Rocco Pennacchio

arcivescovo cattolico italiano
Rocco Pennacchio
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Rocco Pennacchio.svg
Ti basta la mia grazia
 
TitoloFermo
Incarichi attuali
 
Nato16 giugno 1963 (56 anni) a Matera
Ordinato presbitero4 luglio 1998 dall'arcivescovo Antonio Ciliberti
Nominato arcivescovo14 settembre 2017 da papa Francesco
Consacrato arcivescovo25 novembre 2017 dall'arcivescovo Antonio Giuseppe Caiazzo
 

Rocco Pennacchio (Matera, 16 giugno 1963) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 14 settembre 2017 arcivescovo metropolita di Fermo.

BiografiaModifica

Nasce a Matera, città capoluogo di provincia e sede arcivescovile, il 16 giugno 1963.

Formazione e ministero presbiteraleModifica

Dopo aver conseguito il diploma di perito commerciale, inizia l'attività lavorativa e per un decennio presta servizio in una filiale di un istituto bancario. Sempre a Matera consegue la licenza di teoria e solfeggio presso il Conservatorio Duni[1].

Presidente diocesano dell'Azione Cattolica, in seguito svolge un ruolo di rilievo presso la Regione ecclesiastica Basilicata; collaborando anche con i vertici nazionali dell'Organizzazione.

A trent'anni, nel 1993, entra nel Seminario Interdiocesano Maggiore di Potenza, dove consegue il baccellierato in teologia[1].

Il 4 luglio 1998 è ordinato presbitero dall'arcivescovo Antonio Ciliberti per l'arcidiocesi di Matera-Irsina.

Nel 2006 consegue la licenza in antropologia teologica presso l'Istituto Teologico Pugliese di Molfetta[1].

Ricopre l'incarico di economo diocesano dell'arcidiocesi di Matera-Irsina dal 2004 al 2013. Dal settembre 2011 al dicembre 2016 è economo generale della Conferenza Episcopale Italiana[1]. Dall'ottobre 2016 fino alla nomina ad arcivescovo ricopre l'incarico di parroco presso la parrocchia di San Pio X a Matera.

Ministero episcopaleModifica

Il 14 settembre 2017 papa Francesco lo nomina arcivescovo metropolita di Fermo; succede a Luigi Conti, dimessosi per raggiunti limiti di età[1].

Riceve l'ordinazione episcopale il 25 novembre a Matera dall'arcivescovo Antonio Giuseppe Caiazzo, coconsacranti gli arcivescovi Salvatore Ligorio e Luigi Conti. Prende possesso canonico dell'arcidiocesi il successivo 2 dicembre[2].

Nel gennaio 2020 il Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana lo nomina presidente del Comitato per gli interventi caritativi a favore del Terzo Mondo.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica