Apri il menu principale

Rinaldo degli Albizzi

politico italiano
(Reindirizzamento da Rinaldo degli Albizi)
Rinaldo degli Albizzi
politico
Stemma
Nascita Firenze, 1370
Morte Ancona, 1442
Padre Maso degli Albizzi
Consorte Alessandra Ricco
Figli Ormanno, Margherita,Felice, Tobia, Susanna, Dragotto, Nicoletta, Selvaggia, Silvestro,Francesco, Maso

Rinaldo degli Àlbizzi o Àlbizi (Firenze, 1370Ancona, 1442) è stato un politico italiano del Quattrocento, figlio di Maso degli Albizi.

«... "uomo, nonostante i suoi alti meriti, volubile e precipitoso"»

(Umberto Dorini, I Medici e i loro tempi)

BiografiaModifica

Dall'anno 1382 Firenze era dominata dalla cosiddetta Oligarchia, un gruppo di personaggi delle più eminenti famiglie: tra essi spiccavano Maso degli Albizzi e, in seguito, Palla Strozzi, quest'ultimo era l'uomo più ricco di Firenze secondo il catasto del 1427. Alla morte del padre Maso, Rinaldo ne ereditò il ruolo.

In quegli anni la Repubblica fiorentina si stava difendendo dalle mire espansionistiche del ducato di Milano, ma stava anche espandendosi territorialmente, infatti nel 1406 era stata conquistata Pisa e quindi l'agognato sbocco al mare. Cessata la guerra contro il duca di Milano (1428), subito ne scoppiò un'altra contro Paolo Guinigi, signore di Lucca: questa guerra finì con danno e vergogna per Firenze scatenando pesanti malumori all'interno della società fiorentina. In questa guerra Rinaldo, che aveva condotto una campagna vittoriosa per riprendere Volterra, venne accusato di prevaricazione e di saccheggio da parte dei nemici, venendo costretto a dimettersi dalla carica di commissario dell'esercito.

Nel frattempo i Medici (che con Giovanni di Bicci avevano mantenuto un ruolo maggiormente pacato nella lotta politica), con Cosimo de' Medici il vecchio ed i suoi seguaci, iniziavano una politica più aggressiva verso la classe dirigente degli Albizzi e i loro alleati. Finché fu in vita Niccolò da Uzzano, Rinaldo venne tenuto a freno, ma alla morte dell'Uzzano si arrivò allo scontro. Quando nell'anno 1433 fu eletto gonfaloniere di giustizia Bernardo Guadagni, uomo ritenuto fedelissimo agli Oligarchi, Rinaldo lo indusse a votare prima per una riduzione della partecipazione politica delle Arti minori, svantaggiando così il popolo minuto, soprattutto legato ai Medici, poi lo indusse a far catturare Cosimo.

Non ebbe però il coraggio di vibrare il colpo di grazia contro l'avversario quando era alla sua mercé. Narra il Cavalcanti[1] come Cosimo temesse fortemente per la propria vita e come riuscisse a corrompere il Guadagni con una somma di denaro. Così, invece della condanna a morte, fu condannato all'esilio (1433).

Ci fu una forte sottovalutazione del pericolo da parte degli Oligarchi. Rinaldo avrebbe dovuto intervenire sulle tratte (cioè sulle estrazioni a sorte dei priori) per indirizzarle su gente fedele, ma ancora non osò (come invece faranno, e pesantemente, i Medici); così l'anno successivo (1434) fu estratta una Signoria completamente filo-medicea che richiamò Cosimo. Troppo tardi Rinaldo si rese conto che il potere gli stava sfuggendo dalle mani. Tentò in un ultimo disperato tentativo di mantenere il potere con le armi in pugno, ma vanamente.

Rinaldo venne allora esiliato a sua volta nel 1434 ed i suoi beni familiari confiscati, con l'eccezione dei beni del fratello Luca, che appoggiò Cosimo e poté così restare a Firenze.

Rinaldo morì ad Ancona nel 1442, dove si trovava dal 1440.

Ha lasciato le Commissioni, una serie di relazioni sulle sue varie missioni politiche, importante esempio di prosa in stile diplomatico.

DiscendenzaModifica

Rinaldo sposò nel 1392 Alessandra Ricco ed ebbero numerosi figli:[2]

  • Ormanno (1398-1436), ambasciatore e militare
  • Margherita, sposò Gherardo Gambacorti
  • Felice, monaco
  • Tobia (1403-?), religioso
  • Giovanni (1412-1433)
  • Susanna, sposò Bartolomeo Nelli
  • Dragotto
  • Nicoletta, sposò Giovanni degli Agli
  • Selvaggia, sposò Francesco Mancini
  • Silvestro (1407-?), monaco
  • Francesco (1402-1463), monaco
  • Maso (1400-1467), podestà

Nei mediaModifica

Rinaldo degli Albizzi, interpretato da Lex Shaprnel,é un antagonista della prima stagione della serie televisiva I Medici,in cui viene ucciso dagli uomini al servizio di Andrea de' Pazzi insieme al figlio Ormanno poco dopo il suo esilio da Firenze.

NoteModifica

  1. ^ Giovanni Cavalcanti: Istorie fiorentine.
  2. ^ Pompeo Litta, Albizzi di Firenze, in Famiglie celebri italiane, Milano, 1835.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88971191 · ISNI (EN0000 0000 6193 107X · GND (DE104237333 · CERL cnp02157227 · WorldCat Identities (EN88971191