Apri il menu principale
Alta Baviera
Wittelsbach
1253-1347
Bayern Wappen.svg

Ludovico II
Figli
Luigi IV con Rodolfo I
Figli
Rodolfo I con Luigi IV
Figli
Modifica
illustrazione da Codex Balduineus che raffigura l'arcivescovo d'Aspelt, Balduino di Lussemburgo e l'imperatore Rodolfo I all'elezione di Enrico VII (1308)

Rodolfo I di Wittelsbach (Basilea, 4 ottobre 127412 agosto 1319) fu duca di Baviera, conte palatino del Reno dal 1294 e membro della famiglia Wittelsbach. Era figlio di Ludovico II del Palatinato, duca della Baviera superiore, e di Matilde d'Asburgo, figlia del re Rodolfo I d'Asburgo.

BiografiaModifica

Succeduto al padre nel 1294, supportò le azioni del proprio suocero, il re Adolfo di Nassau-Weilburg contro suo zio, Alberto I di Asburgo. Alla morte di Adolfo, Rodolfo abbracciò il partito di Alberto ma la decisa politica del nuovo re causò non pochi conflitti.

Alberto fece pressione su Rodolfo, e così egli dovette accettare il fratello Ludovico IV come coreggente nel 1301. Dopo l'uccisione di Alberto nel 1308, Rodolfo votò per Enrico di Lussemburgo e quindi lo accompagnò in Italia.

Una guerra civile contro il fratello Ludovico IV sfociò in nuove controversie sulla spartizione delle loro terre che terminò nel 1313, quando venne firmata una pace a Monaco. Ludovico IV venne eletto re di Germania nel 1314, ma Rodolfo votò per il suo oppositore, Federico I d'Asburgo. Nel 1317 dopo un'ulteriore conflitto con Ludovico IV, Rodolfo perse il proprio dominio sul Palatinato.

Con il trattato di Pavia (1329), tuttavia, Ludovico aveva garantito il Palatinato ai figli di Rodolfo, Rodolfo II e Roberto I ed al nipote di Rodolfo, Roberto II, figlio di Adolfo.

Matrimonio ed erediModifica

Rodolfo sposò Matilde di Nassau, figlia di Adolfo di Nassau-Weilburg, dalla quale ebbe i seguenti figli che raggiunsero l'età adulta:

  • Adolfo (1300-1327);
  • Rodolfo (1306-1353);
  • Roberto (1309-1390);
  • Matilde (1312-1375), sposò Giovanni III di Sponheim.
Controllo di autoritàVIAF (EN268830493 · ISNI (EN0000 0003 8337 6267 · LCCN (ENn86016953 · GND (DE118814230 · CERL cnp00539157