Apri il menu principale
Richard Wolfgang Thomalla
Richard Thomalla.jpg
Ritratto ufficiale di Richard Thomalla in uniforme da SS, 1940 circa
23 ottobre 1903 – 12 maggio 1945
Nato aAnnahof, Alta Slesia, Impero tedesco
Morto aJičín, Cecoslovacchia
Cause della morteesecuzione
Dati militari
Paese servitoGermania Germania
Forza armataFlag of the Schutzstaffel.svg Schutzstaffel
Anni di servizio1932 - 1945
GradoSS- Hauptsturmführer (capitano)
GuerreSeconda guerra mondiale
Altre caricheResponsabile della costruzione dei campi di sterminio di Bełżec, Sobibór e Treblinka
voci di militari presenti su Wikipedia

Richard Wolfgang Thomalla (Annahof, 23 ottobre 1903Jičín, 12 maggio 1945) è stato un militare e ingegnere tedesco, responsabile della costruzione dei campi di sterminio di Bełżec, Sobibór e Treblinka nell'ambito dell'Aktion Reinhardt.

Indice

BiografiaModifica

Thomalla nacque nel 1903 nel villaggio di Sowin (che all'epoca si chiamava Annahof), il cui territorio era compreso nella vecchia regione tedesca dell'Alta Slesia, mentre oggi fa parte della Polonia. Nel 1932 aderì al Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi (NSDAP) con la tessera numero 1.238.872 ed entrò a far parte delle SS, ottenendo la tessera numero 41.206.[1]

Thomalla, capomastro molto esperto, fu incaricato di progettare i tre campi di sterminio dell'Aktion Reinhardt: Bełżec, Sobibór e Treblinka. Il primo ad essere costruito fu Bełżec, la cui costruzione ebbe inizio il 1º settembre 1941 e terminò nel marzo dell'anno successivo. Nello stesso mese incominciò a progettare Sobibór, la cui costruzione fu affidata ad un gruppo di ebrei e di prigionieri ucraini, guidato dallo stesso Thomalla[2], provenienti dal vicino campo di concentramento di Trawniki. Nel maggio 1942, una volta completata la costruzione del campo, questi prigionieri furono fucilati.[3] Successivamente progettò il campo di sterminio di Treblinka, utilizzando la stessa pianta di Sobibór.

Alla fine della guerra, fu catturato e giustiziato dalla NKVD il 12 maggio 1945 a Jičín, in Cecoslovacchia.[3][4]

NoteModifica

  1. ^ The Treblinka Perpetrators, su deathcamps.org. URL consultato il 6 luglio 2015.
  2. ^ Ernst Klee, Willi Dressen, Volker Riess e Deborah Burnstone, The Good Old Days: The Holocaust as Seen by Its Perpetrators and Bystanders, New York, Konecky & Konecky, 1991, p. 231, ISBN 1-56852-133-2.
  3. ^ a b Yitzhak Arad, Belzec, Sobibor, Treblinka: The Operation Reinhard Death Camps, Bloomington, Indiana University Press, 1987, ISBN 0-253-34293-7.
  4. ^ Ernst Klee, Das Personenlexikon zum Dritten Reich: Wer war was vor und nach 1945, Francoforte sul Meno, Fischer-Taschenbuch-Verlag, 2005, ISBN 3-596-16048-0.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica