Repressione ideologica

Per repressione ideologica si intendono le attività energiche contro ideologie e filosofie in competizione.

Alan Wolfe definisce la repressione ideologica come "il tentativo di manipolare la coscienza delle persone in modo che accettino l'ideologia dominante, e diffidano e si rifiutano di essere mossi da ideologie in competizione".[1]

Agli albori dell'Unione Sovietica e in altri paesi, la repressione ideologica fu attuata dalla repressione politica dei portatori di ideologie concorrenti.

Gli strumenti di repressione ideologica sono la propaganda e la censura. Durante i giorni del "marxismo-leninismo"" [2] nell'Unione Sovietica - all'inizio degli anni '30 - gli studenti di questa particolare scuola di pensiero ricevevano libri di testo che incoraggiavano un modo particolare di pensare (il modo marxista) come fondamentale e la più scientifica e vera scuola di pensiero.

Attraverso la repressione ideologica e il controllo delle informazioni sulla produzione, l'Unione Sovietica stava cercando di tenere a bada le rivoluzioni sociali.[2]

NoteModifica

  1. ^ come citato in "Television as an Instrument of Terror", di Arthur Asa Berger, p. 369
  2. ^ a b Marietta Stepaniants, Teaching Philosophy: Reflections on the Soviet Experience, in Philosophy East and West, vol. 46, n. 3, 1996, pp. 381–388, DOI:10.2307/1399530, JSTOR 1399530.

Voci correlateModifica