Richard Hammond

Conduttore televisivo e radiofonico britannico
Richard Mark Hammond

Richard Mark Hammond, soprannominato Hamster ovvero "criceto" (Solihull, 19 dicembre 1969), è un conduttore televisivo e conduttore radiofonico britannico.

CarrieraModifica

È noto soprattutto per essere stato fino al 2015 co-presentatore del programma televisivo Top Gear assieme a James May e Jeremy Clarkson, co-conduttore dello show motoristico annuale MPH ad Earls Court e del National Exhibition Centre a Birmingham, con Tiff Needell e Jeremy Clarkson. Abita nel Galles.[1] In passato ha presentato Brainiac: Science Abuse e scrive degli articoli settimanalmente, che possono essere letti nella sezione motori del Daily Mirror ogni venerdì. È anche il conduttore di Total Wipeout e Invenzioni a catena. Nel 2010 ha condotto la serie di documentari I mondi invisibili di Richard Hammond (Richard Hammond's Invisible Worlds). Il 25 Aprile 2019, Discovery Uk ha annunciato il nuovo show di Hammond, che si chiamerà "BIG".[2]

Nel settembre 2006 ha subito un trauma cranico in seguito a un incidente ad alta velocità a bordo di un'autovettura dragster, chiamata Vampire, sulla quale era stato montato il motore di un aereo della RAF (Royal Air Force). L'incidente è avvenuto a 464 km/h, a causa dello scoppio dello pneumatico anteriore destro, durante le riprese per Top Gear. Alla fine di gennaio 2007, dopo che Hammond si era ristabilito dalle lesioni, la messa in onda di Top Gear è ricominciata nel Regno Unito mostrando lo spezzone video dell'incidente. Il 12 giugno 2017 durante le riprese per la realizzazione della seconda stagione di The Grand Tour ha avuto un incidente mentre guidava una Rimac Concept One[3] riportando la frattura della gamba sinistra e la rottura di alcune costole.

Filmografia parzialeModifica

Programmi TVModifica

Doppiatori ItalianiModifica

NoteModifica

  1. ^   (EN) Rallycross, part 2 (series 18, episode 7), Top Gear, BBC, a 0:04:30. URL consultato il 1º maggio 2014.
  2. ^ Richard Hammond su Discovery con BIG!, su Quotidiano Motori, 26 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2019.
  3. ^ Alessandra Pellegriti, The Grand Tour: Richard Hammond coinvolto in uno spaventoso incidente, è vivo per miracolo - BadTv.it, su badtv.it, 12 giugno 2017. URL consultato il 10 febbraio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85714451 · ISNI (EN0000 0000 7848 4501 · LCCN (ENn2006038804 · BNF (FRcb156848868 (data) · NDL (ENJA01118299 · WorldCat Identities (ENn2006-038804