Robert Evans

produttore cinematografico statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Robert Evans (disambigua).
Robert Evans

Robert Evans, pseudonimo di Robert J. Shapera (New York, 29 giugno 1930Beverly Hills, 26 ottobre 2019[1]), è stato un produttore cinematografico, attore e produttore televisivo statunitense.

BiografiaModifica

Dopo una breve carriera come attore, nella seconda metà degli anni sessanta venne messo a capo della Paramount Pictures da Charles Bluhdorn[2], grazie all'influenza di Greg Bautzer, noto avvocato dello spettacolo[3].

Nel 1975 ricevette una candidatura al premio Oscar per il film Chinatown[4]. Nel 1977 vinse il David di Donatello per il miglior film straniero per Il maratoneta[5]. Nel 2002 il suo nome venne inserito nella Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.[6][7]

Evans è morto il 26 ottobre 2019, all'età di 89 anni.[8][6]

FilmografiaModifica

AttoreModifica

ProduttoreModifica

PubblicazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Cinema: è morto Robert Evans, produttore de Il padrino, su Agenzia ANSA, 28 ottobre 2019. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Robert Sam Anson, Hurricane Charlie, in Vanity Fair. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) How Robert Evans Really Got His Paramount Job, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  4. ^ (EN) The 47th Academy Awards | 1975, in Oscars.org | Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) David Benedict, Guardian/NFT interview: Robert Evans – part one, su the Guardian, 14 novembre 2002. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  6. ^ a b È morto Robert Evans, leggendario produttore de 'Il Padrino' e 'Chinatown', su Repubblica.it, 28 ottobre 2019. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) John Hiscock, 'I broke every rule', 20 settembre 2002. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Robert Evans, Iconic Hollywood Producer and Studio Head, Is Dead at 89, su Vanity Fair, 28 ottobre 2019. URL consultato il 28 ottobre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85684791 · ISNI (EN0000 0000 8161 1516 · LCCN (ENn94019187 · GND (DE11923971X · BNF (FRcb125017652 (data) · NLA (EN35479979 · NDL (ENJA00666809 · WorldCat Identities (ENn94-019187