Rogeno

comune italiano

Rogeno (Rògen in dialetto brianzolo) è un comune italiano di 3 105 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia.

Rogeno
comune
Rogeno – Stemma
Rogeno – Bandiera
Rogeno – Veduta
Rogeno – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Lombardia
Provincia Lecco
Amministrazione
SindacoMatteo Redaelli (Impegno comune) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate45°47′N 9°16′E
Coordinate: 45°47′N 9°16′E
Altitudine292 m s.l.m.
Superficie4,82 km²
Abitanti3 105[1] (31-12-2019)
Densità644,19 ab./km²
FrazioniCasletto, Calvenzana, Maggiolino, Maglio
Comuni confinantiBosisio Parini, Costa Masnaga, Merone (CO), Molteno
Altre informazioni
Cod. postale23849
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097072
Cod. catastaleH486
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 484 GG[3]
Nome abitantirogenesi
Patronosanti Ippolito di Roma e Cassiano di Imola
Giorno festivo13 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rogeno
Rogeno
Rogeno – Mappa
Rogeno – Mappa
Posizione del comune di Rogeno nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Geografia fisica modifica

Il territorio comunale di Rogeno si estende tra le rive meridionali del lago di Pusiano, ove si trova la frazione di Casletto, e la sponda orientale del Lambro, laddove è collocata la frazione di Maglio[4].

Origini del nome modifica

Il toponimo deriverebbe da aruggia, espressione tardo-latina per indicare una roggia[4].

Storia modifica

Se Casletto si suppone essere di origine celtica,[4] durante il Medioevo el locho de Rozeno è attestato nella Squadra di Canzo.[5]

Simboli modifica

Lo stemma comunale e il gonfalone sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 24 gennaio 1956.[6]

«D'argento, al castello di rosso, merlato alla guelfa, aperto e finestrato del secondo, fondato su un terreno roccioso declinante in banda e uscente dalla punta. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo partito di rosso e di bianco.

Monumenti e luoghi d'interesse modifica

Architetture religiose modifica

Parrocchiale dei Santi Cassiano ed Ippolito modifica

La parrocchiale di Rogeno è dedicata ai Santi Cassiano ed Ippolito[7], aperta al culto nel 1536, ma rimaneggiata all'inizio del Novecento[4]. La chiesa conserva affreschi di Luigi Morgari, un paramento di Achille Ratti (i cui genitori erano rogenesi) e le reliquie di Sant'Ippolito (traslate nel 1786 dalla soppressa chiesa milanese di Santa Elisabetta).[4]

Altro modifica

Architetture civili modifica

Villa Gadda modifica

Villa Osnago[9] Gadda, più semplicemente nota come Villa Gadda, si compone di tre corpi differenti, dei quali il più antico risale al XVI secolo[4]. Già proprietà dell'avvocato Francesco Gadda - dal quale derivò poi il nome del complesso - la villa appartenne al politico italiano Giuseppe Gadda[4], il quale vi trascorse gli ultimi anni della propria vita fino alla morte, nel 1901. Situata nel centro del paese, la villa presenta una pianta a U, con l'apertura orientata in direzione di un grande parco[4].

Altro modifica

  • Ruderi del castello di Maggiolino[10]
  • Ex-filanda Isacco[11]

Altro modifica

Monumento a Giuseppe Gadda modifica

Nei pressi delle scuole elementari e del municipio si può ammirare un grande busto raffigurante il politico Giuseppe Gadda. Su di lui è stato scritto anche un libro dal titolo Un Lombardo al servizio dell'Italia unita: Giuseppe Gadda. Il monumento fu inaugurato alla presenza di Emilio Visconti Venosta e Achille Ratti[4].

Mulini di Maglio modifica

La frazione di Maglio ospita alcuni mulini ad acqua,[4] tra i quali il mulino Leone, risalente al Seicento[12].

Società modifica

Evoluzione demografica modifica

  • 202 nel 1751
  • 514 nel 1771 con le frazioni Calvenzana, Maggiolino, Molino del Leone e Molino del Maglio
  • 629 nel 1803
  • 811 dopo annessione di Casletto nel 1809
  • 1 009 nel 1859
  • 1 072 nel 1881
  • 1 212 nel 1901
  • 1 186 nel 1921
  • 2 037 nel 1931 dopo annessione di Casletto avvenuta nel 1928
  • 3 150 nel 2018

Abitanti censiti[13]

Religione modifica

Qui erano residenti i genitori del sommo pontefice Papa Pio XI, nato però a Desio. In occasione del 50º anniversario della sua morte è stato stampato un libro commemorativo dal titolo A ricordo di S.S. Pio XI nel 50º della scomparsa.

Amministrazione modifica

Il sindaco di Rogeno dal 27 maggio 2019 è Matteo Redaelli (lista civica Impegno comune).

Sport modifica

Qui risiedono il ciclista professionista Gabriele Bosisio e il bronzo olimpico nel bob a due Jennifer Isacco, oltre al pilota Omar Mambretti di Formula 2 e il nuotatore Marco Viganò. Presso il Palarogeno, centro sportivo polivalente, si svolgono gli incontri casalinghi del Lecco Calcio a 5, attualmente militante nel girone A della serie A2. A Rogeno inoltre visse fino al 2016 (anno della morte) il ciclista Giacomo Fornoni, medaglia d'oro alle olimpiadi di Roma del 1960.

Note modifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f g h i j Borghese, p.382.
  5. ^ Comune di Rogeno, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  6. ^ Rogeno, decreto 1956-01-24 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 27 agosto 2022.
  7. ^ Parrocchiale dei SS. Ippolito e Cassiano - complesso, Piazza Sant'Ippolito - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  8. ^ Chiesa dei SS. Marco e Gregorio - complesso, Piazza San Marco - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  9. ^ Villa Osnago - complesso, Via Carlo Emilio Gadda, 7,9 - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  10. ^ Castello del Maggiolino (resti), Via Maggiolino, 13 - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  11. ^ Filanda Isacco (ex) - complesso, Piazza Vittorio Emanuele II, 4 - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  12. ^ Mulino Leone - complesso, Via Maglio, 7 - Rogeno (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 7 aprile 2021.
  13. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
    Nota bene: il dato del 2021 si riferisce al dato del censimento permanente al 31 dicembre di quell'anno. Fonte: Popolazione residente per territorio - serie storica, su esploradati.censimentopopolazione.istat.it.

Bibliografia modifica

  • Annalisa Borghese, Rogeno, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 382.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  • Sito ufficiale, su comune.rogeno.lc.it.  
  • Villa Gadda, su villagadda.it. URL consultato l'8 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2009).
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia