Apri il menu principale

Rosser Reeves (Danville, 10 settembre 191924 gennaio 1984) è stato un pubblicitario statunitense.

Reeves ideò la formula dell'USP (Unique selling proposition), ovvero sosteneva che ogni avviso pubblicitario deve presentare un'offerta che deve essere esclusiva e non proponibile da altri concorrenti; l'offerta deve risultare così forte da attirare nuovi consumatori al prodotto.

BiografiaModifica

Suo padre era un ministro metodista. Frequenta l'università della Virginia con l'idea di diventare avvocato, ma la Grande depressione lo costringe a lasciare la scuola e a cercare lavoro. Il suo primo impiego è come reporter al Richmond Times-Dispatch. Nel 1934 lascia la Virginia e si trasferisce a New York per lavorare come inserzionista.

Successivamente entra a lavorare presso l'agenzia pubblicitaria Benton & Bowles, dove conosce Ted Bates, e poi, con quest'ultimo, fonda nel 1940 la Ted Bates & Co.

Nel 1952 cura la campagna elettorale di Dwight D. Eisenhower per le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America.

Stacanovista in grado di coltivare le proprie passioni: nel 1955 guida la prima squadra ufficiale statunitense di scacchi che visita l'Unione Sovietica; organizza e partecipa a campionati mondiali di vela; prende il brevetto di pilota e guida il proprio aereo personale; colleziona antichità, pietre preziose e libri; scrive poesie, racconti e uno dei classici della pubblicità (Reality in Advertising, in italiano I miti di Madison Avenue).

Tra i suoi annunci più celebri (nonché tra i più esemplificativi dell'USP) c'è quello delle caramelle M&M's: «si sciolgono in bocca, non in mano», usato ancora oggi.

BibliografiaModifica

  • Alberto Abruzzese e Fausto Colombo (a cura di), Dizionario della pubblicità. Zanichelli, Bologna, 1994. ISBN 88-08-09588-6.
  • Rosser Reeves, Reality in Advertising. Alfred A. Knopf Inc., New York, 1960 (Trad. ital. I miti di Madison Avenue. Lupetti, Milano, 1988. ISBN 88-85838-02-2).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10354593 · ISNI (EN0000 0000 8196 1874 · LCCN (ENn80145808 · WorldCat Identities (ENn80-145808