Apri il menu principale
Rosignano Marittimo
comune
Rosignano Marittimo – Stemma Rosignano Marittimo – Bandiera
Rosignano Marittimo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Livorno-Stemma.png Livorno
Amministrazione
SindacoDaniele Donati (PD) dal 10-6-2019
Territorio
Coordinate43°24′N 10°28′E / 43.4°N 10.466667°E43.4; 10.466667 (Rosignano Marittimo)Coordinate: 43°24′N 10°28′E / 43.4°N 10.466667°E43.4; 10.466667 (Rosignano Marittimo)
Altitudine147 m s.l.m.
Superficie120,82 km²
Abitanti30 807[3] (31-12-2018)
Densità254,98 ab./km²
FrazioniCastelnuovo della Misericordia, Castiglioncello, Gabbro, Nibbiaia, Rosignano Solvay, Vada[1]
Comuni confinantiCastellina Marittima (PI), Cecina, Collesalvetti, Livorno, Orciano Pisano (PI), Santa Luce (PI)
Altre informazioni
Cod. postale57016
Prefisso0586
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT049017
Cod. catastaleH570
TargaLI
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)
Nome abitantirosignanese, rosignanesi;[2] rosignanino, rosignanini (locale)[2]
Patronosan Nicola da Tolentino
Giorno festivo10 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rosignano Marittimo
Rosignano Marittimo
Rosignano Marittimo – Mappa
Posizione del comune di Rosignano Marittimo all'interno della provincia di Livorno
Sito istituzionale

Rosignano Marittimo è un comune italiano di 30 807 abitanti[3] della provincia di Livorno in Toscana.

Il capoluogo Rosignano Marittimo conta 2 342 abitanti ed è, per numero di abitanti, il quarto dei dieci centri abitati del comune.

Geografia fisicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Colline livornesi.

Origini del nomeModifica

Il toponimo Rosignano deriva probabilmente da un nome di persona di epoca romana, Rasinius o dalla famiglia dei Rasinii, in quanto nel 778 il toponimo è attestato come Rasinianus, anche se per Giuliano Bonfante potrebbe essere connesso con Rasenna, il nome nazionale degli Etruschi[5]. Invece, secondo lo storico Piombanti, nel 762 (in piena epoca longobarda) si parlerebbe di Rasiniano in un documento inerente alla divisione dei terreni appartenenti al vescovo longobardo di Lucca.[6] Nel 1862 venne aggiunta la specificazione "marittimo", cioè "della Maremma" (in latino Maritima), per distinguerla dall'attuale comune di Rosignano Monferrato.

StoriaModifica

Dall'Alto Medioevo a oggiModifica

In epoca medievale a Rosignano avevano possedimenti i Della Gherardesca ed il monastero di San Felice di Vada. Fu comune pisano dal X secolo e noto per lo spedale dipendente da quello di Pisa (1294), poi soppresso nel XVII secolo. Dal 1046 si hanno però i primi documenti del centro fortificato. Dopo la morte della contessa Matilde di Canossa il castello passò sotto la potestà della Chiesa vescovile pisana con la conseguente influenza politica della Repubblica di Pisa che ne riconobbe le istituzioni di comune rurale nel 1146. Il centro dove sorgeva un castello divenne sede della podesteria fiorentina (1406), nel 1433 fu smantellato dai Fiorentini, ma pochi anni dopo il fortilizio fu ricostruito, tanto che, nella seconda metà del XV secolo, respinse un attacco dei Genovesi, che erano sbarcati a Vada. Di questo nucleo fortificato non rimangono tracce particolarmente visibili se non alcune porzioni delle mura settentrionali ed occidentali in prossimità della chiesa dei SS. Giovanni Battista e Ilario e di alcuni torrioni bastionati post-medioevali.

Divenne in seguito tenuta di caccia medicea con una vasta tenuta e fattoria e con una sede per gli arcivescovi pisani nel "Palazzo delle logge" (si racconta che qui si ammalò di malaria il giovane principino Garzia de' Medici). Nel 1606 entrò a far parte del Capitanato di Livorno e con la riforma amministrativa leopoldina del 1776 divenne podesteria di prima classe.

Lo sviluppo consistente del territorio comunale si ebbe solo nell'Ottocento, quando furono avviate le bonifiche delle zone pianeggianti. All'inizio del XX secolo, con il potenziamento delle vie di comunicazione (in particolar modo con l'apertura della ferrovia Livorno-Cecina) e con l'affermazione del comparto industriale (Solvay Group), venne fondata l'importante frazione di Rosignano Solvay, inizialmente conosciuta come "Paese Novo".

Il territorio comunale fu l'epicentro del terremoto che si verificò in data 1º aprile 1950, con magnitudo 5,09 della Scala Richter e VI-VII grado della Scala Mercalli.[7][8]

SimboliModifica

Lo stemma del Comune di Rosignano Marittimo ha assunto proprio il significato della composizione amministrativa del territorio stesso, il capoluogo rappresentato dal simbolo del castello e le sei frazioni rappresentate con sei rose color argento su sfondo azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[9]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 2 289 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

CulturaModifica

BibliotecaModifica

La biblioteca è collocata all'interno del Centro culturale Le Creste nella frazione di Rosignano Solvay

IstruzioneModifica

MuseiModifica

Il museo civico archeologico è ospitato nel Palazzo Bombardieri, all'interno della Rocca. Vi sono esposti materiali che riguardano la storia delle attività produttive sul territorio dell'alta Val di Cecina (appartenente in epoca etrusca alle città di Pisa e di Volterra) e provenienti dalle necropoli di Castiglioncello e di Vada, dall'area archeologica di San Gaetano di Vada e dalle numerose ville romane che avevano occupato la pianura lungo la costa in epoca romana. Sono ospitati anche materiali provenienti dalle ricerche di archeologia subacquea lungo la costa.

Geografia antropicaModifica

Il comune di Rosignano Marittimo è composto da un centro abitato capoluogo, sei frazioni e tre località abitate principali.

FrazioniModifica

Altre località del territorioModifica

Oltre ai sette centri abitati principali del comune, si contano nel territorio altre tre importanti località: La Mazzanta (3 m s.l.m., 214 abitanti)[10], Polveroni (10 m s.l.m., 306 abitanti)[13] e la grande area artigianale delle Morelline.

Altre località minori sono quelle di Acquabona (40 m s.l.m., 78 abitanti)[13], Cafaggio (139 m s.l.m., 67 abitanti)[13], Chioma (25 m s.l.m., 57 abitanti)[13], Il Giardino (48 m s.l.m., 53 abitanti)[13], Malavolta (284 m s.l.m., 42 abitanti)[13] e Sovita (160 m s.l.m., 90 abitanti)[13].

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

FerrovieModifica

Linee ferroviarieModifica

StazioniModifica

Il comune Rosignano Marittimo è dotato di tre stazioni ferroviarie, tutte sulla linea Roma-Livorno, anche se nessuna si trova nel capoluogo Rosignano Marittimo. Le stazioni sono:

PortiModifica

AmministrazioneModifica

 
Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1951 Garibaldo Anguillesi PSI sindaco
1951 1966 Demiro Marchi PCI sindaco
1966 1975 Leno Carmignoli PCI sindaco
1975 1976 Enzo Fiorentini PCI sindaco
1976 1980 Iginio Marianelli PSI sindaco
1980 1990 Giuseppe Danesin PCI sindaco
1990 2004 Gianfranco Simoncini PCI, PDS, DS, centrosinistra sindaco
2004 2009 Alessandro Nenci centrosinistra sindaco
2009 in carica Alessandro Franchi centrosinistra sindaco

GemellaggiModifica

SportModifica

CalcioModifica

La principale squadra di calcio della città è il G.S.D. Rosignano 6 Rose che milita in Promozione. Le altre squadre di calcio della città sono l'U.S.D. Castiglioncello che milita nel girone D di Prima Categoria e l'A.S.D. Vada che milita nel girone F di Seconda Categoria.

NoteModifica

  1. ^ Statuto comunale di Rosignano Marittimo, Art. 8
  2. ^ a b Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 469.
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  4. ^ rete.toscana.it, Classificazione sismica in Toscana (pdf) (PDF) [collegamento interrotto], su rete.toscana.it. URL consultato il 17 agosto 2013.
  5. ^ Silvio Pieri, Toponomastica della Toscana meridionale e dell'arcipelago toscano, Siena, Accademia Senese degli Intronati, 1969 (ristampa anastatica: Lucca, Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti, 2008), p. 127.
  6. ^ G. Piombanti, Guida storica ed artistica della città e dei dintorni di Livorno, Livorno, 1903, p. 391.
  7. ^ http://emidius.mi.ingv.it/DBMI04/consultazione/terremoto.php?visualizzazione=svg Stucchi et al. (2007). DBMI04, il database delle osservazioni macrosismiche dei terremoti italiani utilizzate per la compilazione del catalogo parametrico CPTI04. Quaderni di Geofisica, INGV.
  8. ^ INGV. Storia sismica di Rosignano Marittimo, su emidius.mi.ingv.it.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ a b c d e Censimento Istat 2011.
  11. ^ Dati della CEI.
  12. ^ Dati della CEI (Santa Croce e Santa Teresa)
  13. ^ a b c d e f g Censimento Istat 2001.

BibliografiaModifica

  • Silvio Pieri, Toponomastica della Toscana meridionale e dell'arcipelago toscano, Siena, Accademia Senese degli Intronati, 1969 (ristampa anastatica: Lucca, Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti, 2008).
  • Giuseppe Piombanti, Guida storica ed artistica della città e dei dintorni di Livorno, Livorno, 1903.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN140783744 · GND (DE4338841-3 · BNF (FRcb123231816 (data) · WorldCat Identities (EN140783744