Apri il menu principale

Ogni anno dal 1945, la rivista Ring Magazine nomina l'incontro che si è concluso nel modo più contrario alle aspettative generali, sconvolgendo quindi ogni previsione.

Alcuni degli upset furono semplici ed isolate defaillance di grandi campioni (ad es. la vittoria di Andre Routis su Tony Canzoneri), oppure evidenziarono l'inizio del loro declino.

Altri invece segnalarono ufficialmente agli occhi del pubblico le doti di pugili fino a quel momento non ancora conosciuti secondo la loro effettiva grandezza (ad es. Gene Tunney, Sandy Saddler) e l'ascesa di carriere che avrebbero portato alla conquista di titoli mondiali.

In altri casi si trattò invece di clamorose sconfitte di campioni mondiali che lasciarono il posto ad outsider di cui non era considerata possibile la vittoria (ad es. Primo Carnera, James J. Braddock, Ingemar Johansson).

Upsets of the year per decennioModifica

1921-1930Modifica

1931-1940Modifica

1941-1950Modifica

1951-1960Modifica

1961-1970Modifica

1971-1980Modifica

1981-1990Modifica

1991-2000Modifica

2001-2010Modifica

2011-2014Modifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato