Rhincodon typus

specie di squalo
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo balena
Similan Dive Center - great whale shark.jpg
Squalo balena nel Mare delle Andamane intorno alle Isole Similan.
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Ittiopsidi
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Infraclasse Euselachii
Superordine Selachimorpha
Ordine Orectolobiformes
Famiglia Rhincodontidae
Müller & Henle, 1841
Genere Rhincodon
Smith, 1828
Specie R. typus
Nomenclatura binomiale
Rhincodon typus
Smith, 1828
Areale

Rhincodon typus distmap.png

Lo squalo balena (Rhincodon typus Smith, 1828), unica specie del genere Rhincodon e della famiglia Rhincodontidae[2], è il più grande pesce esistente.

Classificato nel 1828, quando un esemplare di 4,6 m di lunghezza fu arpionato lungo le coste del Sudafrica, venne descritto l'anno seguente dallo zoologo Andrew Smith.[3] Fu inserito come unico rappresentante dei Rincodontidi solamente nel 1984, dopo un lungo dibattito scientifico.

È uno squalo tappeto che si muove lentamente e si nutre filtrando. L'individuo più grande confermato aveva una lunghezza di 18,8 m (61,7 piedi). Lo squalo balena detiene molti record di dimensioni nel regno animale, in particolare essendo di gran lunga il più grande vertebrato non mammifero vivente.

Lo squalo balena si trova nelle acque aperte degli oceani tropicali e raramente si trova in acque al di sotto dei 21 °C (70 °F). Gli studi sulle bande di crescita vertebrali e sui tassi di crescita degli squali che nuotano liberamente hanno stimato la durata della vita degli squali balena in 80-130 anni.[4] Gli squali balena hanno bocche molto grandi e sono filtratori, che è una modalità di alimentazione che si verifica solo in altri due squali, lo squalo megamouth e lo squalo elefante. Si nutrono quasi esclusivamente di plancton e piccoli pesci e non rappresentano una minaccia per l'uomo.

Il nome "squalo balena" si riferisce alle dimensioni del pesce, essendo grande quanto alcune specie di balene, oltre alle sue abitudini di filtraggio che non sono dissimili da quelle dei Mysticeti.

DescrizioneModifica

L'aspetto è quello tipico da squalo, tuttavia presenta un corpo maggiormente largo e appiattito sul dorso, con testa smussata e bocca molto ampia.

Le bocche di squalo balena possono contenere oltre 300 file di minuscoli denti e 20 tamponi filtranti che servono per filtrare il cibo.[5] A differenza di molti altri squali, le bocche degli squali balena si trovano nella parte anteriore della testa piuttosto che nella parte inferiore della testa.[6] È stato riferito che uno squalo balena di 12,1 m (39,7 piedi) aveva una bocca larga 1,55 m (5,1 piedi).[7]

 
Esemplare fotografato all'acquario della Georgia in Atlanta nel 2018.

La sua pelle è tra le più spesse nel regno animale, fino a 14 cm[8]. Malgrado l'apparenza che incute timore, è relativamente innocuo per l'uomo, che può avvicinarlo con l'unico rischio di essere inavvertitamente urtato dalla sua enorme mole. Si nutre quasi esclusivamente di plancton, filtrando il cibo con le branchie. Le due pinne dorsali non sono molto grosse e posizionate nella metà posteriore del corpo. La pinna caudale è quasi simmetricamente bilobata, le pinne pelviche sono ubicate inferiormente, mentre le pettorali sono assai ampie e posizionate sotto alle due ultime fessure branchiali. La pelle presenta piccole sporgenze a scacchiera evidenziate dalla livrea a punti bianchi su fondo blu-verdastro. Il ventre è biancastro. La coda ha i lobi simili (con il superiore un po' più lungo).

 
Dimensioni di vari individui di squalo balena con un essere umano per scala.

Lo squalo balena è il più grande animale non cetaceo del mondo. Le prove suggeriscono che gli squali balena mostrano dimorfismo sessuale per quanto riguarda le dimensioni, con i maschi che non crescono tanto quanto le femmine. Uno studio ha esaminato la crescita degli individui di squalo balena in 10 anni ha concluso che i maschi raggiungono in media da 8 a 9 metri (da 26 a 30 piedi) di lunghezza; sebbene questo non rappresenti la dimensione massima possibile. Lo stesso studio prevedeva che le femmine raggiungessero in media una lunghezza di circa 14,5 m (48 piedi), sulla base di dati più limitati. Studi precedenti che stimano la crescita e la longevità degli squali balena hanno prodotto stime che vanno da 14 a 21,9 metri (da 46 a 72 piedi) di lunghezza. Prove limitate, principalmente da maschi, suggeriscono che la maturità sessuale si verifica tra 8 e 9 metri (da 26 a 30 piedi) di lunghezza, con le femmine che possono maturare di dimensioni simili o maggiori. La lunghezza massima della specie è incerta a causa della mancanza di documentazione dettagliata degli individui più grandi segnalati. Sono stati segnalati diversi squali balena di circa 18 m (59 piedi) di lunghezza. Il peso di un adulto può arrivare anche a 20 tonnellate.

Il 7 febbraio 2012, un grande squalo balena è stato trovato galleggiare a 150 chilometri (93 miglia) al largo della costa di Karachi, in Pakistan. Si diceva che la lunghezza del campione fosse compresa tra 11 e 12 m (36 e 39 piedi), con un peso di circa 15.000 kg (33.000 libbre).[9]

Distribuzione e habitatModifica

Abita tutti i mari tropicali e temperati della Terra con temperatura dell'acqua non inferiore a 21 °C.[10]

Questo pesce è principalmente pelagico e può essere trovato sia negli habitat costieri che oceanici[11] che vivono in mare aperto ma non nelle maggiori profondità dell'oceano, sebbene sia noto che occasionalmente si immerga a profondità fino a 1.900 metri (6.200 piedi).[12][13] È migratorio[4] e ha due sottopopolazioni distinte: una sottopopolazione atlantica, dal Maine e dalle Azzorre a Capo Agulhas, Sud Africa e una sottopopolazione indo-pacifica che detiene il 75% dell'intera popolazione di squali balena. Di solito vaga tra 30°N e 35°S dove le temperature dell'acqua sono superiori a 21 °C (70 °F), ma è stato avvistato a nord fino alla baia di Fundy, in Canada e al mare di Okhotsk, al nord del Giappone e fino all'estremo sud come Victoria (Australia).

Aggregazioni di alimentazione stagionale si verificano in diversi siti costieri come il Golfo Persico e il golfo di Oman, la Costa di Ningaloo nell'Australia occidentale, l'isola di Darwin nelle Galápagos, Quintana Roo in Messico, la provincia di Inhambane in Mozambico, nelle Filippine, intorno a Mahe alle Seychelles,[12] le coste dell'India del Gujarat[12] e del Kerala,[14] Taiwan, Cina meridionale[12] e Qatar.[15]

Nel 2011, più di 400 squali balena si sono radunati al largo della costa dello Yucatán. È stato uno dei più grandi raduni di squali balena registrati. Le aggregazioni in quell'area sono tra i raduni stagionali più affidabili conosciuti per gli squali balena, con un gran numero che si verifica nella maggior parte degli anni tra maggio e settembre. L'ecoturismo associato è cresciuto rapidamente a livelli insostenibili.[16]

BiologiaModifica

AlimentazioneModifica

 
Uno squalo balena nelle Filippine.
 
Squalo balena con alimentazione a bocca aperta a La Paz (Bassa California del Sud), Messico.

Lo squalo balena è un filtro alimentatore, una delle sole tre specie conosciute di squalo filtro (insieme allo squalo elefante e allo squalo bocca grande). Si nutre di plancton tra cui copepodi, krill, uova di pesce, larve di granchio rosso dell'isola di Natale[17] e piccole forme di vita nectonica, come calamaretti o piccolissimi pesci. Si nutre anche di nuvole di uova durante la deposizione delle uova di massa di pesci e coralli.

Le numerose file di denti vestigiali non hanno alcun ruolo nell'alimentazione. L'alimentazione avviene sia per filtrazione, in cui l'animale apre la bocca e nuota in avanti, spingendo acqua e cibo in bocca, sia per aspirazione attiva, in cui l'animale apre e chiude la bocca, aspirando volumi d'acqua che vengono poi espulsi attraverso le branchie. In entrambi i casi, i tamponi filtranti servono a separare il cibo dall'acqua. Si presume che queste strutture uniche simili a setacci neri siano rastrelli branchiali modificati. La separazione del cibo negli squali balena avviene mediante filtrazione a flusso incrociato, in cui l'acqua viaggia quasi parallela alla superficie del tampone filtrante, non perpendicolarmente attraverso di essa, prima di passare all'esterno, mentre le particelle di cibo più dense continuano nella parte posteriore della gola. Si tratta di un metodo di filtrazione estremamente efficiente che riduce al minimo l'incrostazione della superficie del tampone filtrante. Gli squali balena sono stati osservati "tossire", presumibilmente per eliminare un accumulo di particelle dai cuscinetti del filtro. Gli squali balena migrano per nutrirsi e possibilmente per riprodursi.[4][18][19]

Lo squalo balena è un alimentatore attivo, mirato alle concentrazioni di plancton o pesce. È in grado di speronare l'alimentazione del filtro o ingoiare in posizione stazionaria. Ciò è in contrasto con l'alimentazione passiva dello squalo elefante, che non pompa l'acqua. Invece, nuota per forzare l'acqua attraverso le sue branchie.[4][18]

Si stima che uno squalo balena giovanile mangi 21 kg (46 libbre) di plancton al giorno.[20]

È noto che gli squali balena predano una serie di organismi planctonici e piccoli nectonici che sono a chiazze spaziotemporali. Questi includono: krill, larve di granchio, meduse, sardine, acciughe, sgombri, piccoli tonni e calamari. Nell'alimentazione del filtro dell'ariete, il pesce nuota in avanti a velocità costante con la bocca completamente aperta, filtrando le particelle di preda dall'acqua mediante propulsione in avanti. Questo è anche chiamato "alimentazione passiva", che di solito si verifica quando la preda è presente a bassa densità.[21]

A causa della loro modalità di alimentazione, gli squali balena sono suscettibili all'ingestione di microplastiche. In quanto tale, è stata recentemente confermata la presenza di microplastiche nello stomaco in squali balena.

RiproduzioneModifica

Questi pesci hanno carattere solitario, tuttavia migrano annualmente nei luoghi di riproduzione. Dopo l'accoppiamento le femmine covano le uova nell'utero e partoriscono avannotti vivi di 48–60 cm: sono quindi animali ovovivipari. In entrambi i sessi la maturità sessuale non viene raggiunta fino a quando non superano i 9 metri di lunghezza; anche se non ci sono studi accertati, si pensa ciò corrisponda a un'età di 30 anni.

L'aspettativa di vita va oltre i 60 anni di età e si suppone possa arrivare fino a 100 o più anni.[4]

Rapporti con l'uomoModifica

 
Nuoto a fianco di un apneista adulto.
 
Incontro a Koh Tao, Thailandia.

Nonostante le sue dimensioni, lo squalo balena non rappresenta alcun pericolo per l'uomo. Gli squali balena sono pesci docili e talvolta consentono ai nuotatori di fare un giro,[22] sebbene questa pratica sia sconsigliata dagli scienziati e dagli ambientalisti degli squali a causa del disturbo agli squali.[23] Gli squali balena più giovani sono gentili e possono giocare con i subacquei. Fotografi subacquei come Fiona Ayerst li hanno fotografati mentre nuotavano vicino all'uomo senza alcun pericolo.[24]

Lo squalo è visto dai subacquei in molti luoghi, tra cui: le Isole della Baia in Honduras, Thailandia, Indonesia, Filippine, Maldive, Mar Rosso, Australia occidentale, Taiwan, Panama, Belize, Mozambico, Sud Africa, Isole Galapagos, Sant'Elena, La Paz, Baja California Sur e Bahía de los Ángeles in Messico, Seychelles, Malesia occidentale, isole al largo della Malesia peninsulare orientale, India, Sri Lanka, Oman, Fujairah, Porto Rico e altre parti dei Caraibi. I giovani possono essere trovati vicino alla costa nel golfo di Tagiura, vicino a Gibuti, nel Corno d'Africa.[25]

ConservazioneModifica

 
Esemplare di squalo balena al Georgia Aquarium, Stati Uniti d'America.

Lo squalo balena è un pesce che ancora oggi viene pescato da alcuni paesi dove è consumato sia crudo sia cotto, a scopi alimentari (pinne, carni), industriali (olio di fegato) e popolari (è un ingrediente della medicina tradizionale cinese).
Nel 1982 la commissione ONU sul mare lo classifica come specie migratoria bisognosa di studi scientifici per capirne il rischio estinzione. Nel 1999 la Convenzione di Bonn sulle specie migratorie la considera specie con una condizione sfavorevole di conservazione e dal 2003 si cerca di proibirne diplomaticamente il commercio nei paesi che cacciano e consumano squali balena.

La IUCN Red List lo classifica come in pericolo.[1]

Dal 2005 tre esemplari sono ospitati in cattività nell'Acquario Churaumi di Okinawa (Giappone) mentre una coppia è ospitata nel Georgia Aquarium ad Atlanta.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Pierce, S.J. & Norman, B. 2016, Rhincodon typus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 5 luglio 2016.
  2. ^ (EN) Bailly, N. (2015), Rhincodon typus, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 14 ottobre 2015.
  3. ^ R. Aidan Martin, Rhincodon or Rhiniodon? A Whale Shark by any Other Name, su ReefQuest Centre for Shark Research.
  4. ^ a b c d e (EN) Rhincodon typus, su FishBase.
  5. ^ (EN) Species Fact Sheet, Rhincodon typus, su Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.
  6. ^ (EN) Whale Sharks, Rhincodon typus, su MarineBio.org.
  7. ^ (EN) A note on the whale shark Rhincodon typus Smith, stranded off Mangalore, su Unità centrale di ricerca sulla pesca marina, Mangalore.
  8. ^ http://www.environment.gov.au/node/15911
  9. ^ (EN) Experts to cut up 40.1-foot long whale shark today, su The Express Tribune.
  10. ^ Pierce, S. J. e Norman, B., Rhincodon typus, in IUCN Red List of Threatened Species, vol. 2016, IUCN, 2016, p. e.T19488A2365291, DOI:10.2305/IUCN.UK.2016-1.RLTS.T19488A2365291.en. URL consultato il 12 novembre 2017.
  11. ^ (EN) Rhincodon typus, su FishBase. URL consultato il 14/05/2008.
  12. ^ a b c d (EN) Whale shark, su IUCN.
  13. ^ (EN) Whale Sharks Move in Mysterious Ways: Watch Them Online, su National Geographic Society.
  14. ^ (EN) Whale sharks found off Gujarat coast no expats, they are Indian, su The Times of India.
  15. ^ (EN) What a privilege': Swimming with endangered whale sharks in Qatar, su Al Jazeera.
  16. ^ (EN) Yucatan Whale Sharks Swimming in Troubled Waters, su Future 500.
  17. ^ (EN) Shark-cam captures ocean motion, su BBC News.
  18. ^ a b (EN) Elasmo Research, su Reef Quest.
  19. ^ (EN) Whale shark, su Ittiologia al Museo di Storia Naturale della Florida.
  20. ^ (EN) Whale Sharks are BIG eaters!, su Shark Research Institute.
  21. ^ (EN) Rhincodon typus (whale shark), su Animal Diversity Web.
  22. ^ (EN) Watch Iranian fisherman 'surf' on top of a whale shark across the Persian Gulf, su International Business Times.
  23. ^ (EN) Establishing a quantifiable model of whale shark avoidance behaviours to anthropogenic impacts in tourism encounters to inform management actions, su University of Hertfordshire.
  24. ^ (EN) Pictures of the Day: Tuesday, Aug. 04, 2009, su Time.
  25. ^ (EN) Snorkelling with whale sharks in Djibouti, su Gulfnews.com.

BibliografiaModifica

  • AAVV (1998), "Rhincodon typus", in Gli squali, Novara 1998, Istituto Geografico De Agostini, pag. 151.
  • Ferrari Andrea - Ferrari Antonella (2000), "Squalo balena", in IDEM Tutto squali, Milano 2000, Arnoldo Mondadori, pp. 126–127.
  • Louisy Patrick (2006), "Squalo balena", in IDEM Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, Trezzano sul Naviglio (MI) 2006, il Castello, pag. 386.
  • Tibaldi Ettore (1980), "Squalo balena", in IDEM Squali e mammiferi marini, Milano 1980, Fabbri Editori, pp. a3-b3.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 48040 · LCCN (ENsh85146344 · BNF (FRcb155151519 (data) · J9U (ENHE987007556032205171
  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci