Ridley (personaggio)

personaggio di Metroid
Ridley
Ridley.jpg
Artwork ufficiale da Super Metroid
Nome orig.リドリー (Ridley)
Lingua orig.Giapponese
AutoreMakoto Kanoh
1ª app.1986
1ª app. inMetroid
SessoMaschio
Luogo di nascitasconosciuto
Poteri
  • Volo
  • Sputare raggi al plasma
  • Sopravvivenza senza ossigeno e nello spazio
  • Rigenerazione più veloce con il consumo di grandi quantità di carne umana ingerita
  • Intelligenza superiore
  • Creare automi e protesi meccaniche

Ridley (リドリー?) è uno dei principali nemici della saga del videogioco Metroid.

Ha capeggiato i Pirati Spaziali durante il raid alla colonia spaziale terrestre K-2L durante il quale sono stati assassinati i genitori di Samus Aran, Rodney e Virginia Aran, e durante l'assalto alla Colonia Spaziale Ceres, in Super Metroid, ha rapito l'ultimo esemplare di Metroid portandolo con sé sul pianeta Zebes.

Il nome di Ridley è un omaggio al regista di Alien, Ridley Scott.

DescrizioneModifica

AspettoModifica

Ridley è un enorme alieno simile a un drago, dotato di un corpo esile e di forma vagamente umanoide. La pelle è di colore viola (grigio scuro in alcuni giochi) e la schiena è provvista di due grandi ali simili a quelle di un pipistrello. La coda, sottile ed elastica, termina con una freccia appuntita (sostituita in Metroid: Other M da una lama cheratinosa). Gli arti anteriori sono piuttosto lunghi e provvisti di mani con tre o quattro dita munite di artigli. I piedi sono prensili e simili a quelli di un uccello. Il collo è sottile e costantemente piegato in avanti, che fa pensare sia composto da due sole ossa. La testa ha le delle fattezze simili a quelle di uno pteranodonte, ma con il “becco” dentato.

Nel suo stadio neonato (comparso solo in Other M), Ridley ha l'aspetto di un ibrido coniglio-pulcino bianco, con delle lunghe zampe posteriori e provvisto di una bocca enorme costellata da denti acuminati.

Nello stadio adolescenziale (anche questo comparso solo in Other M), il suo aspetto è leggermente più simile allo stadio adulto: le differenze sono la folta peluria sulla schiena, il colore viola sbiadito e l'assenza della protuberanza dietro la testa e delle ali (quest’ultime si stanno sviluppando da delle escrescenze situate sul dorso). inoltre in questa forma ha delle movenze simili a quelle di un gorilla.

Nella serie di Metroid Prime, Ridley ha addosso delle protesi meccaniche con cui può ancora essere operativo. In questa forma è chiamato Meta Ridley.

In Metroid: Samus Return, Ridley ha ancora le protesi di Meta Ridley ma grazie alle cure del Phazon, non solo le protesi fungono da armi, ma la pelle di Ridley diventa più chiara, ma il piccolo Metroid, dopo avergli tolto le forze del Phazon lo fa ritornare viola, distruggendo anche le protesi.

Poteri e abilitàModifica

Grazie alle sue ali, Ridley è in grado di volare, e attacca usando gli artigli, trafiggendo i nemici con la coda e lanciando sfere infuocate dalla bocca.

StoriaModifica

Il primo incontroModifica

Il passato di Ridley antecedente alla Missione Zero, viene narrato nel manga canonico.

L'impero dei pirati spaziali nacque dopo che la Federazione Galattica (FG) proclamò la pace nella Galassia. Approfittando di ciò, i Pirati attaccarono diverse colonie, una delle quali sul pianeta K-2L. Ridley e i suoi pirati attaccarono tutti i terrestri coloni del pianeta e Ridley incontro una bambina che considerava troppo innocente per ucciderla subito, Samus Aran. Ridley rimase poi coinvolto nell'esplosione kamikaze di Rodney, il padre di Samus, uscendone con grave lesioni. Volendo vendicare i compagni morti, Ridley tenta di uccidere Samus, ma Virginia, la madre della bambina, incassa i Raggi Plasma di Ridley. Samus fugge spaventata incontrando i Chozo, mentre Ridley divora il cadavere di Virginia per ricomporre le cellule del corpo danneggiate dall'esplosione

Il secondo incontroModifica

30 anni dopo, Samus torna su Zebes, dove era stata cresciuta dai Chozo. Là scopre che l'AI dei Chozo, Cervello Madre, ha ottenuto il ruolo di leader dei Pirati Spaziali, assieme al Chozo Voce Grigia. In quel momento Ridley entra nella sala riconoscendo Aran. Ridley, per spaventare la ragazza, le racconta di come si fosse mangiato il cadavere di Virginia. Samus rimane così traumatizzata che implorerà più tardi ai suoi compagni di ucciderla, da quanto era inorridita.

Poco prima che la Federazione attaccasse Zebes, Voce Grigia rivela il suo doppiogioco e prova a fermare Ridley, ma questi con la sua coda e il raggio plasma lo uccide sotto gli occhi di Samus, la quale deve andarsene con l'arrivo della FG.

Un anno dopo, Ridley tenterà di uccidere Adam Malcovich, colui che era a capo dell'attacco a Zebes, con dei fiori tossici, ma viene salvato da Samus, la quale viene mandata in missione, dopo la morte di molti altri soldati della Federazione, su Zebes.

Il primo scontroModifica

Ridley apparve nei giochi, per la prima volta in Metroid e nel suo remake Zero Mission. Nell'area più profonda di Norfair, che porta il suo stesso nome, viene scovato da Samus. Dopo un'aspra battaglia, Ridley viene sconfitto e apparentemente ucciso dalla cacciatrice di taglie, liberando il passaggio che conduce a Tourian. Nel manga, Samus s'impossessa dell'Ipertuta che la rende immune agli attacchi del raggio plasma di Ridley, quindi con il Raggio Gelo, Ridley viene annientato, ma non debellato.

L'automaModifica

 
Ridley in Super Smash Bros. Brawl

Questo automa meccanico incompleto è stato costruito dallo stesso Ridley, a scopo di sostituirlo nella difesa della nave madre dei Pirati Spaziali. Essendo immune ai raggi, Samus, ora in possesso della Tuta Leggendaria Chozo, usa i missili per sconfiggerlo. Una volta sconfitto, Mecha Ridley attiva il meccanismo di autodistruzione della nave madre, prima che il suo sistema si arresti. Samus vince ancora una volta in questa lotta contro il tempo, fuggendo dalla nave dei Pirati, ormai distrutta.

Protesi meccanicheModifica

Dopo i fatti della Missione Zero, Ridley viene ritrovato in fin di vita dai Pirati Spaziali. Sebbene Ridley possa rigenerare le proprie parti del corpo mangiando carne umana, i suoi subordinati necessitavano di qualche supporto immediatamente e, di conseguenza, vennero costruite delle protesi meccaniche provvisorie al fine di far tornare l'acerrimo nemico di Samus operativo al 100% per la missione sul pianeta Tallon IV. Samus viene inviata dalla Federazione Galattica sulla Fregata Orpheon, navicella dei Pirati. Samus trova e sconfigge un parassita regina, cavia per gli studi del Phazon dei Pirati Spaziali. Durante l'esplosione della Fregata, Samus vede 'Meta Ridley' volare via verso il pianeta Tallon IV. Samus si troverà a combattere nuovamente contro di esso prima di entrare nel cratere di Phazon. Dopo un'estenuante battaglia, Ridley viene colpito da numerosi raggi scagliati da alcune statue Chozo, cadendo privo di sensi nelle profondità del cratere, infettato dalla sostanza radioattiva.

La corruzioneModifica

Durante la missione sul pianeta Norion, la cacciatrice incontra nuovamente il suo vecchio nemico, rigenerato parzialmente dal precedente scontro. Dopo una lotta senza esclusione di colpi, Meta Ridley precipita, apparentemente morto. Tuttavia, Samus lo ritroverà, in seguito, nel Seme di Phazon sul Pianeta dei Pirati. A causa della sostanza radioattiva, Meta Ridley ha subito considerevoli mutazioni, diventando Omega Ridley. Ridley da filo da torcere a Samus, ma lei lo sconfigge ancora una volta, per poi procedere per la sua missione.

La resurrezioneModifica

Una volta distrutto il pianeta Phaaze, tutto il Phazon presente nel cosmo si è vaporizzato, compreso quello nel corpo di Ridley che, in qualche modo, deve averlo mantenuto in vita. Essendo molto più forte di prima tra le cure del Phazon e la sua armatura bionica, Ridley parte alla ricerca di Samus trovandola in un cratere di SR-388 assieme ad una larva Metroid. Ridley prende la larva e Samus, avendola adottata, la salva, quindi Ridley immobilizza Samus ed è sul punto di ucciderla, ma la larva attacca Ridley e assieme alla "madre" sconfigge il Pirata assorbendo tutte le forze generate dal Phazon.

Il ritornoModifica

Senza più Phazon a renderlo potente, Ridley si disfa anche delle sue protesi, in quanto ormai in piene forze. Poche ore dopo Ridley ricompone i suoi compagni Cervello Madre e Kraid dai loro resti su Zebes, dopodiché attacca violentemente la Colonia Spaziale Ceres, dove ruba la larva, vendicandosi del Phazon da lei estratto. Samus tenta di fermarlo ma esso riesce a fuggire e ad attivare la sequenza di autodistruzione della stazione spaziale. Rifugiatosi nelle profondità di Norfair, viene scovato e sconfitto una volta per tutte da Samus, purtroppo, Ridley ha compiuto la sua vendetta sul Metroid torturandolo e facendolo maturare prima del dovuto.

Il cloneModifica

Il Ridley che appare in Metroid: Other M, è un clone ottenuto accidentalmente da alcune tracce di DNA rinvenute sulla tuta di Samus dopo la distruzione di Zebes. Inizialmente si presentava come una creaturina graziosa e, poiché gli scienziati erano ignari della sua vera identità, lo addomesticarono e nominarono Pulcino. La creatura li uccise brutalmente ed evase dalla gabbia, continuando ad accumulare sostanze nutritive fino a mutare nella sua forma adolescente, in quella che viene definita Creatura Sconosciuta. Più in là Samus incontra, assieme al soldato Anthony Higgs, il clone di Ridley, nella sua forma adulta, nella Camera Oscura. La creatura, dopo aver apparentemente ucciso l'amico di Samus, la quale è terrorizzata dalla sua apparizione, comporta nella cacciatrice il desiderio di vendetta. Sotto ordini di Adam, Samus riattiva il Raggio Plasma e ingaggia con Ridley una battaglia all'ultimo sangue, emergendone vittoriosa. Il clone, prima privo di sensi, riprende coscienza e, dopo un tentativo fallito di attaccare Samus, si apre un varco con le fiamme su una parete, fuggendo così dalla battaglia. Ridley, rimanendo tuttavia gravemente ferito, diverrà in seguito preda facile della Metroid Sovrana, rimanendone ucciso. Durante l'ultima missione post-crediti, per ricongiungere il titolo a Metroid Fusion, i corpi di Ridley e Incubo sono assenti, prelevati molto probabilmente dalla Federazione Galattica e trasportati sul Laboratorio Biospaziale, per un eventuale studio futuro e occulto delle bioarmi.

Il parassitaModifica

Il cadavere del clone di Ridley si trova nella Sala Criogena del Laboratorio Biospaziale, probabilmente per rallentare la decomposizione e per ricerche future. Durante un malfunzionamento della corrente, generato da un problema nel Nucleo Reattore Centrale, Samus si ritrova costretta a trovare una via d'uscita alternativa; durante il tragitto, si ritrova nella Sala Criogenica e, davanti ai suoi occhi, vede un Nucleo X uscire da Ridley, comportandone in seguito la distruzione del cadavere. In seguito, Samus si imbatterà con questo Parassita X che simula il codice genetico di Ridley, Neo Ridley. Samus lo sconfigge e recupera l'abilità Attacco a Vite, sbarazzandosi definitivamente di ogni traccia del suo arcinemico.

Comparse in altri giochiModifica

Ridley è apparso in tutti i giochi della serie di Super Smash Bros. Nel primo episodio, Ridley fa una comparsa come elemento dello sfondo nello scenario di Metroid. In Super Smash Bros. Melee, oltre ad apparire nel filmato d'introduzione Ridley è anche uno dei tanti trofei collezionabili. In Super Smash Bros. Brawl, Ridley è uno dei boss dell'Emissario del Subspazio. Inizialmente, Ridley appare nel centro di ricerca e viene affrontato da Samus e Pikachu. Apparentemente sconfitto, Ridley appare in seguito sotto forma di Meta Ridley quando i personaggi scappano dal centro di ricerca a bordo della navetta di Captain Falcon. Appare inoltre nel videogioco Metroid Prime Pinball, in cui appare come Meta Ridley. In Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U appare come il nemico principale dello scenario "Pirosfera" dove, a differenza degli altri boss, aiuterà il giocatore se sarà la maggior parte delle volte attaccato e alla fine, prima di sparire, si trasformerà in Meta Ridley in base a tutta l'energia ricevuta durante una battaglia. Un'altra comparsa è quella del gioco Dead or Alive Dimensions dove nel ring dell'Impianto Geotermico svolazza sullo sfondo e ogni tanto sputa una palla di fuoco. Apparirà di nuovo nella serie di Super Smash Bros. nel quinto capitolo della serie, Super Smash Bros. Ultimate, come personaggio giocabile.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi