Apri il menu principale

Revival (Selena Gomez)

album di Selena Gomez del 2015
Revival
ArtistaSelena Gomez
Tipo albumStudio
Pubblicazione9 ottobre 2015
Durata39:40
Dischi1
Tracce11
GenereElettropop
EtichettaInterscope, Polydor
ProduttoreSelena Gomez (esecutivo)
Benny Blanco, Max Martin, Stargate, ASAP Rocky, Donkeyboy
Registrazione2014–2015
FormatiCD, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[1]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustria Austria[3]
(vendite: 15 000+)
Brasile Brasile[4]
(vendite: 40 000+)
Danimarca Danimarca[5]
(vendite: 20 000+)
Messico Messico (2)[6]
(vendite: 150 000+)
Polonia Polonia[7]
(vendite: 20 000+)
Svezia Svezia[8]
(vendite: 80 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[9]
(vendite: 1 000 000+)
Selena Gomez - cronologia
Album precedente
(2014)
Album successivo
Logo
Logo del disco Revival
Singoli
  1. Good for You
    Pubblicato: 22 giugno 2015
  2. Same Old Love
    Pubblicato: 10 settembre 2015
  3. Hands to Myself
    Pubblicato: 26 gennaio 2016
  4. Kill Em with Kindness
    Pubblicato: 3 maggio 2016

Revival è il secondo album in studio della cantante statunitense Selena Gomez, pubblicato il 9 ottobre 2015 dalla Interscope Records e dalla Polydor Records.[10]

La preparazione dell'album è iniziata nel 2014, dopo aver concluso il contratto con la sua precedente etichetta discografica Hollywood Records. Il disco è stato influenzato da vari artisti, in particolare da Christina Aguilera e dal suo album del 2002 Stripped. Selena ha co-scritto dodici dei sedici brani presenti nell'album. Il progetto riflette sulla vita professionale e personale della cantante a partire dal 2013, dando rilevante importanza anche alla figura mediatica della donna esercitata nel corso degli anni.[11] Come produttori esecutivi, Selena, Danny D e Tim Blacksmith hanno collaborato con Hit-Boy, Rock Mafia e gli Stargate per realizzare il nuovo sound desiderato dalla cantante. Il loro lavoro ha generato un album principalmente pop esposto in forma di midtempo elettropop.[12][13]

L'album ha debuttato alla prima posizione della Billboard 200, vendendo 117.000 copie nella settimana di debutto,[14] e ha raggiunto le prime dieci posizioni delle classifiche del Canada, Brasile, Francia, Messico e Australia. Nel corso del 2016 la RIAA ha certificato l'album disco di platino, grazie ad una vendita di oltre un milione di copie negli Stati Uniti d'America.[9]

AntefattiModifica

In occasione degli American Music Awards del 2014, Gomez ha rivelato di aver iniziato a lavorare al seguito di Stars Dance.[15] Lo stesso mese la cantante ha dichiarato di aver registrato nuovi brani, lasciando intendere anche una probabile collaborazione con il produttore e disc jockey Zedd;[16] tale collaborazione, I Want You to Know, è stata infine pubblicata come singolo il 23 febbraio 2015,[17] non venendo tuttavia inclusa nel secondo album in studio della cantante.

Intorno allo stesso periodo Gomez ha inizialmente accennato a una collaborazione anche con la cantautrice australiana Sia attraverso un post su Instagram del novembre 2014, e in seguito quest'ultima ha dichiarato di aver composto del materiale per lei.[18] Nel gennaio 2015 anche il duo Rock Mafia annunciò la loro collaborazione con Gomez al suo disco.[19]

La Gomez ha iniziato a registrare ufficialmente i brani per il secondo album nel dicembre 2014,[20] rivelando collaborazioni con i produttori Dreamlab, Ruffian e gli Stargate.[21] Inizialmente si aspettava che il disco avrebbe contenuto 15 brani «estremamente emozionanti»,[22] come aggiunto in un'intervista con MTV: «Ogni singola cosa su cui ho anche solo minimamente cantato è qualcosa a cui sono legata e qualcosa su cui sto colpendo in pieno, e ho dovuto scegliere nel complesso cosa avrebbe rappresentato l'album e chi sono».[23]

A metà del progetto di registrazione dell'album, la cantante ha fatto un viaggio a Puerto Vallarta, in Messico, con Hit-Boy e alcuni membri del suo team di produzione, insieme ai Rock Mafia e ai cantautori Justin Tranter e Julia Michaels. La cantante ha dichiarato: «Siamo stati tutti in una casa per cinque o sei giorni. Uscivamo, ascoltavamo musica dal vivo e tornavamo a produrre musica in uno studio – un armadio, in pratica».[24] Diverse canzoni sono state registrate ai Casa Aramara Studios di Punta Mita, e parlando della sua esperienza in Messico, Selena ha dichiarato:[25]

«Ho portato i miei produttori e scrittori e siamo stati ispirati. Sono messicana, ed è incredibile essere in grado di riconoscere quella parte di me. È incredibile quanto tu possa sentire quando sei in quella cultura, quando sei in giro per la gente.»

Uno dei risultati di questa esperienza è stato il brano Body Heat, realizzato durante il viaggio alle 5 del mattino dopo aver ascoltato musica messicana per tutta la notte.[25] Un secondo brano, Kill Em with Kindness, è stato il risultato riguardo al body shaming dei media, dopo che sono state diffuse delle sue foto in bikini mentre era in vacanza.[26] La cantante ha affermato: «Stavo ricevendo molti "stai ingrassando" e molto odio per il mio corpo. Ero in Messico, e mentirei se ti dicessi che non mi ha ferito, ma in un certo senso l'ho trasportato nella mia musica».[27] Ha definito l'esperienza «degradante», spiegando che non aveva mai ricevuto un bullismo così intenso prima di allora.[27]

La collaborazione con gli Stargate ha portato invece alla creazione dei brani Sober e Same Old Love, quest'ultimo co-scritto dalla cantante britannica Charli XCX.[28] Selena e Charli non si sono incontrate durante la sessione, mentre il manager di quest'ultima era presente.[28] La Gomez era attratta dal brano e ha creduto che rappresentasse il rapporto teso con suo padre e le sue successive relazioni sentimentali.[29] Le sessioni di registrazione della canzone si sono svolte presso i Westlake Studios a Los Angeles e i Dreamlab Studios a Studio City, in California. Anche Sober è stato sviluppato durante questo periodo. Secondo la cantante l'ispirazione è giunta dopo che lei e uno dei suoi scrittori, Chloe Angelides, hanno discusso sull'imbarazzo sociale e di come Gomez avesse frequentato gente divertente da ubriaca, ma strana il giorno dopo.[28]

SviluppoModifica

La cantante ha affermato che Revival offre una visione della sua percezione di varie esperienze,[30] approfondendo ulteriormente i temi di gentilezza, fede, dolore, "passione di una relazione" così come "essere se stessa".[31]

Come produttore esecutivo dell'album, ha dichiarato: «Volevo sapere che ogni singolo brano significasse il mondo per me, sia che la scrivessi o no. So di non essere la più grande cantante del mondo, ma so che ho un tono unico. Amo essere in grado di trasformare tutto ciò che sento dentro attraverso la mia voce e le canzoni. [...] Questo disco è estremamente personale».[28] In un'intervista concessa a Entertainment Weekly, la Gomez ha dichiarato di essere stata influenzata da vari artisti, tra cui Janet Jackson, Britney Spears e gli NSYNC,[32] aggiungendo di aver trovato come fonte principale di ispirazione l'album Stripped di Christina Aguilera, da lei definito un esempio di album completo e che ha ispirato la sua decisione di raccontare una storia attraverso Revival.[33]

Stile musicaleModifica

Musicalmente, Revival è stato descritto come «una solida collezione di musica elettropop, con influenze tropicali».[34][35] Steve Knopper di Newsday ha sottolineato che «l'album è frequentemente cupo e infausto, pieno di canzoni malinconiche, con suoni di danza elettronica e melodie allegre per ravvivare l'umore.»[36] Mikael Wood del Los Angeles Times e Mike Wass di Idolator hanno entrambi comparato Revival allo stile musicale di Janet Jackson, specificatamente ad Unbreakable (2015)[37] e a Control (1986) a causa delle tematiche motivazionali;[38] Wass ha inoltre ritenuto la title-track «un esperimento di una avventura elettronica» con «un ritornello sollevante».[38]

I primi due singoli estratti dall'album, Good for You e Same Old Love, sono rispettivamente brani contemporary R&B e elettropop,[38][39] mentre altri brani risultano essere influenzati dalla cultura messicana (Body Heat e Outta My Hands),[40][41] dall'unione di musica house e EDM (Survivors)[42] o pop e R&B (Me & My Girls, Nobody e Perfect).[38][41] Diversamente Rise contiene un coro gospel, mentre Camouflage è una ballata per pianoforte.[36][39]

Hands to Myself è invece un brano dance pop influenzato da Prince, come anche dichiarato dalla stessa cantante:[28]

«Quando ho iniziato a lavorare all’album, mi sono chiesta come avrei cambiato radicalmente il mio genere musicale. Volevo qualcosa di nuovo, così io e Julia Michaels abbiamo iniziato a sbattere il bicchiere di plastica sul tavolo al ritmo di una canzone di Prince. Allora mi sono chiesta: Perché non usiamo questo suono per una delle mie canzoni? Ho composto Hands to Myself dopo 24 ore grazie all'aiuto del produttore musicale Max Martin.»

Selena Gomez ha dichiarato di aver tratto ispirazione da Christina Aguilera durante la composizione di Revival.[43] In un'intervista a Entertainment Weekly, la cantante ha rivelato di essere stata influenzata da diversi artisti musicali durante la sua crescita, da Janet Jackson a Britney Spears e agli NSYNC, ammetendo comunque che l'influenza principale per l'album è stato Stripped della Aguilera:[28][44]

«Volevo creare un album molto personale. Adoro tutti gli album, ma Stripped di Christina Aguilera mi ha aiutato a superare molti ostacoli nella mia vita e raccontava una storia. L'intero album era stato il suo Revival. La mia vita privata è sempre stata esposta al pubblico fin da quando avevo 16 anni e ho dovuto utilizzare queste esperienze per il mio album. La gente non può dire che non 'provo quello che canto' questa volta.»

In un'intervista con Ryan Seacrest, Selena ha ammesso di aver utilizzato Stripped come esempio di come un album dovrebbe essere.[45]

SingoliModifica

Good for You, in collaborazione con ASAP Rocky, è stato pubblicato come primo singolo dell'album il 22 giugno 2015.[46] Ha debuttato alla nona posizione della Billboard Hot 100, vendendo 179.000 copie nella settimana di debutto. Il relativo videoclip, pubblicato il 26 giugno 2015, ha ottenuto la certificazione Vevo per aver superato le 100 milioni di visualizzazioni. È stato certificato triplo disco di platino in America per aver venduto oltre 3.000.000 di copie. Il brano ha in seguito raggiunto la quinta posizione nella Billboard Hot 100, diventando il risultato più alto in classifica della Gomez,[47] e ha raggiunto la vetta della Pop Songs,[48] la top 10 in cinque paesi e la top 20 in altri quattro.[49]

Come secondo singolo è stato estratto Same Old Love, pubblicato il 10 settembre in concomitanza con la prevendita dell'album su iTunes.[50] Come accaduto con il precedente singolo, anche Same Old Love ha raggiunto la quinta quinta posizione della Billboard Hot 100 e la vetta della Pop Songs,[51] oltre ad aver raggiunto la top 10 in Canada e la top 40 in cinque nazioni del mondo.[52] Il relativo videoclip, invece, pubblicato il 22 settembre su Apple Music,[53] è stato girato il 15 agosto nel centro di Los Angeles mentre l'ultima parte è stata filmata al Revival Event, evento organizzato dal team della cantante in occasione dell'uscita del disco.

Il 2 ottobre, come ulteriore anticipazione dell'album, è stato reso disponibile il terzo singolo Me & the Rhythm,[54] che ha raggiunto la cinquantasettesima posizione della Canadian Hot 100.[55] Due giorni più tardi Gome, nel corso di un'intervista concessa a USA Today, ha espresso il desiderio di voler pubblicare Sober come singolo successivo.[56]

Il 26 gennaio 2016 è stato lanciato nelle radio contemporary hit statunitensi il quarto singolo Hands to Myself,[57] anticipato il 21 dicembre 2015 dal relativo videoclip, pubblicato inizialmente su Apple Music.[58] Il singolo è giunto alla settima posizione della Billboard Hot 100,[59] ottenendo un buon successo anche nel resto del mondo: quinta posizione in Nuova Zelanda e nona in Slovacchia.[60]

A marzo 2016 la cantante ha confermato Kill Em with Kindness come singolo conclusivo per la promozione dell'album. Uscito il 3 maggio, il brano ha raggiunto la trentanovesima posizione della classifica statunitense e il videoclip del brano è stato pubblicato il 6 giugno 2016.[61]

AccoglienzaModifica

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[62]      
Idolator[63]      
The Observer[64]      
Rolling Stone[65]      
Slant Magazine[66]      
USA Today[67]     

Revival ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte dei critici di musica contemporanea, che hanno apprezzato la produzione complessiva e la voce della Gomez, permettendo così al disco di entrare a far parte di celebri classifiche riguardanti gli album più belli dell'anno.[68][69] L'album ha debuttato direttamente al vertice della Billboard 200, divenendo il secondo album consecutivo della cantante ad ottenere tale posizione negli Stati Uniti d'America.[70]

TracceModifica

  1. Revival – 4:06 (Selena Gomez, Tim James, Antonina Armato, Julia Michaels, Justin Tranter, Chauncey Hollis, Adam Schmalholz)
  2. Kill Em with Kindness – 3:37 (Selena Gomez, Tim James, Antonina Armato, Benjamin Levin, Dave Audé)
  3. Hands to Myself – 3:20 (Selena Gomez, Max Martin, Julia Michaels, Justin Tranter, Mattias Larsson, Robin Fredriksson)
  4. Same Old Love – 3:49 (Charlotte Aitchison, Mikkel S. Eriksen, Tor Erik Hermansen, Benjamin Levin, Ross Golan)
  5. Sober – 3:14 (Chloe Angelides, Jacob Kasher, Julia Michaels, Mikkel S. Eriksen, Tor Erik Hermansen)
  6. Good for You (feat. ASAP Rocky) – 3:41 (Selena Gomez, Julia Michaels, Justin Tranter, Rakim Mayers)
  7. Camouflage – 4:09 (Badrilla Bourelly, Chris Braide)
  8. Me & the Rhythm – 3:33 (Selena Gomez, Julia Michaels, Justin Tranter, Mattias Larsson, Robin Fredriksson)
  9. Survivors – 3:41 (Ross Golan, Steve Mac)
  10. Body Heat – 3:27 (Selena Gomez, Tim James, Antonina Armato, Chauncey Hollis, Julia Michaels, Justin Tranter)
  11. Rise – 3:03 (Selena Gomez, Tim James, Antonina Armato, Chauncey Hollis, Adam Schmalholz)
Tracce bonus nell'edizione deluxe digitale
  1. Me & My Girls – 3:30 (Selena Gomez, Matt Morris)
  2. Nobody – 3:37 (Julia Michaels, Shane Stevens, Nick Monson)
  3. Perfect – 4:02 (Selena Gomez, Julia Michaels, Shane Stevens, Nick Monson)
Tracce bonus nell'edizione deluxe internazionale
  1. Outta My Hands (Loco) – 3:31 (Selena Gomez)
  2. Cologne – 3:54 (Selena Gomez, Chloe Angelides, Ross Golan)

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 26 maggio 2018.
  2. ^ (EN) Selena Gomez, Revival, British Phonographic Industry. URL consultato il 31 maggio 2019.
  3. ^ (DE) Selena Gomez, Revival – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  4. ^ (PT) Selena e Bieber recebem certificado de platina no Brasil, Billboard. URL consultato il 30 marzo 2016.
  5. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  6. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 7 ottobre 2019. Digitare "Revival" in "Título".
  7. ^ (PL) Platynowe płyty CD - Archiwum, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 1º luglio 2017.
  8. ^ (SV) Selena Gomez - Revival, Sverigetopplistan. URL consultato il 26 maggio 2018.
  9. ^ a b (EN) Selena Gomez, Revival – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  10. ^ (EN) Jackie Frere, Selena Gomez Reveals New Album Title & Release Date, Billboard, 21 luglio 2015. URL consultato il 9 ottobre 2015.
  11. ^ (EN) Selena Gomez opens up about her new album: 'I'm not 16 anymore', Entertainment Weekly, 1º ottobre 2015. URL consultato l'11 aprile 2016.
  12. ^ (EN) Revival, The Jakarta Post, 30 ottobre 2015. URL consultato l'11 aprile 2016.
  13. ^ (EN) Reasons to Listen to Selena Gomez's Fifth Studio Album Revival, People. URL consultato l'11 aprile 2016.
  14. ^ (EN) Keith Caulfield, Selena Gomez Scores Her Second No. 1 Album on Billboard 200 Chart, Billboard. URL consultato il 14 aprile 2018.
  15. ^ (EN) Selena Gomez Talks Recording New Material For Interscope Album, New Tour, Inquisitr, 24 novembre 2014. URL consultato il 14 aprile 2018.
  16. ^ (EN) Selena Gomez Hangs With Jennifer Aniston, Zedd, Billboard. URL consultato il 14 aprile 2018.
  17. ^ (EN) Zedd Gives Selena Gomez The Perfect Muse on 'I Want You To Know': Listen, Billboard. URL consultato il 14 aprile 2018.
  18. ^ (EN) Selena Gomez Shares Sia Snap Amid Writing News On Interscope Album, Inquisitr, 20 novembre 2014. URL consultato il 14 aprile 2018.
  19. ^ (EN) Selena Gomez Is Recording New Music With "The Heart Wants What It Wants" Production Duo Rock Mafia, Idolator, 14 gennaio 2015. URL consultato il 14 aprile 2018.
  20. ^ (EN) Selena Gomez Is Telling Her Story, Her Way, Elle, 29 settembre 2015. URL consultato il 14 aprile 2018.
  21. ^ (EN) Selena Gomez Reunites With 'Come & Get It' Hitmakers Stargate For Next Album, Popdust, 12 dicembre 2014. URL consultato il 14 aprile 2018.
  22. ^ (EN) Selena Gomez's Happy Dial Turned Up To 'An 8 or 9', Billboard. URL consultato il 14 aprile 2018.
  23. ^ (EN) You Won't Believe How Long It Took Selena Gomez To Record 'Good For You', MTV. URL consultato il 14 aprile 2018.
  24. ^ (EN) Selena Gomez on 'Revival', Bieber, Victoria's Secret Models, Rolling Stone. URL consultato il 14 aprile 2018.
  25. ^ a b (EN) Interview: Selena Gomez Reveals The Meaning Of Songs On 'Revival', iHeartRadio. URL consultato il 14 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  26. ^ (EN) Selena Gomez: Body-Shaming Inspired New Music, Us Weekly, 24 settembre 2015. URL consultato il 14 aprile 2018.
  27. ^ a b (EN) Selena Gomez on Being Fat Shamed: My Bikini Was 'a Little Too Small for Me, but I Didn't Care', Entertainment Tonight. URL consultato il 14 aprile 2018.
  28. ^ a b c d e f (EN) Nolan Feeney, Selena Gomez on Her New Album and Coping With Media Scrutiny, Time. URL consultato il 25 maggio 2016.
  29. ^ (EN) News & More from the Live Radio Show, On Air with Ryan Seacrest. URL consultato il 14 aprile 2018.
  30. ^ (EN) Selena Gomez Talks New Album: "This Is The Next Phase In My Life", in idolator, 29 giugno 2015. URL consultato il 14 aprile 2018.
  31. ^ (EN) Selena Gomez Went Completely Out Of Her 'Comfort Zone' For Revival, in MTV. URL consultato il 14 aprile 2018.
  32. ^ (EN) Selena Gomez talks new album: Inside the laid-back Mexico sessions for Selena Gomez's new album, Entertainment Weekly. URL consultato il 14 aprile 2018.
  33. ^   On Air with Ryan Seacrest, Selena Gomez Talks "Revival" Cover Art, Secret Event, su YouTube. URL consultato il 14 aprile 2018.
  34. ^ (EN) Revival by Selena Gomez, The Jakarta Post, 30 ottobre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016.
  35. ^ (EN) Selena Gomez Revival Album Review, Rolling Stone. URL consultato il 25 maggio 2016.
  36. ^ a b (EN) Steve Knopper, Selena Gomez sphinx-like on new 'Revival', Newsday. URL consultato il 25 maggio 2016.
  37. ^ (EN) Mikael Wood, Selena Gomez is more like Janet Jackson than Miley Cyrus on modest 'Revival', Los Angeles Times. URL consultato il 25 maggio 2016.
  38. ^ a b c d (EN) Mike Wass, Selena Gomez's 'Revival': Album Review, Idolator, 9 ottobre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016.
  39. ^ a b (EN) Selena Gomez's 'Revival' Is Better When It's Still in the Cocoon, Time. URL consultato il 25 maggio 2016.
  40. ^ (EN) Music Review: Selena Gomez brings her A-game to 'Revival', The Washington Times, 9 ottobre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016.
  41. ^ a b (EN) INTERVIEW: Selena Gomez Reveals The Meaning Of Songs On 'Revival', iHeartRadio. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2016).
  42. ^ (EN) Selena Gomez – Revival Review, 411 Mania. URL consultato il 25 maggio 2016.
  43. ^ (EN) Mike Wass, Selena Gomez's New Album Was Inspired By Christina Aguilera's 'Stripped', Idolator, 2 settembre 2015. URL consultato l'11 aprile 2016.
  44. ^ (EN) Selena Gomez previews 'Revival', Entertainment Weekly. URL consultato il 25 maggio 2016.
  45. ^   Ryan Seacrest, Selena Gomez Talks "Revival" Cover Art, Secret Eventita, su YouTube, 11 settembre 2015. URL consultato il 26 maggio 2016.
  46. ^ (EN) Selena Gomez Releases Sexy New Single "Good For You" With A$AP Rocky, US Magazine, 22 giugno 2015. URL consultato il 15 aprile 2018.
  47. ^ (EN) Selena Gomez - Chart History, Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  48. ^ (EN) Selena Gomez Scores First Pop Songs No. 1 With 'Good for You', Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  49. ^ (EN) Good For You by Selena Gomez and A$AP Rocky - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 15 aprile 2018.
  50. ^ (EN) Selena Gomez's Next Single is Titled 'Same Old Love', Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  51. ^ Selena Gomez Scores Second Pop Songs No. 1 With 'Same Old Love', in Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  52. ^ (EN) Same Old Love by Selena Gomez - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 15 aprile 2018.
  53. ^ (EN) Watch "Same Old Love" posted by Selena Gomez on Apple Music., su itunes.apple.com. URL consultato il 15 aprile 2018.
  54. ^ (EN) Alex Kritselis, Preview Selena Gomez's New Song "Me & The Rhythm", Bustle. URL consultato il 15 aprile 2018.
  55. ^ (EN) Me & The Rhythm by Selena Gomez - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 15 aprile 2018.
  56. ^ (EN) Selena Gomez stages musical, personal 'Revival', USA Today. URL consultato il 15 aprile 2018.
  57. ^ (EN) Selena Gomez 'Hands to Myself' Video Teaser: 'Revival' Singer Strips Down in Dangerous Clip, Music Times, 7 dicembre 2015. URL consultato il 15 aprile 2018.
  58. ^ (EN) Selena Gomez Plays a Sexy Stalker in Her 'Hands to Myself' Video: Watch, Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  59. ^ (EN) Hot 100 Chart Moves: David Bowie Brings Queen Back to Chart After More Than 22 Years, Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  60. ^ (EN) Hands To Myself by Selena Gomez - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 15 aprile 2018.
  61. ^ (EN) Selena Gomez Scores Third Pop Songs No. 1 With 'Hands to Myself' & Releases New Single From 'Revival', Billboard. URL consultato il 15 aprile 2018.
  62. ^ (EN) Revival, su AllMusic, All Media Network.
  63. ^ (EN) Selena Gomez’s ‘Revival’: Album Review, Idolator, 2 dicembre 2017.
  64. ^ (EN) Selena Gomez: Revival review – winning ways, The Observer, 2 dicembre 2017.
  65. ^ (EN) Selena Gomez: Revival, Rolling Stone, 2 dicembre 2017.
  66. ^ (EN) Selena Gomez Revival, Slant Magazine, 2 dicembre 2017.
  67. ^ (EN) Album of the week: A cooler, groovier, Selena Gomez emerges on 'Revival.', USA Today, 2 dicembre 2017.
  68. ^ (EN) Selena Gomez - Revival, Slant Magazine. URL consultato l'11 aprile 2016.
  69. ^ (EN) Confident by Demi Lovato and Revival by Selena Gomez: EW review, Entertainment Weekly, 9 ottobre 2015. URL consultato l'11 aprile 2016.
  70. ^ (EN) Keith Caulfield, Selena Gomez Scores Her Second No. 1 Album on Billboard 200 Chart, Billboard, 18 ottobre 2015. URL consultato l'11 aprile 2015.
  71. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Selena Gomez - Revival, Ultratop. URL consultato il 30 marzo 2016.
  72. ^ (EN) Selena Gomez - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 30 marzo 2016.
  73. ^ (EN) TOP 100 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 15 October 2015, GFK Chart-Track. URL consultato il 30 marzo 2016.
  74. ^ (EN) Selena Gomez - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 30 marzo 2016.
  75. ^ (EN) Selena Gomez - Chart history (Digital Albums), Billboard. URL consultato il 30 marzo 2016.
  76. ^ (ES) Los Mas Vendidos 2015, Top 100 México. URL consultato l'11 aprile 2016.
  77. ^ (EN) Top 200 Albums Chart Year End 2015, Billboard. URL consultato l'11 aprile 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica