Apri il menu principale

Renzo Gobbo

allenatore di calcio e calciatore italiano
Renzo Gobbo
Renzo Gobbo.jpg
Renzo Gobbo con la maglia del Como (1981)
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
Montebelluna
Squadre di club1
1977-1980Montebelluna44 (7)
1980-1983Como55 (5)
1983-1984Catanzaro34 (2)
1984-1985Como21 (0)
1985-1986Brescia32 (3)
1986-1988Messina60 (2)
1988-1991Venezia72 (4)
1991-1993Massese51 (1)
1993-1995Carrarese40 (0)
1995-1996Sondrio33 (2)
Nazionale
1981 Italia Italia U-21 1 (0)
Carriera da allenatore
1995-1998Sondrio
1998-2001Canzese
2002-2003Pro Vercelli
2003-2006Carrarese
2007-2008Palermo
2008-2010Montichiari
2010Ternana
2012Sambonifacese
2012-2013Isernia
2014-2015Celano
2015-2016Voluntas Spoleto
2016-Bastia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 febbraio 2018

Renzo Gobbo (Castelfranco Veneto, 13 gennaio 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

La sua carriera di centrocampista cominciò nel 1977, quando sedicenne esordì nel Montebelluna, squadra con la cui maglia giocò tre stagioni prima di esordire in Serie A con il Como. Chiuse la sua carriera agonistica nel 1996 nel Sondrio.

In carriera ha totalizzato complessivamente 69 presenze e 5 reti in Serie A (tutte nelle file del Como) e 133 presenze e 7 reti in Serie B con le maglie di Como, Catanzaro, Brescia e Messina, centrando la promozione in massima serie col Brescia nella stagione 1985-1986.

AllenatoreModifica

Iniziò la sua carriera da allenatore nel 1995, al Sondrio, nella doppia veste di allenatore-giocatore. Dal 1998 al 2001 guidò la Canzese, che portò in Eccellenza con una doppia promozione consecutiva. Nel 2002 fu ingaggiato dalla Pro Vercelli, in Serie C2, categoria nella quale militò nelle successive tre stagioni, guidando la Carrarese.

Nel 2006 fu tra i papabili per la panchina della Nazionale di calcio del Kazakistan[1].

Per la stagione 2006-2007 fu secondo del suo conterraneo Francesco Guidolin sulla panchina del Palermo, allenando poi i rosanero assieme a Rosario Pergolizzi nel periodo successivo all'esonero di Guidolin da parte del presidente Maurizio Zamparini. Debuttò il 29 aprile 2007 con una vittoria esterna contro il Livorno (2-1). Il 13 maggio, dopo la partita persa per 3-2 dal Palermo in casa dell'Ascoli, Guidolin ritornò allenatore. Gobbo fu confermato come secondo di Stefano Colantuono per la stagione consecutiva, venendo poi esonerato con l'intero staff nel mese di novembre.

A dicembre 2008 sostituisce Flavio Destro sulla panchina del Montichiari e nella stagione 2009-2010 riesce a portala dalla Serie D alla Seconda Divisione, vincendo anche lo scudetto di categoria.

Il 7 luglio 2010 firma un accordo annuale con la Ternana,[2] squadra di Lega Pro Prima Divisione. Il 12 ottobre dello stesso anno viene esonerato dalla società insieme all'allenatore in seconda Salvatore D'Urso e al preparatore atletico Corrado De Luca;[3][4] lascia la squadra in zona retrocessione con 8 punti in 8 partite.

Nel luglio 2012 diventa allenatore della Sambonifacese[5] per poi rescindere il contratto una settimana dopo. Diventa in seguito allenatore dell'Isernia, concludendo la stagione al 13esimo posto. La stagione 2013-2014 viene esonerato dopo 5 partite.[senza fonte]

Dal luglio 2014 siede sulla panchina del Celano ma con la squadra all'ultimo posto, il 10 gennaio 2015 viene esonerato.[senza fonte]

Dal 12 giugno 2015 diventa allenatore della Voluntas Spoleto venendo tuttavia esonerato a gennaio.

Dal settembre 2016 allena il Bastia.

NazionaleModifica

Ha indossato la casacca azzurra dell'Under-21 allenata da Azeglio Vicini il 18 aprile 1981, in un'amichevole vinta per 1-0 a Modena contro i pari età della Germania Est.

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

  • Campionato italiano di Serie D: 1
Montichiari: 2009-2010

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica