Apri il menu principale
Robert Carter I
Robert Carter I.JPG

Governatore coloniale della Virginia
Durata mandato 1726 –
1727
Predecessore Hugh Drysdale
Successore William Gooch

Robert "King" Carter I (Corotoman, 16634 agosto 1732) è stato un imprenditore statunitense.

Ricevette il soprannome "King" per il suo fiuto negli affari e per il suo potere politico.

Indice

BiografiaModifica

Robert Carter è nato nella piantagione di Corotoman, nella contea di Lancaster, in Virginia, da John Carter (1613-1669) di Londra, e da Sarah Ludlow (1635-1668) di Maiden Bradley, Wiltshire.

CarrieraModifica

All'età di 28 anni, Carter è entrato nell'Assemblea Generale della Virginia come Burgess della contea di Lancaster, che servì per cinque anni consecutivi. Nel 1726, in qualità di presidente del Consiglio dei governatori, è stato governatore della Virginia dopo la morte del governatore Hugh Drysdale[1].

Come rappresentante di Thomas Fairfax, ha servito per due mandati come agente per la Fairfax Proprietary. Durante il suo primo mandato (1702-1711), cominciò ad acquisire grandi pezzi di terra per lui nella regione del fiume Rappahannock. Carter acquistò circa 20.000 ettari (81 km²), gran parte della quale comprendeva la piantagione di Nomini Hall di circa 6.000 acri (24 km²), scritta anche "Nomoni" o "Nominy", acquistata nel 1709 dagli eredi di Nicholas Spencer, cugino di Lord Culpeper.

Quando divenne nuovamente rappresentante degli interessi di Fairfax (1722-1732), si è assicurato per i suoi figli e nipoti circa 110.000 acri (450 km²) nel Northern Neck, così come ulteriori terreni in Virginia ad ovest delle Blue Ridge Mountains.

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

Nel 1688 sposò Judith Armistead (?-1699) di Hesse nella contea di Gloucester[2]. Ebbero cinque figli[3]:

Secondo MatrimonioModifica

Nel 1701 sposò Elizabeth Landon. Ebbero dieci figli:

  • Anne Carter (1702-1743) sposò Benjamin Harrison IV[2];
  • Robert Carter II (1704-1734) sposò Priscilla Churchill[2];
  • Sarah Carter (1705-1705)[2];
  • Betty Carter (1705-1706)[2];
  • Charles Carter (1707-1764) sposò Anne Byrd[2][5];
  • Ludlow Carter (nato e morto nel 1709)[2];
  • Landon Carter (1710-1778) sposò Maria Byrd[2];
  • Mary Carter (1712-1736) sposò George Braxton[2];
  • Lucy Carter (1715-1763) sposò Henry Fitzhugh[2];
  • George Carter (1718-1742)[2].

MorteModifica

Carter morì il 4 agosto 1732, nella contea di Lancaster, in Virginia, e fu sepolto a Christ Church. Ha lasciato alla sua famiglia 300.000 ettari (1.200 km²) di terra, 1.000 schiavi e 10.000 sterline inglesi in contanti[6].

NoteModifica

  1. ^ Brock, Robert Alonzo (1888). Virginia and Virginians, Vol. I, p. 40. Richmond and Toledo: H.H. Hardesty.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Foundation for Historic Christ Church, History: Robert "King" Carter of Corotoman (1663-1732), su Historic Christ Church, Lancaster County, Virginia, Historic Christ Church. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  3. ^ a b c d e f Virginia Armistead Garber, John Armistead: The Second Son of William the Immigrant, in The Armistead family: 1635-1910, Richmond, Virginia, Whittet & Shepperson Printers, 1910, pp. 30–33.
  4. ^ Emory G. Evans, John Carter (1695 or 1696–1742), Encyclopedia Virginia. URL consultato il 13 luglio 2015.
  5. ^ Bruce A. Ragsdale, Charles Carter (ca. 1707–1764), Encyclopedia Virginia. URL consultato il 13 luglio 2015.
  6. ^ Copia archiviata, su members.tripod.com. URL consultato l'11 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2008).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67799761 · ISNI (EN0000 0001 1028 7533 · LCCN (ENn82003612 · GND (DE1089848773 · WorldCat Identities (ENn82-003612
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie