Apri il menu principale
Rete filoviaria di Venezia Lido
Servizio di trasporto pubblico
Tiporete filoviaria urbana
StatiItalia Italia
CittàLido di Venezia
Apertura1941
Chiusura1966
Linee impiegate7
 
GestoreACNIL
Mezzi utilizzativedi
 
Elettrificazione600 V cc
Trasporto pubblico

La rete filoviaria di Venezia Lido in esercizio dal 1941 al 1966, serviva l'isola del Lido di Venezia.

StoriaModifica

Il 31 dicembre 1940 cessava l'esercizio delle tranvie elettriche del Lido di Venezia, gestite dalla Compagnia Italiana Grandi Alberghi (CIGA)[1]. L'Azienda Comunale di Navigazione Interna Lagunare (ACNIL) rilevò tutto il materiale (demolito in gran parte)[2] e istituì un servizio di autobus sostitutivi in attesa di inaugurare una rete filoviaria sostitutiva.

La rete, attivata il 29 giugno 1941, si componeva di sette linee, tutte con origine in piazza Santa Maria Elisabetta (punto di arrivo dei vaporetti), e da lì diramantesi per tutti i quartieri dell'isola.

La rete venne chiusa sul finire del 1966 in seguito ai gravi danni provocati dall'alluvione di Venezia del 4 novembre 1966, nello stesso giorno di quella ancora più devastante avvenuta a Firenze.

MezziModifica

Numeri sociali Costruzione Radiazione Telaio Carrozzeria Equipaggiamento elettrico Note
200-213 1941-1942 1966 Alfa Romeo 85 Stanga Ansaldo
214 1943 1966 Alfa Romeo 800 Isotta Fraschini TIBB
215-218 1945-1946 1966 Alfa Romeo 110 SIAI-Marchetti Ansaldo
80 1955 1966 Fiat 2411 Cansa Marelli Trasferito nel 1965 dalla rete di Mestre
86 1956 1966 Fiat 2411 Cansa CGE Trasferito nel 1965 dalla rete di Mestre
91 1958 1966 Fiat 2411 Cansa CGE Trasferito nel 1965 dalla rete di Mestre
229-230 1959 1966 Alfa Romeo 1000 Siccar Ansaldo-CGE
231 1961 1966 Alfa Romeo 910 AERFER Ansaldo
232 1961 1966 Alfa Romeo 910 Pistoiesi CGE

NoteModifica

  1. ^ Gianpaolo Salbe, Storia dei trasporti pubblici di Venezia-Mestre-Lido, Calosci, Cortona (AR), 1985, pag. 253
  2. ^ Salbe, op. cit., pag. 253

BibliografiaModifica

  • Paolo Gregoris, Francesco Rizzoli, Claudio Serra, Giro d'Italia in filobus, Calosci - Cortona, 2003, pp. 141-143. ISBN 8877851937.

Voci correlateModifica