Repubblica di Ararat

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Repubblica di Mahabad o Prima Repubblica di Armenia.

La Repubblica di Ararat, o Repubblica curda di Ararat,[6][7][8] (in curdo: Komara Agiriyê ,کۆماری ئارارات[9][10] e in curdo: Komara Araratê[11]) fu un autoproclamato Stato curdo posto nella Turchia orientale, al centro dell'odierna provincia di Karaköse. "Agirî" è il nome curdo di Ararat.[12]

Repubblica di Ararat
Komara Agiriyê
Komara Araratê
Repubblica di Ararat Komara Agiriyê Komara Araratê – Bandiera
Republic of Ararat.png
Dati amministrativi
Lingue parlatecurdo
CapitaleKurd Ava[1] / Kurdava[2]
(Doğubeyazıt)
Politica
Forma di StatoRepubblica
Capo di GovernoPresidente[3] Ibrahim Heski[4]
Supremo comandante Ihsan Nuri[4]
Nascita28 ottobre 1927
CausaDichiarazione dell'indipendenza[5]
Fine1930
CausaRicontrollo della Turchia
Territorio e popolazione
Evoluzione storica
Preceduto daTurchia Turchia
Succeduto daTurchia Turchia
Ora parte diTurchia Turchia

StoriaModifica

La Repubblica di Ararat, guidata dal comitato centrale del partito Xoybûn, dichiarò l'indipendenza il 28 ottobre 1927 (o secondo altre fonti nel 1928[8][13][14]) durante un'ondata di ribellione tra i curdi nel sud-est della Turchia. Come capo dell'esercito fu nominato Ihsan Nuri e Ibrahim Heski fu incaricato per il governo civile.

Al primo incontro di Xoybûn, Ihsan Nuri Pasha fu dichiarato comandante militare della Ribellione dell'Ararat.[15] Ibrahim Heski fu nominato capo dell'amministrazione civile.[16] Nell'ottobre 1927, Kurd Ava o Kurdava, un villaggio vicino al monte Ararat, fu designato come capitale provvisoria del Kurdistan. Lo Xoybûn fece appello alle Grandi Potenze e alla Società delle Nazioni e inviò anche messaggi ad altri curdi in Iraq e Siria per chiedere una cooperazione.[17] Tuttavia sotto la pressione della Turchia, l'Impero britannico e la Francia imposero restrizioni alle attività dei membri dello Xoybûn.

Le forze armate turche sconfissero successivamente la Repubblica di Ararat nel settembre 1931.[18][19]

Bandiera della Repubblica di AraratModifica

La bandiera è apparsa per la prima volta durante il movimento per l'indipendenza curda dall'Impero ottomano e ricorda una versione precedente creata dall'organizzazione Xoybûn (Khoyboon), attiva nella ribellione dell'Ararat del 1930, e sventolata dalla Repubblica di Ararat durante il periodo 1927-1931.

 
 
Da sinistra a destra: Sipkanlı Halis Bey, Ihsan Nuri Pasha, Hasenanlı Ferzende Bey

NoteModifica

  1. ^ (EN) Wadie Jwaideh, The Kurdish National Movement: Its Origins and Development, Syracuse University Press, 19 giugno 2006, p. 211, ISBN 978-0-8156-3093-7. URL consultato il 4 giugno 2021.
  2. ^ (FR) Celal Sayan, La construction de l'état national turc et le mouvement national kurde, 1918-1938, Presses universitaires du septentrion, 2002, p. 649, ISBN 978-2-284-03546-6. URL consultato il 4 giugno 2021.
  3. ^ (EN) Paul J. White, Primitive Rebels Or Revolutionary Modernizers: The Kurdish Nationalist Movement in Turkey, Zed Books, 2000-10, p. 77, ISBN 978-1-85649-822-7. URL consultato il 4 giugno 2021.
  4. ^ a b Emin Karaca, Ağrı eteklerinde isyan : bir Kürt ayaklanmasının anatomisi, 2. baskı, Karakutu Yayınları, 2003, p. 23, ISBN 975-8658-38-7, OCLC 978045682. URL consultato il 4 giugno 2021.
  5. ^ (EN) Dana Adams Schmidt, Journey Among Brave Men, Little, Brown, 1964, p. 57. URL consultato il 4 giugno 2021.
  6. ^ Christopher Houston, Kurdistan: crafting of national selves, Indiana University Press, 2008, ISBN 0-253-22050-5, p. 52.
  7. ^ Encyclopedia of the Peoples of Africa and the Middle East, 1. cilt, Infobase Publishing, 2009, ISBN 978-0-8160-7158-6, p. 385.
  8. ^ a b Abbas Vali, Essays on the origins of Kurdish nationalism, Mazda Publishers, 2003, ISBN 978-1-56859-142-1, p. 199.
  9. ^ (KU) Xwendin û danasîna pirtûkan, in dengekurdistan.nu. URL consultato il 21 December 2019.
  10. ^ (KU) کۆماری ئارارات، ئاوڕدانەوەیەک لە مێژوو, in chawykurd.com. URL consultato il 21 December 2019.
  11. ^ (KU) rojevakurd.com, https://rojevakurd.com/25e-adar/. URL consultato il 21 December 2019.
  12. ^ ekurds.com, http://www.ekurds.com/english/republicsofararat.htm. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  13. ^ Martin Strohmeier, Crucial images in the presentation of a Kurdish national identity: heroes and patriots, traitors and foes, Brill, 2003, ISBN 978-90-04-12584-1, s. 97.
  14. ^ Christopher Houston, Kurdistan: crafting of national selves, Indiana University Press, 2008, ISBN 0-253-22050-5, s. 52.
  15. ^ (EN) Harriet Allsopp, The Kurds of Syria: Political Parties and Identity in the Middle East, London, I.B. Tauris, 2014, p. 55, ISBN 9781780765631.
  16. ^ (FR) Özcan Yilmaz, La formation de la nation kurde en Turquie, Graduate Institute Publications, 2015, p. 77, ISBN 978-2-940503-17-9.
  17. ^ Edmonds, C.J., Kurdish Nationalism, in Journal of Contemporary History, vol. 6, n. 1, 1971, p. 91, DOI:10.1177/002200947100600105.
  18. ^ Kemal Kirişci,Gareth M. Winrow, The Kurdish Question and Turkey: An Example of a Trans-state Ethnic Conflict, Routledge, 1997, ISBN 978-0-7146-4746-3, p. 101.
  19. ^ crwflags.com, https://www.crwflags.com/fotw/flags/krd_slvd.html. URL consultato l'8 dicembre 2020.

Voci correlateModifica