Romenor (in Quenya "terra dell'est" o "terra orientale"), noto anche come Terra del Sole Nascente, era il nome con cui, nell'universo immaginario fantasy dello scrittore inglese J. R. R. Tolkien, venivano indicate le terre appartenenti ad un misterioso continente situato ad est della Terra di Mezzo e della Hyarmenor, dalle quali era separato da un misterioso mare noto come Mare dell'Est.

Il nome Romenor fu probabilmente coniato dagli ammiragli delle flotte di Numenor che, a partire dal regno di Tar-Elendil, esplorarono sistematicamente tutti i principali mari di Arda, circumnavigando la Terra di Mezzo e raggiungendo i continenti a sud e a est di essa, denominandoli rispettivamente "Hyarmenor" e "Romenor".

Romenor era una terra selvaggia e disabitata da uomini, nani o elfi, circondata da una altissima catena di monti inaccessibili, chiamata "Mura del Sole Nascente", sopra i quali svettava la vetta di Kalormë; i ghiacciai di questa montagna, quando venivano illuminati dai primi raggi del Sole, creavano uno spettacolo che ricordava una porta infuocata; per questo i Numenorean denominarono la valle del Kalormë, l'unica accessibile dal mare, "Porte dell'Alba".

Non è noto se i Dunedain stabilirono colonie o avamposti in queste terre; tuttavia la quasi totale inaccessibilità della catena montuosa costiera farebbe propendere ad una sola mappatura del luogo, senza la fondazione di colonie stabili.

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien