Roman Danilovič

Roman
Principe di Lutsk
Stemma
In carica 12431254
Predecessore Rostislav
Successore Andrea
Principe di Navahrudak
Principe di Slonim
In carica 12541258
Predecessore Izjaslav
Successore Vaišvilkas
Nascita 1230 circa
Morte 1261 circa
Casa reale Rjurikidi
Padre Danilo di Galizia
Madre Anna Mstislavna di Novgorod
Consorti Gertrude di Babenberg
Elena Glebovna di Volkovysk
Figli Prime nozze:
Maria
Seconde nozze:
Basilio
Michele
Maria
Religione cristianesimo ortodosso

Roman Danilovič (1230 circa – 1261 circa) fu principe di Rutenia (Navahrudak, 1254-1258) e principe di Slonim.

BiografiaModifica

Fu l'ultimogenito di Danilo di Galizia, un potente principe delle terre ad est della Polonia e successivamente re di questa regione, che per diverso tempo venne chiamata Volinia o Rutenia (attuale Bielorussia e Ucraina).

Partecipò, in Europa occidentale, ai tentativi della moglie di ottenere la supremazia sul ducato rivendicata da altri pretendenti. Comunque, già l'anno successivo il matrimonio sfociò in un divorzio e Roman tornò in Rutenia dove, dal 1254 al 1258 fu principe di Navahrudak.

Matrimoni e discendenzaModifica

Roman Danilovič sposò Gertrude di Babenberg (12261288) il 27 giugno 1252; ella era già al suo terzo matrimonio e la coppia divorziò poco tempo dopo, attorno al 1253/54. Ebbero una sola figlia:

  • Maria (1253/54 – ?), sposò Gioacchino Gutkeled, ban di Slavonia.

Sposò in seconde nozze Elena Glebovna di Volkovysk (1235 – 1288) attorno al 1255; la coppia ebbe tre figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Roman Mstislavič Izjaslav II di Kiev  
 
Agnese di Franconia  
Roman Mstislavič  
Agnese di Polonia Boleslao III di Polonia  
 
Salomea di Berg-Schelklingen  
Danilo di Galizia  
Isacco II Angelo Andronico Angelo  
 
Eufrosina Castamofissa  
Anna-Eufrosina  
Irene Paleologa  
 
 
Roman Danilovič  
Mstislav Rostislavič Rostislav I Mstislavič  
 
 
Mstislav Mstislavič  
Feodosia Glebovna Gleb Rostislavič  
 
Eufrosina Rostislavna  
Anna Mstislavna di Novgorod  
Kotyan Sutoevich Sutoy Khan  
 
 
Maria Kotyanivna  
 
 
 
 

Collegamenti esterniModifica