Rosario Jermano

percussionista italiano
Rosario Jermano
NazionalitàItalia Italia
GenereFusion[1]
New age[1]
Periodo di attività musicale1970 – in attività
Strumentopercussioni
Studio3

Rosario Jermano (Napoli, 19 settembre 1954) è un percussionista italiano.

Fra le sue tante attività legate alla musica, ha accompagnato alle percussioni Fabrizio De André nel tour "Anime Salve" che ha toccato i Palasport d'Italia. Il 7 settembre 1997, a Caserta, è stato fra i musicisti che hanno affiancato in concerto Toots Thielemans, in occasione del XXVII Settembre al Borgo[1].

Il suo brano Nadir Dance è usato come sigla per la trasmissione televisiva Lineablu di Rai 1[2].

BiografiaModifica

La formazioneModifica

Jermano, nativo di Napoli, si avvicinò con interesse alla batteria e cominciò a suonare lo strumento a sei anni, prendendo a modello Gegè Di Giacomo, il batterista del complesso musicale che accompagnava Renato Carosone. Crebbe a fianco del fratello che, appassionato di musica afro-americana, ascoltava rhythm and blues, principalmente Otis Redding e Aretha Franklin, ma anche il blues campano degli Showmen di Mario Musella[3]. Superata la fase da autodidatta, si iscrisse al conservatorio di San Pietro a Majella per seguire i corsi di percussione del maestro Antonio Buonomo[4]; e inoltre volle ulteriormente approfondire la tecnica strumentale sotto la guida di Walter Scotti, dell'orchestra del Teatro San Carlo[1].

La carrieraModifica

Nel frattempo il musicista iniziò nel 1968 il suo itinerario nell’ambiente musicale partenopeo partecipando alla registrazione di colonne sonore. Nel 1971 fondò la formazione jazz-rock chiamata Batracomiomachia, che includeva strumentisti dal brillante futuro come Rino Zurzolo, Enzo Avitabile e Pino Daniele . E proprio quest’ultimo lo volle con sé nell’incisione del suo primo album da solista, Terra mia. Fu l’avvio di un lungo e proficuo sodalizio che vide i due strumentisti assieme in altri sette lavori di Pino Daniele.

Dopo molte collaborazioni con altri artisti in concerto o in sala di registrazione, nel 1991 incise il suo primo lavoro solista, Living in Percussion, che includeva materiali di musica etnica, a cui seguirono altri due album, Stravagario e Sueno, che fanno emergere il percussionista in una originale dimensione musicale new age[1].

Il 2016 lo vede percussionista del neonato gruppo Sangennaro Team, a fianco del bassista Roberto Giangrande e del chitarrista Gianni Guarracino – musicisti che come Jermano vantano collaborazioni con Pino Daniele – e della cantante Clara Arcucci, assieme ai quali il 27 maggio ha pubblicato l’album Bio Naples - Neapolitan Songs[5].

Nella sua carriera artistica, oltre al legame con Pino Daniele, Jermano ha collaborato come percussionista con tantissimi musicisti fra i quali Riccardo Cocciante, Zucchero Fornaciari, Renato Carosone, Eros Ramazzotti, Sting, Toquinho, Mia Martini, Ornella Vanoni, Raf, Fabrizio De André, Renato Zero, Gigi D'Alessio, Edoardo Bennato, Gianni Morandi, Eduardo De Crescenzo, Teresa De Sio, Biagio Antonacci, Loredana Bertè, Fiorella Mannoia, Gianluca Grignani, Andrea Bocelli, Gino Paoli, Goran Kuzminac, i New Perigeo e Toots Thielemans[1][4].

DiscografiaModifica

Album da solistaModifica

  • 1992 - Living in Percussion
  • 1994 - Stravagario
  • 1996 - Sueno

Album con i Sangennaro TeamModifica

  • 2016 - Bio Naples - Neapolitan Songs

Album come sessionmanModifica

(fra parentesi l’artista principale)

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Rosario Jermano, aaamusicians. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  2. ^ Pagina ufficiale della trasmissione Lineablu Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive. dal sito rai.it
  3. ^ Marcella Russano, Nero a metà - Pino Daniele, RCS libri, Milano, 2015, pp. 319-21.
  4. ^ a b M° Rosario Jermano, Accademia Cimarosa. URL consultato il 2 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  5. ^ Bio Naples - Neapolitan Songs, Hydra Music. URL consultato il 12 novembre 2016.
  6. ^ full discography (PDF), rosariojermano.com. URL consultato il 2 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).