Apri il menu principale

Roberto Perrone

giornalista e scrittore italiano

Roberto Perrone (Rapallo, 14 marzo 1957) è un giornalista e scrittore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Perrone inizia ad occuparsi di giornalismo collaborando con la redazione genovese del quotidiano l'Avvenire (dove si occupa di cronaca sindacale)[1]
Nel 1981 viene assunto al Giornale e si trasferisce a Milano.[2]
Dal 1989 lavora alla redazione sportiva del Corriere della Sera dove si occupa di calcio, tennis, nuoto.

Per il Corriere ha seguito tutti i più importanti avvenimenti sportivi: le Olimpiadi, i Mondiali di calcio, i maggiori tornei di tennis.

Perrone è un grande tifoso del Genoa.

PubblicazioniModifica

Roberto Perrone è autore di romanzi, racconti, opere per ragazzi e libri di ricette per tifosi di calcio.

  • "Zamora"[3] è il suo primo romanzo (2003). Ambientato nel 1963, narra le vicende comico-grottesche del ragionier Walter Vismara, calciatore per forza.[4][5][6]
  • "La lunga" è la sua seconda opera letteraria, pubblicata nel 2007. Ambientata anch'essa negli anni '60, narra le vicende di Giacinto Mortola, giornalista senza grandi ambizioni vicino alla pensione, ma che sa amare la vita per le cose piccole e grandi: il rapporto sereno con la bella moglie Rita, l'amicizia con l'ex-calciatore Simone Perasso. "La lunga" nel gergo giornalistico è la nottata trascorsa dal redattore di turno a raccogliere le ultime notizie.[7]
  • "Numero 1" è la biografia di Gianluigi Buffon, scritta in collaborazione con il celebre portiere. Con l'aiuto di Perrone "Gigi" Buffon ripercorre le tappe della sua vita dall'infanzia, all'esordio in serie A, alle vicende di Calciopoli, ai successi mondiali.

PremiModifica

Nel 2011 ha vinto il Premiolino-Premio Birra Moretti con la seguente motivazione: "La rubrica Scorribande, appuntamento fisso sulle pagine del sabato del Corriere della Sera, è ormai una perla del giornalismo eno-gastronomico. Accompagnando i lettori alla scoperta di angoli gourmand rappresentativi dell'Italia a tavola. Esperienze e sapori scaturiscono dalle righe dei suoi pezzi, apportando contributi puntuali e sinceri alla diffusione della cultura alimentare nel nostro Paese."[8] Nel 2014 ha vinto ,a Pontremoli, il "Premio Bancarella della Cucina" con il romanzo "La cucina degli amori impossibili".

NoteModifica

  1. ^ Recensioni, su robertoperrone.it. URL consultato il 7 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2009).
  2. ^ Roberto Perrone Official Website Archiviato il 16 settembre 2008 in Internet Archive.
  3. ^ Il riferimento è a Ricardo Zamora, il leggendario portiere spagnolo degli anni trenta.
  4. ^ Recensione di Beppe Severgnini sul Corriere della Sera
  5. ^ Recensione di Zamora su Tuttolibri[collegamento interrotto]
  6. ^ Recensione di Zamora su La Repubblica
  7. ^ "La lunga": recensione su La Stampa[collegamento interrotto]
  8. ^ Roberto Perrone[collegamento interrotto]

BibliografiaModifica

  • Roberto Perrone, Zamora, collana: Gli elefanti, Milano, Garzanti, 2003, pp. 136, ISBN 88-11-66533-7.
  • Roberto Perrone, Banana Football Club, collana: Narrativa Fabbri, 3 ed., Milano, Fabbri, 2006, pp. 181, ISBN 88-451-1168-7. (libro per ragazzi)
  • Roberto Perrone, Banana football club: la squadra scomparsa, collana: Narrativa Fabbri, Milano, Fabbri, 2006, pp. 171, ISBN 88-451-1938-6. (libro per ragazzi)
  • Roberto Perrone, Banana football club: Diguinho siamo noi, collana: Narrativa Fabbri, Milano, Fabbri, 2007, pp. 182, ISBN 978-88-451-4434-9. (libro per ragazzi)
  • Roberto Perrone, La lunga, collana: Narratori moderni, Milano, Garzanti, 2007, pp. 167, ISBN 978-88-11-68604-0.
  • Gianluigi Buffon, Roberto Perrone, Numero 1, Milano, Rizzoli, 2008, pp. 174, ISBN 978-88-17-02438-9.
  • Roberto Perrone, Averti trovato ora, collana: Omnibus, Milano, Mondadori, 2008, pp. 212, ISBN 978-88-04-57352-4.
  • Roberto Perrone, La ballata dell'amore salato, collana: Narrativa italiana, Mondadori, 2009, pp. 200, ISBN 978-88-04-58753-8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90196140 · ISNI (EN0000 0000 7843 5697 · SBN IT\ICCU\CFIV\232988 · LCCN (ENnr2005022112 · BNF (FRcb14563247r (data) · WorldCat Identities (ENnr2005-022112