. Lamberti, recensione di "La via italiana al realismo - La politica culturale artistica del P.C.I. dal 1944 al 1956 di Nicoletta Misler"; Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia Serie III, Vol. 3, No. 4 (1973), pp. 1333-1336
  4. ^ Dieci anni all’inferno: storia dell’altra editoria
  5. ^ Giuseppe Zanlungo e Umberto Calamita, La bibliografia italiana sulla Comune di Parigi.
  6. ^ a b Mimmo Franzinelli, La Resistenza e le provocazioni del Sessantotto, "l'impegno", a. XXI, n. 2, agosto 2001, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli online
  7. ^ Lynda Dematteo, L'idiota in politica. Antropologia della Lega Nord, Feltrinelli, Milano, 2011, p. 238
  8. ^ Intervista a Renzo Del Carria realizzata da Giorgio Bacchin, Franco Melandri
  9. ^ La Storia, naz-toscana.leganord.org
  10. ^ Necrologie, Quotidiano Nazionale, 18 settembre 2010

OpereModifica

  • Renzo Del Carria,Palermo 1866: una insurrezione senza speranza, Rivista Storica del Socialismo, n. 27, La Nuova Italia, 1966
  • Renzo Del Carria, Proletari senza rivoluzione. Storia delle classi subalterne italiane dal 1860 al 1950, Vol 1-2, Edizioni Oriente, Milano, 1966
  • Renzo del Carria,Guerre di Popolo nel Mondo- Atlantino geografico - politico e cronologia della guerra di popolo nel mondo al 1968, Edizioni Oriente, 1969
  • Renzo Del Carria,Elezioni della borghesia , Edizioni di Ideologia, 1972
  • Renzo Del Carria,Elezioni e lotta di classe - Un saggio introduttivo con i confronti antologici da A.Bordiga, A.Pannekoek, N.Lenin, H.Gorter., Casa Editrice G.D'Anna, Messina-Firenze, 1976
  • Renzo Del Carria,Malgrado tutto - Teorie e pratica della concezione marxista dello stato, Savelli editori, 1980
  • Renzo Del Carria, Brot, Arbeit, Freiheit, Suhrkamp Verlag KG, 1982
  • Renzo Del Carria,Il potere diffuso: i Verdi in Italia, Edizioni del Movimento Nonviolento, 1986
  • Renzo Del Carria, Claudio De Boni Gli stati uniti d'Italia - Antologia dei Federalisti Italiani, Casa Editrice G. D'Anna, 1991
  • Renzo Del Carria,Toscana nazione federale, Firenze, 1995
  • Renzo Del Carria,Le piccole patrie e il caso toscano. La Toscana dei comuni federati, Editore Centro Editoriale Toscano, 2001

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN116302383 · ISNI (EN0000 0000 8324 7834 · LCCN (ENn88618787 · NLA (EN35709047 · WorldCat Identities (ENn88-618787