Rodolfo Giovanni d'Asburgo-Lorena

cardinale e arcivescovo cattolico austriaco
Rodolfo Giovanni Giuseppe Ranieri d'Asburgo-Lorena
cardinale di Santa Romana Chiesa
Rudolf-habsburg-olmuetz.jpg
Ritratto ad olio del cardinale d'Asburgo, opera di Giovanni Battista Lampi
COA cardinal AT Habsburg-Lothringen Rudolf Johannes.png
 
Incarichi ricoperti
 
Nato8 gennaio 1788 a Firenze
Ordinato diacono24 agosto 1819
Ordinato presbitero29 agosto 1819
Nominato arcivescovo9 settembre 1805 da papa Pio VII
Consacrato arcivescovo26 settembre 1819 dall'arcivescovo Sigismund Anton von Hohenwart, S.I.
Creato cardinale4 giugno 1819 da papa Pio VII
Deceduto24 luglio 1831 (43 anni) a Baden
 

L'arciduca Rodolfo Giovanni Giuseppe Ranieri d'Asburgo-Lorena (Firenze, 8 gennaio 1788Baden, 24 luglio 1831) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico austriaco.

BiografiaModifica

I primi anni, la musica ed il mecenatismo di BeethovenModifica

Nacque a Firenze il 9 gennaio 1788, ultimogenito del granduca Pietro Leopoldo di Asburgo-Lorena (futuro imperatore Leopoldo II).

Nel 1803 o 1804, Rodolfo aveva iniziato a prendere lezioni di pianoforte da Ludwig van Beethoven. Tra i due nacque un rapporto di stima e profonda amicizia ed il cardinale divenne uno dei maggiori sostenitori e patroni del compositore. L'Arciduca era un provetto pianista e a dimostrare ciò basta osservare quante opere scritte per il Pianoforte Beethoven gli dedicò, ma fu anche un discreto compositore. Il Titano di Bonn appose la sua dedica per l'allievo-amico ad un numero molto elevato delle proprie composizioni, tra cui i Concerti per Pianoforte ed Orchestra Op.58 ed Op.73, la Sonata per Pianoforte Op.81a detta degli addii, il Trio per pianoforte Op.97 detto dell'Arciduca, ma soprattutto quello che può essere considerata a tutti gli effetti il capolavoro del compositore: la Missa Solemnis Op.123. Questa grandiosa opera negli intendimenti del suo autore doveva, almeno all'inizio, essere utilizzata in forma liturgica in occasione dell'intronizzazione, il 24 marzo 1819, dell'Arciduca Rodolfo nella Cattedra Arcivescovile di Olomouc. L'opera crebbe però a dismisura e divenne ben presto evidente che non avrebbe potuto essere utilizzata durante la Messa di intronizzazione, ma il compositore era ormai preso da un tale furore creativo che l'opera venne alla luce solo nel 1823, più di quattro anni dopo la cerimonia per la quale era stata concepita. Solo allora Beethoven la poté consegnare all'amico Cardinale. Il carteggio intercorso fra i due è oggi conservato presso la Società degli Amici della Musica (Gesellschaft der Musikfreunde) di Vienna.

La carriera ecclesiastica e l'elevazione al cardinalatoModifica

Avviato alla carriera ecclesiastica, il 19 marzo 1805 ricevette la cresima e contemporaneamente le insegne dello status clericale, unitamente agli ordini minori. Il 24 giugno 1805 venne eletto coadiutore dell'arcivescovo di Olomouc e divenne membro del capitolo di quella cattedrale, sebbene l'arcivescovo titolare, il cardinale Maria-Thaddeus von Trauttmansdorf Wiensberg, morì solo sei anni più tardi, periodo dopo il quale Rodolfo decise di tornare allo stato laicale. Tornò a ricoprire incarichi ecclesiastici nel 1819 quando i canonici della cattedrale di Olomouc lo nominarono arcivescovo. In quello stesso anno, papa Pio VII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 4 giugno, concedendogli il titolo di San Pietro in Montorio, che gli venne recapitato con la berretta cardinalizia dal nunzio apostolico a Vienna, il 28 settembre di quello stesso anno. Il 22 agosto 1819 intanto ricevette il suddiaconato ed il diaconato il 24 agosto. Fino alla nomina del cardinale Benedetto Colonna Barberini di Sciarra è stato il porporato italiano più giovane.

Venne ordinato sacerdote il 29 agosto 1819 e ricevette la consacrazione episcopale il 26 settembre di quello stesso anno a Vienna, per mano di Sigismund Anton von Hohenwart, arcivescovo di Vienna, assistito da Andreas Alois Ankwicz, arcivescovo di Leopoli, e da Alois Joseph Krakowsky von Kolowrat, vescovo di Hradec Králové. Fece il suo ingresso solenne in diocesi il 9 marzo 1820.

Gli ultimi anniModifica

Pur essendo un cardinale elettore, non partecipò ai conclavi che videro eletti Leone XII, Pio VIII e Gregorio XVI.

Morì il 24 luglio 1831 a Baden, all'età di 43 anni. Il suo cuore è custodito nella cattedrale di Olomouc, dedicata a San Venceslao, mentre il corpo è sepolto nella Cripta dei Cappuccini di Vienna, assieme agli altri membri della dinastia degli Asburgo e successivamente, dopo il matrimonio di Maria Teresa d'Asburgo con l'Imperatore Francesco Stefano di Lorena, della dinastia degli Asburgo-Lorena.

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

 
Monumento a Rudolfo in Bad Ischl

La successione apostolica è:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Leopoldo di Lorena Carlo V di Lorena  
 
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria  
Francesco I di Lorena  
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans Filippo I di Borbone-Orléans  
 
Elisabetta Carlotta del Palatinato  
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena  
Carlo VI d'Asburgo Leopoldo I d'Asburgo  
 
Eleonora del Palatinato-Neuburg  
Maria Teresa d'Austria  
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg  
 
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen  
Rodolfo Giovanni d'Asburgo-Lorena  
Filippo V di Spagna Luigi, il Gran Delfino  
 
Maria Anna di Baviera  
Carlo III di Spagna  
Elisabetta Farnese Odoardo II Farnese  
 
Dorotea Sofia di Neuburg  
Maria Ludovica di Borbone-Spagna  
Augusto III di Polonia Augusto II di Polonia  
 
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth  
Maria Amalia di Sassonia  
Maria Giuseppa d'Austria Giuseppe I d'Asburgo  
 
Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze austriacheModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Fiorata
  Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3828775 · ISNI (EN0000 0001 1944 2675 · LCCN (ENn82153094 · GND (DE118908138 · BNF (FRcb131900505 (data) · BNE (ESXX1573522 (data) · CERL cnp00401977 · WorldCat Identities (ENlccn-n82153094