Rodolfo Sonego

sceneggiatore italiano (1921-2000)

Rodolfo Sonego (Belluno, 27 febbraio 1921Roma, 15 ottobre 2000) è stato uno sceneggiatore italiano.

Immagine giovanile di Rodolfo Sonego

Tra i migliori artefici della commedia all'italiana, ha legato il suo nome alla vasta filmografia di Alberto Sordi, a cominciare da Il seduttore del 1954.

Biografia modifica

Rodolfo Sonego nacque a Cavarzano, un quartiere di Belluno, il 27 febbraio del 1921. Trascorre la sua infanzia nel comune bellunese di Puos d'Alpago, dove la madre per prima gli propone suggestive letture quali gli scritti di Isaac Newton e L'origine delle specie di Charles Darwin che indirizzano Sonego verso il mondo scientifico. La famiglia, per esigenze legate al lavoro del padre di Rodolfo, si trasferisce dal Veneto a Torino, dove il giovane si iscrive all'Accademia delle Belle Arti. Si trasferisce a Rivoli dove rimarrà fino alla guerra alla scuola ufficiali.

Partigiano modifica

In seguito all'armistizio di Cassibile ritorna in Veneto, dove raggiunge i partigiani della sua terra, assumendo il nome di battaglia di Benvenuto Cellini e diventando capo della Brigata Fratelli Bandiera, composta da 252 partigiani provenienti quasi tutti dall'Alpago. Il suo commissario politico era il bellunese Eliseo Dal Pont "Bianchi". La sua Brigata faceva capo al Gruppo Brigate Vittorio Veneto, facente parte della Brigate Garibaldi (le formazioni partigiane legate al PCI).[1]

Disegnatore modifica

Alla fine della guerra Sonego riprende la sua attività di disegnatore e si trasferisce a Venezia. Nella città lagunare frequenta quindi Giuseppe Santomaso e Emilio Vedova. Nel capoluogo, nonostante il suo amore per la pittura, Sonego è apprezzato maggiormente per le sue capacità oratorie; il produttore Bianchini invita l'artista bellunese a trascrivere i suoi racconti e pochi giorni dopo è in viaggio per la capitale, invitato da Roberto Rossellini e Sergio Amidei.[2]

Sceneggiatore modifica

Nel 1946, nonostante la povertà causata dalla guerra, Roma vive un momento di grande fermento culturale. Sonego frequenta l'Osteria Fratelli Menghi, noto punto di ritrovo per pittori, registi, sceneggiatori, scrittori e poeti tra gli anni '40 e '70, e personaggi del calibro di Amidei, Federico Fellini, i pittori del gruppo di via Margutta "Forma Uno", Carla Accardi, Ugo Attardi, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Mario Mafai, Perilli, Turcato, Antonio Sanfilippo. A Sonego, conosciuto da tutti per le grandi capacità comunicative e per le sue esperienze partigiane, viene chiesta la consulenza per la realizzazione di alcuni film dedicati ai movimenti partigiani durante la guerra.

Realizza la sua prima sceneggiatura per il film di Alberto Lattuada La spiaggia, che segna la fine di un periodo di difficoltà economiche (i primi anni romani di Sonego verranno poi anche ripresi nel film Una vita difficile di Dino Risi, la sua sceneggiatura capolavoro). Sonego inizia a viaggiare molto tra Australia, America, Germania, Russia, la qual cosa lo porta a scrivere diverse sceneggiature.

Sposa Allegra Rossignotti, che sarà compagna di tutta la vita, scrive quindi la sceneggiatura e il soggetto di alcuni tra i più importanti film del dopoguerra, spesso interpretati da Alberto Sordi ed in collaborazione con l'amico e produttore cinematografico Fausto Saraceni, ma anche altri, tra i quali il capolavoro di Dino Risi, Il sorpasso, benché, ufficialmente, non risulti accreditato. Proprio dall'immagine di quest'ultimo film lo sceneggiatore bellunese sintetizza il suo modo di scrivere per il cinema:

«Se un giorno qualcuno si mettesse a risunteggiare e a riscalettare molti dei miei copioni si imbatterebbe nell’evidenza che ci sono un sacco di piccoli e grandi sorpassi nelle mie storie.[3]»

Filmografia modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

Libri modifica

Premio Rodolfo Sonego modifica

Il Premio Rodolfo Sonego è il concorso per sceneggiature di cortometraggi creato da Lago film fest (festival internazionale di cortometraggi, documentari e sceneggiature) e cresciuto con il supporto di Scuola Holden (storica scuola di scrittura fondata da Alessandro Baricco). Con l’obiettivo di ricordare e onorare il lavoro di uno dei padri della commedia all’italiana, il concorso mira a ricreare quella realtà da bottega tanto cara a Sonego, dando ai giovani autori delle sceneggiature migliori la possibilità di crescere, confrontarsi e sviluppare un percorso formativo di perfezionamento, traduzione e presentazione della propria storia.

Note modifica

  1. ^ Luciano Ballarin, Pier Paolo Brescacin, Atlante Biografico dei Resistenti Gruppo Brigate “Vittorio Veneto”, Volume I, ISREV, Vittorio Veneto, 2019, p. 25
  2. ^ Videointervista a Rodolfo Sonego a cura di Mirco Melanco (giugno 1990). URL consultato il 9 luglio 2023.
  3. ^ Rodolfo Sonego, Diario Australiano, Adelphi, 2007

Bibliografia modifica

  • Tatti Sanguineti, Il cervello di Alberto Sordi. Rodolfo Sonego e il suo cinema, Milano, Adelphi, 2015, ISBN 9788845929779.
  • Mirco Melanco, L'anticonformismo intelligente di Rodolfo Sonego, Fondazione Ente dello Spettacolo, Roma, 2010, ISBN 978-88-85095-59-5
  • Mirco Melanco, Lo sceneggiatore di cinema bellunese Rodolfo Sonego, in Luci sulla città. Belluno e il cinema, a cura di Alessandro Faccioli, Marsilio, Venezia, 2009, ISBN 978-88-317-9772-6

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14981187 · ISNI (EN0000 0001 2276 8625 · SBN RAVV030114 · LCCN (ENn2001037788 · GND (DE1013550102 · BNE (ESXX1424539 (data) · BNF (FRcb14138238p (data) · J9U (ENHE987007402388805171 · CONOR.SI (SL245039971 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001037788