Apri il menu principale

Rolando il Magnifico

condottiero e politico italiano

Rolando Pallavicino detto il Magnifico (Polesine Parmense, 13 giugno 1393Busseto, 5 febbraio 1457) è stato un condottiero e politico italiano.

Rolando Pallavicino
Rolando Pallavicino il Magnifico.jpg
Marchese di Busseto
Stemma
In carica 1401 - 1457
Predecessore Niccolò Pallavicino
Successore Pallavicino Pallavicini
Nascita Busseto, 13 giugno 1393
Morte Busseto, 5 febbraio 1457
Dinastia Pallavicino
Padre Niccolò Pallavicino
Coniuge Caterina Scotti di Agazzano
Figli sette
Religione Cattolicesimo
Rolando il Magnifico
13 giugno 1393 – 5 febbraio 1457
Nato aBusseto
Morto aBusseto
Dati militari
Paese servitoFlag of Milan.svg Ducato di Milano
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Indice

BiografiaModifica

Era figlio naturale ed erede di Niccolò dei Pallavicino di Busseto, morto nel 1401, che nel 1391 aveva stipulato a nome della propria casata un patto di sottomissione a Gian Galeazzo Visconti. Rolando fu il creatore di quello che alla metà del Quattrocento era comunemente chiamato Stato Pallavicino.

Egli si mosse con abilità e spregiudicatezza nel complesso intrico di vicende politico-militari che ebbero luogo nell'area padana durante la prima metà del XV secolo, destreggiandosi tra i Visconti e le potenze loro avversarie, in primo luogo la Repubblica di Venezia.

Nel 1407 sposò Caterina Scotti di Agazzano.

Ottenne nel 1413 dall'imperatore Sigismondo del Lussemburgo la conferma dei privilegi che i precedenti imperatori avevano concesso alla sua casata, ma ebbe anche l'investitura delle terre e dei castelli da lui posseduti da parte dei duchi di Milano Filippo Maria Visconti e Francesco Sforza.

DiscendenzaModifica

Rolando morì nel 1457, suddividendo i propri beni e domini tra i suoi sette figli:

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri italiane. Pallavicino, Modena, 1930.
  • C. Soliani - G. A. Allegri - P. Capelli, Nelle terre dei Pallavicino, Busseto, Biblioteca della Cassa di Risparmio di Parma e Monte di Credito su pegno di Busseto, 1989.

Voci correlateModifica