Apri il menu principale

Riconoscimenti ottenuti da Toy Story 3 - La grande fuga

1leftarrow blue.svgVoce principale: Toy Story 3 - La grande fuga.

Premi assegnati a Toy Story 3 - La grande fuga
Toy Story 3 logo.png
logo originale del film
Premio Vinto Nominato
Premio Oscar
2 5
American Cinema Editors
1 1
Annie Awards
0 3
Boston Society of Film Critics
1 1
British Academy of Film and Television Arts
1 3
Broadcast Film Critics
1 1
Central Ohio Film Critics Association
1 1
Bradbury Award
0 1
Chicago Film Critics Association
1 1
Dallas-Fort Worth Film Critics Association Award
1 1
Florida Film Critics Circle Award
1 1
Premio Golden Globe
1 1
Grammy Awards
1 1
Kansas City Film Critics Circle
1 1
Kids' Choice Awards
0 3
Las Vegas Film Critics Society
2 2
London Critics Circle Film Awards
1 1
Los Angeles Film Critics
2 2
Motion Picture Sound Editors
0 1
National Board of Review
2 2
Nebula Award
0 1
New York Film Critics
0 1
Online Film Critics Society
1 2
People's Choice Awards
1 2
Phoenix Film Critics Society
1 3
Producers Guild of America
1 2
San Diego Film Critics Society
1 2
Satellite Awards
1 2
Saturn Award
1 2
Scream Awards
0 4
Southeastern Film Critics Association
2 2
St. Louis Gateway Film Critics Association
1 2
Teen Choice Awards
1 1
Toronto Film Critics Association
0 1
Visual Effects Society
0 1
Numero totale di vittorie e candidature
Totale 35 69
Note

Toy Story 3 - La grande fuga (Toy Story 3) è un film d'animazione del 2010 diretto da Lee Unkrich. Terzo e ultimo capitolo dell'omonima saga prodotta dai Pixar Animation Studios, dopo Toy Story - Il mondo dei giocattoli e Toy Story 2 - Woody e Buzz alla riscossa, il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 18 giugno 2010,[1] distribuito dalla Walt Disney Company, mentre in Italia, dopo la première mondiale tenutasi al Taormina Film Fest il 12 giugno 2010,[2] la pellicola debuttò nei cinema il 7 luglio dello stesso anno.[1]

Toy Story 3 debuttò in 4.028 cinema americani e canadesi il 18 giugno 2010 e nel giorno d'apertura incassò 41.148.961 $,[3] diventando il maggior incasso nel giorno d'apertura per un film animato, battendo il record precedentemente appartenuto a Shrek terzo.[3] Nel week-end d'apertura, la pellicola incassò 110.307.189 $ e nel luglio dello stesso anno, sorpassò Shrek 2, diventando la prima pellicola animata nella storia a raggiungere il traguardo del miliardo di dollari.[4][5]

Il film venne nominato per svariati premi e riconoscimenti, inclusi tre Annie Awards, cinque Academy Awards e un Premio Golden Globe. Toy Story 3 perse agli Annie Award contro Dragon Trainer, ma ottenne l'Oscar al miglior film d'animazione e quello per la migliore canzone, venendo nominato anche per la migliore sceneggiatura non originale e il miglior montaggio sonoro alla 83ª edizione degli Oscar. La Disney puntò molto sulla performance del film agli Oscar, promuovendolo con una imponente campagna pubblicitaria attraverso i cosiddetti For Your Consideration.[6] Al di là della candidatura nella categoria di miglior film, data per scontata dalla gran parte degli addetti ai lavori, la compagnia si diede da fare per sponsorizzare il film come un valido vincitore del premio.[6]

La pellicola ottenne pareri e recensioni molto positive dalla maggior parte dei critici, tanto che il sito aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes registrò un 99% di "freschezza".[7] Il film ricevette il plauso dalla quasi totalità della critica statunitense, che applaudì l'elevata qualità della storia, in grado di mescolare l'intrattenimento più immediato con temi profondi e adulti, come la paura della perdita, la fedeltà, il bisogno di crescere e l'accettazione della propria mortalità.[8]

Indice

Campagna pubblicitariaModifica

(EN)

«Oh boy. I can't believe I'm actually saying this, but thank you to the Academy. I wouldn't be standing here if it weren't for the vision of three incredible guys. John Lasseter, Ed Catmull, and Steve Jobs, the founders of Pixar Animation Studios, which by the way, is the most awesome place on the planet to make movies. To my producer, Darla Anderson, screenwriter Michael Arndt, my cast and crew, everyone at Disney and Pixar, every single person who had absolutely anything to do with making Toy Story 3 and getting it out into the world, I share this with you. To my grandmother, who always insisted that she'd see me up here someday. To my parents, my wife, Laura, my kids, Hannah, Alice, and Max, I love you all so much. And finally, thank you to audiences all over the world who came out in historic numbers and embraced a movie about talking toys that hopefully had something very human to say. Thank you. Thank you! Thank you!»

(IT)

«Oh, ragazzi. Non riesco a credere che sto per dirlo, ma grazie all'Academy. Non sarei qui se non fosse stato per l'intuito di tre uomini incredibili. John Lasseter, Ed Catmull e Steve Jobs, i fondatori dei Pixar Animation Studios, che tra l'altro è il posto più incredibile sulla Terra dove fare film. Alla mia produttrice, Darla Anderson, allo sceneggiatore Michael Arndt, al cast e alla troupe, a tutti quelli alla Disney e alla Pixar, ogni singola persona che abbia avuto a che fare con la realizzazione di Toy Story 3 e alla sua uscita nel mondo, condivido questo con voi. A mia nonna, che ha sempre sostenuto che mi avrebbe visto qui sopra un giorno. Ai miei genitori, mia moglie, Laura, i miei bambini, Hannah, Alice e Max, vi amo così tanto. E infine, grazie al pubblico di tutto il mondo che è venuto in numeri storici ad abbracciare un film su dei giocattoli parlanti che spero abbia avuto qualcosa di veramente umano da dire. Grazie. Grazie! Grazie!»

(Discorso di ringraziamento di Lee Unkrich per l'Oscar al miglior film d'animazione.[9])

La Disney, nominata nel corso della storia degli Oscar solamente in due occasioni, nel 1991 per La bella e la bestia e nel 2010 per Up, decise di puntare su Toy Story 3 per aggiudicarsi il premio come "miglior film", forte del fatto di aver riscontrato il plauso di critica e pubblico. La campagna promozionale prendeva le mosse dalla considerazione che molte altre opere di genere avevano vinto la statuetta per il miglior film (horror, di guerra, fantasy, sequel). Rich Ross, presidente del consiglio di amministrazione Disney, affermò: «Abbiamo il più grande e meglio recensito film dell'anno. Se non questo film, se non quest'anno, quando?».[6][10]

 
Lee Unkrich, regista del film.

I For Your Consideration includevano immagini ritraenti scene di Toy Story 3 echeggianti altrettanti lavori di genere, remake e seguiti vincitori dell'Oscar, con impressa la tagline Not Since... (Non da..., interpretabile come un Non dai tempi di...), accompagnata dal titolo della pellicola parodiata. I film presi in considerazione furono Il silenzio degli innocenti, Tutti insieme appassionatamente, The Millionaire, American Beauty, Il padrino - Parte II, La tragedia del Bounty, Io e Annie, Fronte del porto, Titanic, Rocky, Shakespeare in Love, Il braccio violento della legge, Un uomo da marciapiede, Platoon, La stangata e Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re.[10][11] Proprio quest'ultima opera venne presa a termine di paragone sia dal regista Lee Unkrich che dai commentatori in quanto, all'epoca, l'Oscar al film di Peter Jackson venne visto da molti come un premio complessivo alla trilogia fantasy. Allo stesso modo, l'Oscar a Toy Story 3 sarebbe sembrato un riconoscimento all'intera saga Pixar.[12]

Secondo altri, invece, la strategia si sarebbe rivelata sbagliata, come nel caso di Harvey Weinstein, che nel 2002 escogitò una campagna simile a favore dell'Oscar per Martin Scorsese e il suo Gangs of New York.[13] A contrastare la candidatura della pellicola fu la sua sconfitta ai vari premi di categoria (come il Writers Guild of America Award e il Directors Guild of America Award), che vengono votati dagli stessi membri dell'Academy. Proteste per un'eventuale vittoria del film si sollevarono in particolare da un'associazione di dipendenti dei parchi tematici Disney, che si erano visti privare dell'assicurazione sanitaria dalla compagnia.[14][15]

Patrick Goldstein e James Rainey, del Los Angeles Times, scrissero che l'unico modo per un film animato di vincere l'Oscar per il miglior film sarebbe stato quello di cambiare la mentalità dell'associazione, citando la ritrosia degli attori, la categoria più rappresentata all'interno dell'Academy, a votare un film in cui non compaiono attori in carne ed ossa sullo schermo, e conclusero affermando: «Per adesso, se sei la Pixar, ti sei guadagnata la nostra eterna gratitudine cinematografica per aver fatto film che toccano il nostro senso del meraviglioso, del dolore e del divertimento. Ma non hai ancora il diritto di essere presa sul serio dall'Academy».[13] L'Oscar venne poi vinto da Il discorso del re.

Ironicamente, la casa di produzione non presentò la candidatura alla migliore colonna sonora a causa della presenza di molti temi creati nel passato che rese ineleggibile il lavoro di Newman, puntando invece sulle nomination alla miglior canzone.[16][17][18] Newman venne nominato per la canzone We Belong Together, ottenendo la sua ventesima candidatura agli Oscar e, in seguito, la sua seconda vittoria, dopo il riconoscimento nel 2002 per la canzone If I Didn't Have You (tratta da Monsters & Co.),[16][19][20] così come venne nominata la sceneggiatura di Arndt, che si disse onorato e commentò scherzosamente la sua seconda nomination: «Penso che chiunque stia aspettando un mio fallimento non dovrà attendere a lungo».[21]

Controversia con gli Annie AwardModifica

Diametralmente opposti furono i provvedimenti presi dallo studio nei confronti degli Annie Awards, uno dei più importanti riconoscimenti dedicati al settore dell'animazione. Nell'agosto del 2010, infatti, Ed Catmull, presidente dei Walt Disney Animation Studios, dichiarò che la compagnia non avrebbe sottoposto nessuna delle proprie opere prodotte durante il 2010 per gli Annie Award, a causa delle farraginose regole del premio.[22] L'episodio che innescò la controversia è da farsi risalire alla vittoria schiacciante di Kung Fu Panda nel 2008, a discapito di WALL•E, che avrebbe in seguito vinto l'Oscar al miglior lungometraggio d'animazione.[22] L'edizione del 2008 mostrò il sistema fallace degli Annie, il cui regolamento prevedeva che potesse votare chiunque fosse iscritto come membro all'ASIFA-Hollywood, la sezione di Hollywood della "Association Internationale du Film d'Animation" che regola le premiazioni, professionista del settore o semplice appassionato.[23] Jeffrey Katzenberg, a capo della DreamWorks Animation, aveva offerto l'iscrizione all'ASIFA a tutti i suoi dipendenti e, in seguito, la incluse nel pacchetto di benvenuto ai nuovi assunti. Così facendo, Kung Fu Panda vinse undici premi sulle sedici candidature. Le lamentele degli addetti ai lavori costrinse gli organizzatori dell'Annie a rivedere le modalità di premiazione.[22]

L'ASIFA modificò il regolamento nel 2009 e impose che solo i professionisti potessero votare, pur mantenendo le categorie produttive, come quella al miglior lungometraggio, aperte al voto di studenti d'animazione e appassionati. L'anno successivo fu decretato che solo i professionisti del settore iscritti all'associazione, e approvati da un comitato supervisore, potessero eleggere il vincitore. Catmull, insoddisfatto dei cambiamenti apportati, chiese la presenza di un consiglio formato dai vari studi d'animazione che potesse suggerire ulteriori cambiamenti nel regolamento degli Annie. L'ASIFA respinse le richieste di Catmull e la Disney, in tutta risposta, decise di non sottoporre nessuna delle proprie opere come contendenti per l'Annie Award del 2011. I singoli artisti potevano comunque presentare i propri lavori allo stesso modo in cui il comitato supervisore poteva nominare opere giudicate meritevoli.[24]

Toy Story 3, infatti, ricevette tre candidature e una ulteriore nomination venne assegnata al cortometraggio Quando il giorno incontra la notte. A spopolare fu nuovamente la DreamWorks, che, grazie alla presenza massiccia di proprio dipendenti all'interno dell'ASIFA, circa il 40% del totale,[24] ottenne sei candidature per Megamind, cinque per Shrek e vissero felici e contenti e sedici per Dragon Trainer. Quest'ultima pellicola vinse nove premi, tra cui quelli per miglior sceneggiatura, miglior regia e miglior film. Nessuna personalità Disney/Pixar nominata per un premio presenziò alla cerimonia e la vittoria di Dragon Trainer suscitò uno scalpore pari a quello dell'edizione del 2008.[24] Per molti critici, i premi Annie persero gran parte delle loro credibilità nel settore dei premi cinematografici.[24]

ClassificheModifica

Toy Story 3 fu segnalato tra i migliori film dell'anno in diverse classifiche, come quella dell'American Film Institute,[25] del The New Yorker,[26] del The Philadelphia Inquirer,[27] del El País,[28] e The Guardian.[29] comparando addirittura nella lista dei venticinque miglior film d'animazione di sempre secondo il TIME, all'undicesimo posto.[30] Tra le classifiche redatte da critici in cui il film è stato ritenuto tra i primi posti della top-ten della stagione cinematografica del 2010:

Premi e candidature[62][63]Modifica

  • 2011 - Golden Reel Award
    • Nomination Miglior montaggio sonoro in un lungometraggio d'animazione
  • 2010 - Awards Circuit Community Awards
    • Miglior film d'animazione
    • Premio Davis al miglior film a Darla K. Anderson
    • Premio Davis al miglior film d'animazione
    • Nomination Miglior film a Darla K. Anderson
    • Nomination Miglior colonna sonora originale a Randy Newman
    • Nomination Premio Davis alla miglior regia a Lee Unkrich
    • Nomination Premio Davis alla miglior sceneggiatura non originale a Michael Arndt
    • Nomination Premio Davis alla miglior colonna sonora originale a Randy Newman
    • Nomination Premio Davis al miglior montaggio
    • Nomination Premio Davis al miglior sonoro
    • Nomination Premio Davis alla miglior canzone (We Belong Together)
  • 2010 - Golden Schmoes Awards
    • Miglior film d'animazione
    • Nomination Miglior film
    • Nomination Miglior sceneggiatura a Michael Arndt
    • Nomination Scena più memorabile (L'inceneritore)
    • Nomination Scena più memorabile (Andy dice addio)

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Release dates for Toy Story 3 (2010), su Internet Movie Database. URL consultato il 24 luglio 2010.
  2. ^ (EN) Eric J. Lyman, 'Toy Story 3' to open Taormina Film Fest, in The Hollywood Reporter, 24 maggio 2010. URL consultato il 1º giugno 2010.
  3. ^ a b (EN) Friday Report: 'Toy Story 3' Sets Toon Opening Day Record, in Box Office Mojo, 19 giugno 2010. URL consultato il 4 settembre 2010.
  4. ^ (EN) Toy Story 3 reaches $1 billion dollars globally, in The Pixar Blog, 27 agosto 2010. URL consultato il 28 agosto 2010.
  5. ^ (EN) Andrew Stewart, 'Toy Story 3' sets box office record Disney-Pixar film becomes highest-grossing toon ever [collegamento interrotto], in Variety, 13 agosto 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  6. ^ a b c (EN) Pete Hammond, OSCAR: Disney's Rich Ross Says "We're Going For The Best Picture Win" For 'Toy Story 3', in Deadline, 17 novembre 2010. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  7. ^ (EN) Toy Story 3 (2010), su Rotten Tomatoes. URL consultato il 29 agosto 2010.
  8. ^ (EN) James R. Whitson, Toy Story 3, in Animated Views, 21 giugno 2010. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  9. ^ (EN) Sophia Savage, Oscars 2011: Winners Talk: The Fighter's Christian Bale & Melissa Leo, Lee Unkrich, More (UPDATED), in Indie Wire, 27 febbraio 2011. URL consultato il 28 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2011).
  10. ^ a b (EN) Peter Sciretta, Toy Story 3 Oscar Campaign, in Slash Film, 27 dicembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  11. ^ (EN) Mike Bastoli, Two more FYC ads for Toy Story 3, in ThePixarBlog.com, 10 gennaio 2011. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  12. ^ (EN) Ramin Setoodeh, Can 'Toy Story 3' Win the Oscar?, in Newsweek, 2 novembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  13. ^ a b (EN) Patrick Goldstein e James Rainey, Disney's Rich Ross is really crazy: He thinks Pixar should win a best picture Oscar, in Los Angeles Times, 29 novembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  14. ^ (EN) Dennis Romero, (Video) 'Toy Story 3' Anti-Oscar Campaign Waged By Disney Resort Workers [collegamento interrotto], in LAWeekly.com, 14 dicembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  15. ^ (EN) Germain Lussier, Disneyland Hotel Union Launches Anti-'Toy Story 3′ Oscar Campaign, in Slash Film, 17 dicembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  16. ^ a b (EN) Guy Lodge, 77 scores competing for Oscar, 'Toy Story 3' not among them, in In Contention, 30 dicembre 2010. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  17. ^ (EN) Jon Burlingame, Busy movie maestros vie for Oscar glory, in Variety, 29 dicembre 2010. URL consultato il 26 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2011).
  18. ^ (EN) Steve Pond, Alan Menken on Oscar's Tangled Music Process [collegamento interrotto], in The Wrap, 7 gennaio 2011. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  19. ^ (EN) Susan King, Fun facts about the Oscar nominations, in Los Angeles Times, 26 gennaio 2011. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  20. ^ (EN) Anne Thompson, Live at the Oscars: Randy Newman Wins His Second Oscar for Best Song, Toy Story 3, in Indie Wire, 27 febbraio 2011. URL consultato il 28 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2011).
  21. ^ (EN) Lane Brown, Toy Story 3 Director Lee Unkrich and Writer Michael Arndt on Their Oscar Nominations, in New York Magazine, 25 gennaio 2011. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  22. ^ a b c (EN) Peter Debruge, Disney withdraws from Annie Awards [collegamento interrotto], in Variety, 25 agosto 2010. URL consultato il 6 febbraio 2011.
  23. ^ (EN) Alison Nastasi, Disney/Pixar Drops Out of Annie Awards Following Voting Controversy, in Moviefone, 25 agosto 2010. URL consultato il 6 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2011).
  24. ^ a b c d (EN) Steve Pond, 'Dragon' Named Top Toon at Annie Awards, in The Wrap, 5 febbraio 2011. URL consultato il 6 febbraio 2011.
  25. ^ (EN) Peter Sciretta, AFI's Top 10 Movies and TV Shows of 2010, in Slash Film, 13 dicembre 2010. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  26. ^ (EN) Anthony Lane, Ten Films I Liked in 2010, in The New Yorker, 7 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  27. ^ (EN) Carrie Rickey, Carrie Rickey: The best films of 2010, in The Philadelphia Inquirer, 26 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  28. ^ (ES) Jordi Minguell, 10 películas de 2010, in El País, 24 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  29. ^ (EN) Peter Bradshaw, Peter Bradshaw's best films of 2010, in The Guardian, 1° dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  30. ^ (EN) Richard Corliss, Toy Story 3, 2010 - The 25 All-TIME Best Animated Films, in TIME, 23 giugno 2011. URL consultato il 23 giugno 2011.
  31. ^ (EN) Quentin Tarantino, Quentin's Favorite Movies of 2010, in The Quentin Tarantino Archives, 3 gennaio 2011. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  32. ^ (EN) Richard Corliss, The Top 10 Everything of 2010 - Top Movies, in TIME, 9 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  33. ^ (EN) Kenneth Turan, 2010 in review: Kenneth Turan on film, in Los Angeles Times, dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  34. ^ (EN) Derek Adams, Best films of 2010 - Chosen by Derek Adams, Film writer, in Time Out, dicembre 2010. URL consultato l'8 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2010).
  35. ^ (EN) Top 10 best movies of 2010, in International Business Times, 1° gennaio 2011. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  36. ^ (EN) Jonathan Levine, EXCLUSIVE: Jonathan Levine's top ten films of 2010, in Very Aware, 3 gennaio 2011. URL consultato il 29 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2011).
  37. ^ (EN) A. O. Scott, The Cinematic State of Things, in The New York Times, 16 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  38. ^ (EN) Peter Hartlaub, Peter Hartlaub's 10 favorite movies of the year, in San Francisco Chronicle, 26 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2011).
  39. ^ (EN) Tim Robey, Top 10 movies of 2010, in The Daily Telegraph, 14 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  40. ^ (EN) Helen O'Hara, Empire's Top 20 Films Of The Year, in Empire, 26 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  41. ^ (EN) Joe Neumaier, 'Blue Valentine' is best movie of 2010, 'How Do You Know' is worst: Joe Neumaier, in New York Daily News, 27 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  42. ^ (EN) Owen Gleiberman, 10 Best Movies of 2010: Owen Gleiberman's Picks, in Entertainment Weekly, 17 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  43. ^ Ciak, Inception è il film dell'anno, in Ciak, 30 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2010).
  44. ^ (EN) David Edelstein, The Year in Movies, in New York Magazine, 5 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  45. ^ (EN) Lisa Schwarzbaum, 10 Best Movies of 2010: Lisa Schwarzbaum's Picks, in Entertainment Weekly, 17 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  46. ^ (EN) Ty Burr, In this pivotal year, documentaries had the most movie mystery, in The Boston Globe, 26 dicembre 2010, p. 3. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  47. ^ (EN) Richard Roeper, The Best Movies of 2010, in Richard Roeper.com, 24 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  48. ^ (EN) Mick LaSalle, Mick LaSalle's movie highs and lows of 2010, in San Francisco Chronicle, 26 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2010).
  49. ^ (EN) Philip French, The best films of 2010, by Philip French, in The Guardian, 12 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  50. ^ (EN) Mike Scott, Times-Picayune movie critic Mike Scott reveals his list of the Top 10 Films of 2010, in The Times-Picayune, 31 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  51. ^ (EN) Betsy Sharkey, 2010 in review: Betsy Sharkey on film, in Los Angeles Times, dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  52. ^ (EN) David Ansen, The Best Movies of 2010, in Newsweek, 21 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  53. ^ (EN) Chris Vognar, Year in Review: Movies offer a chilling view of the world [collegamento interrotto], in The Dallas Morning News, 0 gennaio 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  54. ^ (EN) Noel Murray, Keith Phipps, Nathan Rabin, Tasha Robinson e Scott Tobias, The best films of 2010, in The Onion A.V. Club, 16 dicembre 2010. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  55. ^ (EN) Todd McCarthy, Kirk Honeycutt, THR Critics Name 'Inception,' 'Carlos' Best of 2010, in The Hollywood Reporter, 17 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  56. ^ (EN) Germain Lussier, Germain's Top 10 Movies of 2010 (and Top 5 of 2011 So Far), in Slash Film, 3 gennaio 2011. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  57. ^ (EN) Claudia Puig, Our critic's 10 best films of 2010, in USA Today, 29 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  58. ^ (EN) Peter Rainer, Ten best movies of 2010, in The Christian Science Monitor, dicembre 2010. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  59. ^ (EN) Wesley Morris, No greats, but plenty of goodness, in The Boston Globe, 26 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  60. ^ (EN) Joe Morgenstern, Kings—Real and Virtual—Rule, in The Wall Street Journal, 24 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  61. ^ (EN) Peter Travers, 10 Best Movies of 2010, in Rolling Stone, 23 dicembre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  62. ^ (EN) Toy Story 3 (2010), su The New York Times. URL consultato il 2 aprile 2011.
  63. ^ (EN) Awards for Toy Story 3, su Internet Movie Database. URL consultato il 2 aprile 2011.

BibliografiaModifica

  • (EN) Charles Solomon, The Art of Toy Story 3, John Lasseter (prefazione), Lee Unkrich e Darla K. Anderson (introduzione), New York, Chronicle Books, 26 maggio 2010, pp. 176 pp, ISBN 0-8118-7434-6.
  • (EN) Toy Story 3: The Essential Guide, New York, Dorling Kindersley, 1º maggio 2010, pp. 48 pp, ISBN 0-7566-6316-4.
  • (EN) Teddy Newton, Day & Night, Andrea Menotti (editor), New York, Chronicle Books, 04 agosto 2010, pp. 40 pp, ISBN 0-8118-7664-0.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 19 aprile 2013 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue