Robert Crumb

fumettista e musicista statunitense

Robert Dennis Crumb (Filadelfia, 30 agosto 1943) è un fumettista statunitense. Il suo stile, rimasto immutato nel tempo, è caratterizzato da un disegno grottesco, spesso con particolari fisici volutamente sproporzionati, il tutto rifinito con un ampio uso del tratteggio che dà quasi un senso di tridimensionalità alle sue opere. Inoltre molti dei suoi personaggi sono animali antropomorfi, su tutti il celebre Fritz il gatto.

Robert Crumb nel 2014 al Lucca Comics & Games

Biografia

modifica

Nel 1962 si trasferisce a Cleveland, e due anni dopo inizia ad avvicinarsi creativamente al vasto movimento del fumetto underground. Nello stesso periodo sperimenta alcune sostanze stupefacenti, tra cui l'LSD che gli lascerà ricordi contrastanti, e inizia a collaborare con la rivista di cultura radical newyorkese East Village Other. Si trasferisce nel 1966 a San Francisco, punto focale per tutta la cultura underground occidentale, dove collabora con i maggiori cartoonist indipendenti tra cui Rick Griffin, Spain Rodriguez, S. Clay Wilson e Victor Moscoso; con alcuni di loro nel 1967 crea Zap Comix, una rivista a fumetti tascabile dove pubblicherà con regolarità le tavole dei suoi maggiori personaggi, tra cui Fritz il gatto e Mr. Natural.

Collabora in parallelo a molte riviste underground, non solo statunitensi (Oz, Gothic Blimp Works, Motor City, Yellow Dog, Actuel), e il suo materiale a fumetti inizia a essere pubblicato e tradotto in buona parte dei paesi occidentali. Nel 1969, per una storia pubblicata sul numero 4 di Zap, viene arrestato a New York City con l'imputazione di oscenità. L'anno dopo vende i diritti per un film a cartoni animati dedicato a Fritz the Cat (che verrà animato da Ralph Bakshi) e che otterrà un successo internazionale ondivago. In questi anni è inoltre sua la copertina di Cheap Thrills, uno dei più noti album di Janis Joplin. A metà degli anni 1970, superata la febbre underground degli esordi, crea con alcuni amici di vecchia data una band di jazz tradizionale, chiamata R. Crumb & His Cheap Suit Serenaders, attività che va a sommarsi al tradizionale lavoro grafico. In Italia nel 1976 una sua storia di cinque pagine viene pubblicata sulla rivista Ca Balà[1], rivista affiliata all' Alternative Press Syndicate[2], l'associazione che contava lo stesso Robert Crumb tra i suoi principali e storici affiliati[3]. Due libretti di Crumb sono pubblicati da Stampa Alternativa nelle collana Millelire[4][5].

Nei tardi anni ottanta la sua fama, ormai consolidata a livello internazionale, si arricchisce di riconoscimenti ufficiali importanti che culminano nel 1990, quando alcune tavole dell'artista entrano al Museum of Modern Art di New York. In quel periodo, diventato ormai un modello per tanti cartoonist non solo statunitensi, si trasferisce con la famiglia nella Francia meridionale, dove continua a operare anche come musicista part-time suonando il banjo e il mandolino in un gruppo denominato Les Primitifs du futur. Nel 1993 pubblica due fumetti satirici di tematica razzista e antisemita, When the Niggers Take Over America! e When the Goddam Jews Take Over America![6][7][8]. L'anno seguente, il regista Terry Zwigoff realizza un film documentario, Crumb, sulla sua vita e sulla sua famiglia. Nel 1999 gli viene attribuito il Grand Prix della città francese di Angoulême, per l'insieme della sua vasta opera creativa.[9]

Riconoscimenti

modifica


Elenco parziale di opere in traduzione italiana

modifica
  • Draws the blues. 1992 "I grandi libri di comix" 1993 Franco Cosimo Panini Editore
  • Kafka, Dick, Bukowski visti da me. Collezione Crumb. Vol. 1, COMICON Edizioni, 2014
  • Fritz il gatto e altri animali. Collezione Crumb. Vol. 2, COMICON Edizioni, 2015
  • La musica di Crumb. Collezione Crumb. Vol. 3, COMICON Edizioni, 2015
  • Mr. Natural e altri perdenti. Collezione Crumb. Vol. 4, COMICON Edizioni, 2017
  • Le donne di Crumb. Collezione Crumb. Vol. 5, COMICON Edizioni, 2018
  • Mr. Underground. Collezione Crumb. Vol. 6, COMICON Edizioni, 2022
  1. ^ Robert Crumb, Projunior, sta in Ca Balà n. 42 - n. 2 Nuova Serie, Giugno 1976
  2. ^ Alternative media Vol. 10, n. 1, Published by the Alternative Press Syndicate, Spring 1978, Editor Patricia Powers
  3. ^ Alternative media Vol. 11, n. 1, Published by the Alternative Press Syndicate, 1979
  4. ^ Snatch Comics, Millelire, Stampa Alternativa, Roma, 1993, ISBN 8872261112
  5. ^ Snatch Comics, Millelire, Stampa Alternativa, Roma, 1994, ISBN 8872261880
  6. ^ (EN) Cult American cartoonist Robert Crumb on show at Paris' Modern Art Museum, su RFI, 13 aprile 2012. URL consultato il 2 luglio 2024.
  7. ^ (EN) Brian Doherty, Cancel Culture Comes for Counterculture Comics, su Reason.com, 29 aprile 2019. URL consultato il 2 luglio 2024.
  8. ^ (EN) Hilton Als, When Comics Aren' t Funny, in The New Yorker, 6 novembre 1994. URL consultato il 2 luglio 2024.
  9. ^ Le palmarès 1999, su toutenbd.com. URL consultato il 6 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2015).

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN36916818 · ISNI (EN0000 0001 1838 7213 · SBN CFIV126389 · Europeana agent/base/60931 · ULAN (EN500117024 · LCCN (ENn50017168 · GND (DE11946473X · BNE (ESXX860616 (data) · BNF (FRcb11898249c (data) · J9U (ENHE987007260109305171 · NSK (HR000268198 · NDL (ENJA00436964