Roberto II del Palatinato

elettore palatino del Reno
Roberto II del Palatinato
Ruprecht und Gattin 2.jpg
Roberto e Beatrice d'Aragona
Elettore del Palatinato
Stemma
In carica 1390 -
1398
Predecessore Roberto I
Successore Roberto III
Conte palatino di Zweibrücken
In carica 1394 -
1398
Predecessore Eberardo V
Successore Roberto III
Nascita Amberg, 12 maggio 1325
Morte Amberg, 6 gennaio 1398
Luogo di sepoltura Monastero cistercense di Heidelberg
Casa reale Wittelsbach
Padre Adolfo del Palatinato
Madre Irmengarda di Oettingen
Consorte Beatrice d'Aragona
Religione Cattolica

Roberto II del Palatinato (Amberg, 12 maggio 1325Amberg, 6 gennaio 1398) fu elettore palatino del Reno della casata dei Wittelsbach dal 1390 al 1398.

BiografiaModifica

Figlio primogenito di Adolfo del Palatinato e della contessa Irmengarda di Oettingen in Bayern. Il 13 febbraio 1338 il Palatinato venne diviso tra Roberto II e suo zio Rodolfo II di Baviera. Alla morte di un suo altro zio, l'elettore Roberto I (che era succeduto a Rodolfo II), il 16 febbraio 1390 venne proclamato elettore palatino con il consenso dell'imperatore Venceslao.

Nel 1391 bandì gli ebrei e le prostitute dal Palatinato, confiscando le loro proprietà ed affidandole all'Università di Heidelberg. Nel 1395 promulgò la cosiddetta Rupertinische Konstitution, una costituzione che si prometteva la riunificazione del Palatinato. Tra gli altri propositi, egli incorporò formalmente nei propri domini la città imperiale di Neckargemünd.

Venne sepolto nel monastero cistercense di Heidelberg.

Matrimonio ed erediModifica

Roberto II sposò nel 1345 Beatrice d'Aragona, figlia del re Pietro II di Sicilia, dalla quale ebbe i seguenti figli:

  • Anna (1346-1408), sposò Guglielmo I di Berg;
  • Federico (1347–1395);
  • Giovanni (1349–1395);
  • Matilde (1350–1378), sposò Sigost di Leuchtenberg;
  • Elisabetta (1351–1401);
  • Roberto (1352–1410), sposò Elisabetta di Norimberga
  • Adolfo (1355–1358).

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45098321 · GND (DE118791613 · CERL cnp00589041 · WorldCat Identities (ENviaf-45098321