Apri il menu principale

Rodolfo Halffter

compositore e direttore d'orchestra spagnolo

Rodolfo Halffter Escriche (Madrid, 20 ottobre 1900Città del Messico, 14 ottobre 1987) è stato un compositore e direttore d'orchestra spagnolo naturalizzato messicano, rispettivamente fratello e zio di Ernesto e Cristóbal Halffter, altri due importanti compositori[1].

BiografiaModifica

Di padre tedesco e madre catalana, fu proprio quest'ultima ad avvicinarlo alla musica insieme con suo fratello Ernesto di 5 anni più piccolo di lui.[1] I suoi studi sono stati per lo più autodidatti (anche se è da segnalare che, ancora una volta insieme al fratello, per un periodo ha studiato con Manuel de Falla).[1] Intorno agli anni trenta diventa una figura centrale nella vita intellettuale in fermento a Madrid, prendendo parte al Grupo de los Ocho (generazione del '27),[1] volto a combattere la musica accademia in favore ai nuovi traguardi raggiunti dalla "nuova musica" di compositori quali Claude Debussy, Arnold Schönberg, Maurice Ravel e Béla Bartók.[1] Proprio in questo periodo di grande attività, il compositore, che a differenza del fratello sosteneva il partito repubblicano, fu mandato in esilio nel 1939 in Messico a seguito della vittoria di Francisco Franco nella Guerra civile spagnola;[1] in Spagna tornerà più volte, ma non prima del 1963.[1] Insegna al Conservatorio Nacional de Música de México, lavorando con altri importanti compositori come Carlos Chávez;[1] a partire dal 1953 inizia anche ad abbracciare il serialismo (da molti è considerato il padre del serialismo messicano).[1]

Opere selezionateModifica

  • Canciones sobre Marinero en Tierra su testo di Rafael Alberti
  • Don Lindo de Almería (1936)
  • Dos sonatas de El Escorial (1930)
  • Tres Epitafios, (para las sepulturas de Don Quijote, Dulcinea y Sancho Panza), corale su testo di Miguel de Cervantes
  • Concierto para violín y orquesta (1940)

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i pianosociety.com. URL consultato il 7 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2010).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34643350 · ISNI (EN0000 0001 1566 7316 · LCCN (ENn83127028 · GND (DE129655163 · BNF (FRcb13894902z (data) · NDL (ENJA01066105 · WorldCat Identities (ENn83-127028