Rita Moreno

attrice, cantante e ballerina portoricana

Rita Moreno, pseudonimo di Rosa Dolores Alverio Marcano (Humacao, 11 dicembre 1931), è un'attrice, cantante e ballerina portoricana con cittadinanza statunitense.

È una dei 16 artisti ad aver conseguito il titolo "EGOT"[1] ossia la vittoria di almeno uno di tutti e 4 i premi più prestigiosi dello show-business (l'Emmy per la TV, il Grammy per la musica, l'Oscar per il cinema e il Tony per il teatro)

BiografiaModifica

All'età di cinque anni si trasferisce con la madre a New York. A undici, presta la sua voce per la versione in lingua spagnola dei film statunitensi. Fa la sua prima apparizione a Broadway all'età di tredici anni e cattura l'attenzione di alcuni talent-scout di Hollywood. Nei dieci anni successivi la Moreno recita in diversi ruoli. L'occasione della sua carriera giunge nel 1961, quando le viene affidato il ruolo di Anita in West Side Story di Robert Wise, con Natalie Wood e Richard Beymer, adattamento cinematografico dell'omonimo celebre musical di Leonard Bernstein e Stephen Sondheim. In questa occasione l'attrice dimostra grande temperamento e intensità interpretativa, tanto da guadagnarsi un premio Oscar alla miglior attrice non protagonista. È la terza di 15 artisti, e la prima ispanica, a conseguire un EGOT, cioè a vincere un Emmy, un Grammy, un Oscar e un Tony.

Attrice dotata di estro e versatilità, dopo avere esordito nel 1950 con Il pescatore della Louisiana di Norman Taurog nella prima parte della sua carriera la Moreno appare in vari film, tra cui si segnalano i musical Cantando sotto la pioggia (1952) di Stanley Donen e Il re ed io (1956) di Walter Lang. Successivamente prende parte a pellicole di genere diverso, quali Il re vagabondo (1956) di Michael Curtiz, Asfalto selvaggio (1960) di Richard Bare, Estate e fumo (1961) di Peter Glenville e Grido di battaglia (1963) di Irving Lerner. Apprezzata dalla critica e dal pubblico soprattutto per merito del musical di Wise del 1961, tra la fine degli anni sessanta e la prima metà dei settanta la Moreno, selezionando le sue apparizioni al cinema, recita in film di rilievo, come Papà... abbaia piano! (1969) di Arthur Hiller, L'investigatore Marlowe (1969) di Paul Bogart, Conoscenza carnale (1971) di Mike Nichols e Il vizietto americano (1976) di Richard Lester. Tra gli altri suoi film, anche se non più in ruoli da protagonista, si segnalano Le quattro stagioni (1981) di Alan Alda e L'altra faccia di Beverly Hills (1998) di Tamara Jenkins.

Negli anni settanta e ottanta appare nella serie televisiva per bambini The Electric Company e nel varietà per famiglie Muppet Show, oltre che in serie come Love Boat, I Robinson, Cuori senza età e Miami Vice. Nel 1985 vince un Sarah Siddons Award per il lavoro svolto al Chicago Theatre. Negli anni novanta presta la sua voce a Carmen Sandiego nella popolare serie animata Dov'è finita Carmen Sandiego?. Nel 1997 recita in Oz, popolare serie televisiva della HBO, in cui interpreta una suora cattolica e psichiatra, chiamata Sorella Peter Marie.

Nel 2017 entra a far parte del cast di One Day at a Time nei panni di Lydia Alvarez. La serie, reboot dell'omonima serie televisiva del 1975, è stata rinnovata per la quarta stagione da Pop TV. La longeva e brillante carriera della Moreno viene considerata da molti critici come uno dei più grandi contributi alla comunità ispanica nel mondo di Hollywood, ovvero un abbattimento delle barriere razziali che quest'ultima aveva spesso manifestato nei confronti degli attori ispanici.[2] Rita Moreno ha una stella sulla celebre Hollywood Walk of Fame, al 7083 di Hollywood Boulevard.

Vita privataModifica

Ha avuto una relazione di otto anni con Marlon Brando, suo partner in La notte del giorno dopo (1969) di Hubert Cornfield, e un breve flirt con Elvis Presley[3][4][5]. Il 18 giugno 1965 ha sposato Lenny Gordon, dal quale ha avuto una figlia, Fernanda[6].

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Teatrografia parzialeModifica

RiconoscimentiModifica

 
La Medaglia presidenziale della libertà

OnorificenzeModifica

  Medaglia Presidenziale della Libertà
— 23 giugno 2004
  Kennedy Center Honors
— 6 dicembre 2015

Doppiatrici italianeModifica

Da doppiatrice è stata sostituita da:

NoteModifica

  1. ^ Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 802
  2. ^ (EN) Sarah Kaufman, Rita Moreno on strength, stamina and the power of a killer body, in Washington Post, 10 luglio 2014. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  3. ^ (EN) After Trying Hollywood, Brando and Suicide, Rita Moreno Has Settled Down, in PEOPLE.com. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  4. ^ (EN) Hilary Weaver, Rita Moreno Used Elvis to Make Marlon Brando Jealous, in Vanities. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  5. ^ I only dated Elvis to make Brando jealous: West Side Story star Rita Moreno reveals how the King was a flop in the bedroom, in Mail Online. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  6. ^ Leonard Isadore Gordon's Obituary on Los Angeles Times, su Los Angeles Times. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  7. ^ (EN) Rita Moreno | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  8. ^ (EN) Ovrtur, Rita Moreno, in Ovrtur. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  9. ^ (EN) Last of the Red Hot Lovers Broadway @ Eugene O'Neill Theatre - Tickets and Discounts | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  10. ^ (EN) The Ritz Broadway @ Longacre Theatre - Tickets and Discounts | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  11. ^ (EN) The Odd Couple Broadway @ Broadhurst Theatre - Tickets and Discounts | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  12. ^ (EN) Report: Rita Moreno To Do London Sunset | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  13. ^ (EN) Cast Announced for Rita Moreno The Glass Menagerie at Berkeley Rep | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  14. ^ (EN) Rita Moreno Teaches McNally's Master Class in Moisés Kaufman Staging at Berkeley Rep, May 21 | Playbill, su Playbill. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  15. ^ (EN) http://www.medaloffreedom.com/RitaMoreno.htm

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN76500985 · ISNI (EN0000 0000 8156 9530 · Europeana agent/base/148933 · LCCN (ENn79069645 · GND (DE134824032 · BNF (FRcb138977055 (data) · BNE (ESXX1169157 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79069645