Apri il menu principale
Ricciarda Gonzaga
Ricciarda Gonzaga.jpg
La duchessa Ricciarda
Duchessa consorte di Massa e principessa consorte di Carrara
Stemma
In carica 1715-1731
Predecessore Nicoletta Clotilde Grillo
Altri titoli Contessa Gonzaga di Novellara e Bagnolo
Nascita Novellara, 22 febbraio 1698
Morte Massa, 24 novembre 1768
Luogo di sepoltura Duomo di Massa
Dinastia Gonzaga di Novellara e Bagnolo
Padre Camillo III Gonzaga
Madre Matilde d'Este
Consorte Alderano I Cybo-Malaspina
Figli
Religione Cattolicesimo
Contea di Novellara
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga-Novellara.svg

Giampietro
Figli
Alessandro I
Francesco II
Figli
  • Alessandro
  • Costanza
  • Claudio (naturale)
Camillo I
Alfonso I
Figli
  • Alfonso
  • Barbara
  • Costanza
  • Alessandro
  • Vittoria
  • Camillo II
  • Giulio Cesare
  • Faustina
  • Petronilla
  • Alfonsina
  • Settimia
  • Isabella
  • Giulio Cesare (naturale)
  • Cornelia (naturale)
Camillo II
Figli
Alessandro II
Figli
  • Bianca
Camillo II
Figli
Alfonso II
Figli
Camillo III
Figli
Filippo Alfonso
Modifica

Ricciarda Gonzaga (Novellara, 22 febbraio 1698Massa, 24 novembre 1768) è stata una nobile italiana, duchessa consorte di Massa e principessa consorte di Carrara, contessa di Novellara e Bagnolo.

Indice

BiografiaModifica

Ricciarda nacque il 22 febbraio 1698 a Novellara; figlia di Camillo III Gonzaga, ottavo conte di Novellara e Bagnolo, e della principessa di Modena e Reggio, Matilde d'Este. Fu l'ultima esponente della linea diretta e dinastica dei Gonzaga di Novellara e Bagnolo. Alla nipote Maria Beatrice d'Este spetterà la sua eredità, insieme a quelle estensi e dei Cybo-Malaspina.[1][2]

Sposò a Milano, il 29 aprile 1715, Alderano I Cybo-Malaspina, quarto duca di Massa e principe di Carrara. Privo di fratelli o cugini di sesso maschile atti a succedergli, legittimi o meno, sposo di una donna forse sterile, passò i primi dieci anni della sua vita coniugale e di sovrano oppresso dallo spettro dell'estinzione della dinastia e dello smembramento dello Stato. Finalmente nel 1725 nacque la prima figlia a cui ne seguirono in rapida successione altre due: il duca Alderano, decimo di undici figli, ed il cui padre aveva potuto vantare altri dodici tra fratelli e sorelle, sembrava mostrarsi prolifico come gli avi, ma la morte improvvisamente sopraggiunse quando nel 1731 quando era ancora nel pieno delle forze, ultimo sovrano maschio dei Cybo-Malaspina. Lo Stato e la tutela delle tre figlie rimarranno pertanto nelle mani della giovane vedova.[3]

Ricciarda, donna capace e risoluta, sarà, dunque, reggente del ducato per la primogenita di sei anni Maria Teresa dal 1731 al 1744, della quale, nel 1741, favorì le nozze con il futuro duca di Modena e Reggio Ercole III d'Este, la cui famiglia ambiva uno sbocco sul mare.[4]

Nel 1728 era deceduto il fratello Filippo Alfonso Gonzaga e Ricciarda fu chiamata ad amministrare la Contea di Novellara e Bagnolo (1727-1737); nel 1737 l'imperatore Carlo VI assegnò l'investitura della contea al duca Rinaldo I d'Este, avo di suo genero, Ercole Rinaldo.[5]

Ricciarda divise, quindi, la sua vita tra Massa (che continuerà indirettamente a governare per la frequente assenza della figlia), Novellara (dove aveva ereditato un cospicuo patrimonio mobiliare ed immobiliare) e Reggio, residenza preferita di Maria Teresa.

Morì il 24 novembre 1768, all'età di 70 anni, a Massa, e sarà tumulata nella cripta dei Cybo-Malaspina nel duomo.[6]

DiscendenzaModifica

Alderano e Ricciarda ebbero tre figlie:[7]

NoteModifica

  1. ^ Raffo, p. 8
  2. ^ Gli Estensi, p. 28
  3. ^ Raffo, p. 5
  4. ^ Raffo, p. 12
  5. ^ Gli Estensi, p. 41
  6. ^ Rombaldi, p. 178
  7. ^ Rombaldi, p. 128

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Gli Estensi, Mondadori, Milano 1972.
  • Olga Raffo, Maria Teresa Cybo Malaspina d'Este, FI.DA.PA., Carrara 2003.
  • Odoardo Rombaldi, Storia di Novellara, AGE, Reggio Emilia 1967.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN6499150749019016420004