Apri il menu principale

Richard Henshall

musicista britannico

BiografiaModifica

Nato a Londra, Henshall si è approcciato alla musica l'età di sette anni, iniziando con il pianoforte. Tra gli 11 e i 12 anni ha imparato a suonare la chitarra e la batteria come autodidatta, oltre ad aver effettuato corsi con il clarinetto.[4]

Nel 2007 ha fondato gli Haken insieme al cantante Ross Jennings e al chitarrista Matthew Marshall,[5] suonando chitarra e tastiera, oltre ad essere il principale compositore dei primi due album Aquarius e Visions.[6] Con il terzo album The Mountain, Henshall ha ricoperto per la prima volta anche il ruolo di paroliere, scrivendo il testo della terza traccia Cockroach King.[7]

Nel 2011 è tra i fondatori degli Opinaut, gruppo rock elettronico/drum and bass, incidendo l'EP Oxygen due anni più tardi.[8] Nell'autunno 2014 ha formato insieme a Dan Briggs dei Between the Buried and Me il supergruppo Nova Collective, il quale ha pubblicato l'album di debutto The Further Side nel marzo 2017.[9]

Il 3 maggio 2019 Henshall ha annunciato il proprio album di debutto da solista, intitolato The Cocoon e realizzato con la partecipazione di vari artisti, come Jordan Rudess dei Dream Theater, Marco Sfogli della Premiata Forneria Marconi e Ross Jenning e Conner Green degli Haken.[10] Uscito il 9 agosto, l'album ha segnato il debutto dell'artista come cantante ed è stato anticipato dai singoli Twisted Shadows e Limbo.[11]

Influenze musicaliModifica

Henshall ha citato come principale ispirazione il compositore armeno Tigran Hamasyan per la sua abilità nell'unire elementi jazz con la poliritmia tipica di gruppi heavy metal come i Meshuggah.[12][13][14]

Altri artisti che hanno influito sul suo stile di composizione sono Dream Theater,[15] Fear Factory,[16] Gentle Giant,[15] King Crimson[12] i sopracitati Meshuggah,[16] i Radiohead[12] e i Soulfly.[16]

DiscografiaModifica

 
Richard Henshall in concerto con gli Haken a Milano nel 2019

Da solistaModifica

Con i To-MeraModifica

Con gli HakenModifica

Con gli OpinautModifica

  • 2013 – Oxygen (EP)

Con i Nova CollectiveModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Eduardo Rivadavia, Haken, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 10 agosto 2019.
  2. ^ a b (EN) Alex Henderson, To-Mera, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 10 agosto 2019.
  3. ^ Alberto Capettini, Nova Collective – Recensione: The Further Side, su metallus.it, 12 marzo 2017. URL consultato il 10 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Frank Serafine, Haken Explains Story Behind "Visions", Favorite Bands, And Musical Training, su metalunderground.com, 23 settembre 2011. URL consultato il 10 agosto 2019.
  5. ^ Gli Haken alla conquista dell'Italia: «L'istinto è fondamentale», Onstage, 10 luglio 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  6. ^ (EN) Mike Ainscoe, Haken in Manchester / Richard Henshall Interview, The Progressive Aspect, 28 marzo 2017. URL consultato il 10 agosto 2019.
  7. ^ (EN) Jason Spencer, Interview with Haken, November 2013, su powerofmetal.dk. URL consultato il 10 agosto 2019.
  8. ^ (EN) Opinaut, NumberOneMusic. URL consultato il 10 agosto 2019.
  9. ^ (EN) New band Nova Collective announced with Haken BTBAM members, The Prog Report, 5 dicembre 2016. URL consultato il 10 agosto 2019.
  10. ^ HAKEN: un album solista per il chitarrista Richard Henshall, su metalitalia.com, 3 maggio 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  11. ^ (EN) John Kokel, Richard Henshall – The Cocoon (Album Review), Sonic Perspectives, 22 luglio 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  12. ^ a b c (EN) Sam Alberti, INTERVIEW: Richard Henshall – Haken, Distorted Sound Magazine, 23 ottobre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  13. ^ (EN) "Our most unified effort to date" – A Conversation with Richard Henshall, World Prog-Nation, 17 ottobre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  14. ^ (EN) HAKEN Discuss New Album Vector, Unusual Influences, and Mental Health, Metal Injection, 12 novembre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  15. ^ a b (EN) Under the Influence with Rich Henshall from Haken, Echoes and Dust. URL consultato il 10 agosto 2019.
  16. ^ a b c (EN) Haken Interview: Vector, "The Good Doctor" & Rock Operas, su whatculture.com. URL consultato il 10 agosto 2019.
    «I grew up loving bands like Soulfly, Machine Head, Fear Factory and Meshuggah. Those were massive influences on me in my teenage years».

Collegamenti esterniModifica