Roberto Cesati

dirigente sportivo ed ex calciatore italiano
Roberto Cesati
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1992
Carriera
Squadre di club1
1974-1975 Inter 4 (1)
1975 Varese 0 (0)
1975-1976 Inter 8 (2)
1976-1977 Pescara 11 (1)
1977-1978 Piacenza 32 (10)
1978-1979 Taranto 14 (0)
1979-1980 Pistoiese 27 (4)
1980-1982 Parma 42 (10)
1982-1983 Barletta 21 (1)
1983-1985 Giulianova 56 (18)
1985-1988 Centese 75 (16)
1988-1989 Castellarano 24 (17)
1989-1990 Virtus Castelfranco 22 (7)
1990-1991 Bianco e Azzurro.svg Pavullese Olimpia ? (?)
1991-1992 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Fiorano ? (?)
Carriera da allenatore
1996-1997Sassuolo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 giugno 2019

Roberto Cesati (Milano, 5 febbraio 1957) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, direttore generale del Modena.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nel vivaio dell'Inter, si affaccia alla prima squadra nella stagione 1974-1975. Esordisce (realizzando il gol decisivo) il 2 febbraio 1975 nella vittoria interna sul Varese, e nella prima stagione totalizza 4 presenze con un gol. Nella stagione successiva viene inizialmente ceduto in prestito proprio al Varese[1], con cui gioca le partite di Coppa Italia[2]; mai impiegato in campionato[3], in ottobre rientra all'Inter[3], dove totalizza altre 8 presenze, con due reti messe a segno.

Nel 1976 l'Inter lo cede in prestito al Pescara[4], con cui esordisce in Serie B disputando un campionato come riserva, con 11 presenze e un'unica rete. L'anno successivo l'Inter cede in comproprietà al Piacenza, in Serie C, con cui gioca da titolare realizzando 10 reti[5]. A fine stagione, riscattato dai nerazzurri, viene girato in prestito al Taranto[4], in Serie B, ma anche nella seconda stagione cadetta non trova spazio in campo totalizzando 14 presenze senza reti[6].

Nel 1979 l'Inter lo cede definitivamente alla Pistoiese[4], di nuovo in Serie B; in Toscana disputa 27 partite, contribuendo con 4 reti alla prima promozione in Serie A degli arancioni. Non riconfermato, si trasferisce al Parma, in Serie C1, dove disputa due stagioni: nella prima realizza 7 reti[7], mentre nella seconda mette a segno solamente tre gol[8], bloccato a lungo da un serio infortunio muscolare[9].

Nell'ottobre 1982 passa al Barletta[10], dove rimane per una stagione realizzando un unico gol, e in seguito milita nel Giulianova e nella Centese, dove ritrova la vena realizzativa mettendo a segno 13 reti nel vittorioso campionato di Serie C2 1985-1986[11]. Conclude la carriera nei dilettanti, militando in diverse formazioni del modenese (Castellarano, Virtus Castelfranco, Pavullese e Fiorano)[12].

AllenatoreModifica

Intraprende brevemente la carriera da allenatore nelle file del Sassuolo nel Campionato Nazionale Dilettanti nella stagione 1996-1997 subentrando a Gianni Vaccari.[13]

Dirigente sportivoModifica

Dopo essere uscito dal mondo del calcio, diventa dipendente nel settore commerciale della Kerakoll. Nel 2019 torna nel mondo del calcio venendo nominato direttore generale del Modena.[13]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Centese: 1985-1986

NoteModifica

  1. ^ La nuova «A», L'Unità, 13 luglio 1975, pag.13
  2. ^ Avellino al galoppo travolge il Varese, L'Unità, 22 settembre 1975, pag.7
  3. ^ a b Almanacco Illustrato del calcio 1979, pag.33
  4. ^ a b c Acquisti e cessioni 1970-1980 Archiviato il 25 settembre 2011 in Internet Archive. storiainter.it
  5. ^ Rosa 1977-1978 storiapiacenza1919.it
  6. ^ Taranto 1978-1979 xoomer.virgilio.it
  7. ^ Stagione 1980-1981 parmafans.it
  8. ^ Stagione 1981-1982 parmafans.it
  9. ^ Sabato Sport - settimanale di critica sportiva, n.33, 22 maggio 1982, pag.3
  10. ^ Turone, Guidolin, Gibellini e Russo: Bologna più forte, ma..., L'Unità, 30 ottobre 1982, pag.19
  11. ^ La storia della Centese Calcio digilander.libero.it
  12. ^ P.Reggianini, L.Serafini, Annuario del calcio modenese 1991, Edizioni ADK S.r.l., pag. 54-55
  13. ^ a b Modena calcio, Roberto Cesati è il nuovo direttore generale, su Gazzetta di Modena, 16 giugno 2019.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica