Royal Standard de Liège

società calcistica belga
Standard Liegi
Calcio Football pictogram.svg
StandardLiegi.png
Les Rouches/Rouges (I Rossi), RSCL, Matricule 16 (Matricola 16)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px bianco con lato rosso bordato d'oro.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Liegi
Nazione Belgio Belgio
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Belgium (civil).svg URBSFA/KBVB
Campionato Jupiler Pro League
Fondazione 1898
Presidente Belgio Bruno Venanzi
Allenatore Slovenia Luka Elsner
Stadio Stadio Maurice Dufrasne
(30 023 posti)
Sito web standard.be
Palmarès
Titoli nazionali 10 Campionati del Belgio
Trofei nazionali 8 Coppe del Belgio
1 Coppa di Lega belga
4 Supercoppe del Belgio
Si invita a seguire il modello di voce

Il Royal Standard de Liège, noto internazionalmente come Standard Liège, è una società calcistica belga con sede nella città di Liegi. Milita nella Pro League, la massima serie del campionato belga, nella quale detiene il record di partecipazioni. Gioca le partite casalinghe nello Stadio Maurice Dufrasne, che può contenere 30.023 spettatori, ed è noto anche come Cauldron of Sclessin.

Fondato nel 1898, nella sua storia lo Standard si è aggiudicato 10 titoli belgi, 8 coppe e 4 supercoppe nazionali. A livello internazionale, il punto più elevato è stato il raggiungimento della finale della Coppa delle Coppe 1981-1982, dove la squadra è stata sconfitta dal Barcellona.

Lo Standard è una delle squadre più popolari del Belgio, ed è la terza per numero di campionati vinti. I suoi giocatori sono conosciuti anche come les rouches ("i rossi") per il colore delle loro divise.

StoriaModifica

Lo Standard Liegi viene fondato nel 1898 a Liegi da alcuni studenti del College di Saint-Servais. L'ispirazione per il nome viene presa da un club molto famoso all'epoca, lo Standard Athletic Club di Parigi.

Il club partecipa subito al campionato belga, e arriva a disputare per la prima volta il campionato di massima divisione nella stagione 1909-1910, che viene conclusa al quinto posto. Negli anni venti lo Standard è vicecampione nel 1925-1926 e nel 1927-1928, sempre alle spalle del Beerschot, mentre nel anni trenta la squadra conquista il secondo posto al termine del campionato 1935-1936; in questo periodo inizia a giocare Jean Capelle, che detiene il record di gol segnati in maglia rossa.

 
Standard-Real Madrid 0-2, semifinale della Coppa dei Campioni 1961-1962.

Lo Standard conquista il primo trofeo nel 1954, la Coppa del Belgio, con in panchina André Riou e in campo Henri Thellin, il giocatore con più presenze nella squadra; un altro giocatore importante in questo periodo è anche Jean Mathonet, che è anche capocannoniere in campionato nel 1956. Il primo titolo belga arriva invece al termine del campionato 1957-1958, e a questo punto Riou lascia la squadra. In pochi anni lo Standard conquista comunque altri due titoli, nel 1960-1961 e nel 1962-1963, ai quali contribuisce sicuramente Jean Nicolay, nominato calciatore belga dell'anno nel 1963. In campo internazionale, invece, i belgi ottengono un buon risultato nella Coppa dei Campioni 1961-1962, dove arrivano a giocare le semifinali contro il Real Madrid; nella Coppa dei Campioni 1958-1959, all'esordio nelle competizioni europee, lo Standard era invece arrivato fino ai quarti. Negli anni a seguire la squadra vince altre due Coppe del Belgio, nel 1966 e nel 1967, e in questo modo partecipa a due edizioni della Coppa delle Coppe. Qui ottiene dei buoni risultati, ed è curiosamente sempre eliminato dalla squadra che poi vincerà il trofeo: il Bayern Monaco nelle semifinali dell'edizione 1966-1967, e il Milan nei quarti di quella del 1967-1968. Una soddisfazione è comunque il fatto che Roger Claessen si laurea capocannoniere nella prima delle due.

Nel 1968 lo Standard assume come allenatore René Hauss, e la squadra vince tre titoli consecutivi, 1968-1969, 1969-1970 e 1970-1971. Tra i protagonisti di questi successi ci sono sicuramente Wilfried Van Moer, Christian Piot, Antal Nagy e Erwin Kostedde. I belgi partecipano così a tre edizioni della Coppa dei Campioni raggiungendo in due casi i quarti, nella prima e nella terza: sono eliminati rispettivamente da Leeds Utd e Inter.

Hauss lascia la squadra nel 1973, per il resto negli anni settanta lo Standard non conquista altri trofei e arriva al massimo a disputare la finale della coppa nazionale in due occasioni. In campionato ottiene in genere buoni piazzamenti; partecipa quindi varie volte alla Coppa UEFA, senza tuttavia avanzare oltre il terzo turno. In questo periodo un altro giocatore dello Standard diventa capocannoniere in campionato, Harald Nickel, inoltre militano anche Jacques Beurlet, Nicolas Dewalque, Ásgeir Sigurvinsson e Eric Gerets, oltre a Van Moer e Piot.

Nel 1979 viene ingaggiato Ernst Happel, allenatore con alle spalle un palmarès di tutto rispetto: la squadra partecipa alla Coppa UEFA 1979-1980 ed elimina il Napoli nel secondo turno, prima di essere eliminata nel turno successivo. In campionato arriva poi un secondo posto, mentre nella successiva edizione di Coppa UEFA giunge fino ai quarti, dove è eliminata dal Colonia; a fine stagione, dopo la conquista della Coppa del Belgio, la quarta per la squadra, Happel lascia.

 
1981, amichevole contro l'Ipswich Town.

Nel 1981 lo Standard si affida a Raymond Goethals, che inizia conquistando la prima Supercoppa del Belgio e successivamente vince il titolo dopo più di un decennio di digiuno. Inoltre, il 12 maggio 1982 i belgi disputano al Camp Nou la finale della Coppa delle Coppe proprio contro il Barcellona, che però vince 2-1: il trofeo viene quindi vinto dai catalani, ma il capocannoniere della manifestazione è un giocatore dello Standard, Eddy Voordeckers; tra i protagonisti di questa stagione figurano comunque anche Arie Haan, Michel Preud'homme e Gerets, eletto giocatore dell'anno. Questi successi verranno tuttavia macchiati nel 1984 da uno scandalo che metterà in dubbio la regolarità all'ultima partita di campionato: ci saranno alcune squalifiche, ma non verrà modificato il verdetto del campo. La squadra partecipa quindi alla Coppa dei Campioni 1982-1983 dove viene eliminata negli ottavi dalla Juventus, ma a fine stagione arriva l'ottavo titolo; anche nella successiva edizione della Coppa dei Campioni il cammino sarà lo stesso, mentre nella stagione 1983-1984 arriva la seconda Supercoppa.

A questi successi segue però un lungo periodo in cui le vittorie importanti sembrano non arrivare più, anche se il club continua ad essere molto popolare in Belgio. Militano comunque nel club giocatori come Horst Hrubesch, Gilbert Bodart, Alexandre Czerniatynski, André Cruz, Aurelio Vidmar, Marc Wilmots e Sérgio Conceição. Arriva un secondo posto nel campionato 1992-1993 e la Coppa nazionale ottenuta nello stesso anno.

 
Salisburgo-Standard 2-1, incontro valido per la fase a gruppi dell'Europa League 2013-2014.

Dall'inizio degli anni duemila le cose cominciano a migliorare: lo Standard finisce secondo nel campionato 2005-2006, ed accede al terzo turno preliminare della Champions League 2006-2007, dove viene tuttavia eliminato dalla Steaua Bucarest. Torna poi al successo nella stagione 2007-2008, quando può festeggiare il nono titolo; i rossi, allenati dall'ex Michel Preud'homme e con in squadra Milan Jovanović, Steven Defour, Dante e Axel Witsel ottengono la certezza matematica del successo in campionato grazie alla vittoria per 2-0 sull'Anderlecht, ottenuta con la doppietta del congolese Mbokani. Al termine della stagione il tecnico abbandona l'incarico, ma la squadra conquista subito la terza Supercoppa del Belgio con il rumeno László Bölöni. A fine stagione lo Standard batte l'Anderlecht nel play-off scudetto, e arriva così il decimo titolo. I belgi accedono quindi alla fase a gironi della Champions League 2009-2010, dove si classificano terzi alle spalle di Arsenal e Olympiakos; proseguono poi l'avventura in UEFA Europa League, ma vengono eliminati dall'Amburgo nei quarti.

Nel 2010 è Dominique D'Onofrio a sedersi sulla panchina dello Standard, che in quella stagione conquista la sesta Coppa del Belgio ed ottiene un altro secondo posto in campionato; successivamente è però nuovamente eliminata nei preliminari della Champions League, in questo caso dallo Zurigo. Nuovo secondo posto nel 2013-2014 e nuovo mancato accesso ai gruppi della successiva edizione di Champions in seguito all'incontro con lo Zenit San Pietroburgo: il club fa ingaggia a ben tre allenatori, Guy Luzon, Ivan Vukomanovic e José Riga, ma viene eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League e arriva quarto in campionato. Anche nell'annata successiva si registrano tre cambi in panchina, ma alla fine arriva la Coppa del Belgio 2015-2016.

Dopo un'altra stagione non esaltante, nel 2018 si assiste al ritorno dei Rouches ai vertici del campionato belga. La squadra, allenata da Ricardo Sá Pinto, si piazza al sesto posto nella stagione regolare ma nei play-off scudetto riesce a risalire fino a giungere alla seconda posizione, con soli tre punti di distacco dai campioni del Club Bruges. Lo Standard riesce poi a mettere in bacheca un'altra Coppa in seguito alla vittoria in finale sul Genk. Manca però nuovamente l'accesso alla fase a gironi della Champions in virtù della sconfitta subita contro l'Ajax; accede invece a quelli dell'Europa League, senza però riuscire a proseguire. Il campionato 2019-2020 è poi interrotto dall'emergenza COVID-19.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Royal Standard de Liège
  • 1898: fondazione del club

  • 1895-96 ·
  • 1896-97 ·
  • 1897-98 ·
  • 1898-99 ·
  • 1899-00 ·

  • 1900-01 ·
  • 1901-02 ·
  • 1902-03 ·
  • 1903-04 ·
  • 1904-05 ·
  • 1905-06 ·
  • 1906-07 ·
  • 1907-08 ·
  • 1908-09   Promosso in Division I
  • 1909-10 · 5º in Division I.

  • 1910-11 · 11º in Division I.
  • 1911-12 · 9º in Division I.
  • 1912-13 · 10º in Division I.
  • 1913-14 · 11º in Division I.
  • 1914-15 · Non disputato
  • 1915-16 · Non disputato
  • 1916-17 · Non disputato
  • 1917-18 · Non disputato
  • 1918-19 · Non disputato
  • 1919-20 · 2º in Promotion.

  • 1920-21   1º in Promotion.. Promosso in Division I
  • 1921-22 · 5º in Division I.
  • 1922-23 · 7º in Division I.
  • 1923-24 · 5º in Division I.
  • 1924-25 · 8º in Division I.
  • 1925-26 · 2º in Division d'Honneur.
  • 1926-27 · 3º in Division d'Honneur.
  • 1927-28 · 2º in Division d'Honneur.
  • 1928-29 · 12º in Division d'Honneur.
  • 1929-30 · 10º in Division d'Honneur.

  • 1930-31 · 9º in Division d'Honneur.
  • 1931-32 · 9º in Division d'Honneur.
  • 1932-33 · 4º in Division d'Honneur.
  • 1933-34 · 3º in Division d'Honneur.
  • 1934-35 · 7º in Division d'Honneur.
  • 1935-36 · 2º in Division d'Honneur.
  • 1936-37 · 7º in Division d'Honneur.
  • 1937-38 · 7º in Division d'Honneur.
  • 1938-39 · 9º in Division d'Honneur.
  • 1939-40 · Non disputato

  • 1940-41 · Non disputato
  • 1941-42 · 12º in Division d'Honneur.
  • 1942-43 · 12º in Division d'Honneur.
  • 1943-44 · 14º in Division d'Honneur.
  • 1944-45 · Non disputato
  • 1945-46 · 14º in Division d'Honneur.
  • 1946-47 · 9º in Division d'Honneur.
  • 1947-48 · 13º in Division d'Honneur.
  • 1948-49 · 3º in Division d'Honneur.
  • 1949-50 · 13º in Division d'Honneur.

Vince la Coppa del Belgio (1º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.

Semifinalista nella Coppa dei Campioni.
Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa del Belgio (2º titolo).
Semifinalista nella Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa del Belgio (3º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Fiere.
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (4º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (1º titolo).
Finalista nella Coppa delle Coppe.
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Supercoppa del Belgio (2º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Finalista nella Coppa del Belgio.

Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (5º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa Intertoto.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa Intertoto.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Finalista nella Coppa del Belgio.

Semifinalista nella Coppa Intertoto.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
  • 2008-09   Campione del Belgio (10º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (3º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa del Belgio (4º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato nei quarti dell'Europa League.

Vince la Coppa del Belgio (6º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Eliminato nella fase a gruppi della Europa League.
Eliminato nei play-off della Champions League.
Eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League.
Eliminato nei play-off della Europa League.
Vince la Coppa del Belgio (7º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Europa League.
Vince la Coppa del Belgio (8º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nella fase a gruppi della Europa League.
Eliminato nella fase a gruppi della Europa League.

Eliminato nella fase a gruppi della Europa League.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori della maglia dello Standard Liegi sono il rosso, che è il principale e che dà origine al soprannome della squadra, e il bianco. I pantaloncini sono invece bianchi e i calzettoni sono rossi con inserti bianchi.

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Il simbolo dello Standard Liegi è composto da uno scudetto diviso verticalmente in una parte rossa, più piccola, e una bianca; in quest'ultima figurano, in giallo le lettere "SL" intrecciate. Il tutto è sormontato dalla corona reale ed è circondato da due rami. In basso c'è invece l'indicazione dell'anno di fondazione, il 1898, sempre in giallo.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Maurice Dufrasne.
 
Veduta esterna dello Stadio Maurice Dufrasne, dalla sponda opposta della Mosa.

Dal 1909 il club disputa le proprie gare interne nello Stadio Maurice Dufrasne, che è situato a Liegi, nei pressi della Mosa, e che può ospitare 30.023 spettatori.

L'impianto è stato intitolato all'allora presidente dello Standard, ma è noto anche come "Stade de Sclessin" dal nome del quartiere nel quale sorge.

Nel corso della sua storia è stato ristrutturato più volte e ha ospitato anche la finale per il terzo posto del campionato d'Europa 1972 oltre a tre partite della prima fase di quello del 2000.

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Royal Standard de Liège

Tutti gli allenatori a partire dal 1958[1]:

Allenatori

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Royal Standard de Liège

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1957-1958, 1960-1961, 1962-1963, 1968-1969, 1969-1970, 1970-1971, 1981-1982, 1982-1983, 2007-2008, 2008-2009
1953-1954, 1965-1966, 1966-1967, 1980-1981, 1992-1993, 2010-2011, 2015-2016, 2017-2018
1974-1975
1981, 1983, 2008, 2009

Competizioni internazionaliModifica

1974, 1980, 1981, 1982, 1984

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1925-1926, 1927-1928, 1935-1936, 1961-1962, 1964-1965, 1972-1973, 1979-1980, 1992-1993, 1994-1995, 2005-2006, 2010-2011, 2013-2014, 2017-2018
Terzo posto: 1926-1927, 1933-1934, 1948-1949, 1954-1955, 1958-1959, 1963-1964, 1965-1966, 1967-1968, 1971-1972, 1976-1977, 1977-1978, 1978-1979, 1980-1981, 1985-1986, 1991-1992, 2000-2001, 2003-2004, 2006-2007, 2018-2019
Finalista: 1983-1984, 1987-1988, 1988-1989, 1998-1999, 1999-2000, 2006-2007, 2020-2021
Semifinalista: 1911-1912, 1979-1980, 1989-1990, 1991-1992, 2005-2006, 2007-2008
Finalista: 1973-1974
Semifinalista: 1972-1973
Finalista: 1982, 1993, 2011, 2016, 2018
Finalista: 1981-1982
Semifinalista: 1966-1967
Semifinalista: 1961-1962
Finalista: 1996
Semifinalista: 2000

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionaliModifica

Campionati nazionaliModifica

Lo Standard Liegi è la squadra con più partecipazioni al massimo campionato belga.

Dalla stagione 1920-1921 alla 2020-2021 compresa il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Division d'Honneur/Division I-Pro League 102 1909-1910 2020-2021 102
Tweede klasse/Division 1B 1+ 1919-20 1+

Tornei internazionaliModifica

Il miglior risultato nelle competizioni europee è il raggiungimento della finale della Coppa delle Coppe 1981-1982, persa 2-1 contro il Barcellona, che venne tra l'altro giocata al Camp Nou. Altri traguardi importanti furono l'approdo alle semifinali nella Coppa dei Campioni 1961-1962 e nella Coppa delle Coppe 1966-1967, dove venne battuto rispettivamente dal Real Madrid e dal Bayern Monaco. In tempi più recenti i Rossi si sono riusciti in un'occasione a qualificare alla fase a gruppi della Champions League, nell'edizione 2009-2010, terminando la corsa in virtù del terzo posto conquistato.

Alla stagione 2020-2021 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[2]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 14 1958-1959 2018-2019
Coppa delle Coppe 6 1965-1966 1993-1994
Coppa UEFA/UEFA Europa League 21 1973-1974 2020-2021
Coppa Intertoto 3 1996 2000
Coppa delle Fiere 1 1968-1969

Statistiche individualiModifica

A livello generale, il giocatore sceso più volte in campo con la maglia del club è Henri Thellin a quota 577, mentre il miglior marcatore di tutti i tempi è Jean Capelle con 245 reti. Nelle competizioni europee, invece, il giocatore con più presenze è Léon Semmeling a quota 45, mentre il miglior marcatore è Roger Claessen con 22 gol[2].

Statistiche di squadraModifica

A livello internazionale la miglior vittoria è per 9-0, ottenuta contro il Floriana nel primo turno della Coppa delle Coppe 1981-1982, mentre la peggior sconfitta è il 7-0 subito contro l'Arsenal nel secondo turno della Coppa delle Coppe 1993-1994[2].

TifoseriaModifica

 
Tifosi del club.

Ci sono diversi importanti gruppi di tifosi, ma i più popolari sono la Hell-Side 81, l'Ultras Inferno 96, la Kop Rouche e la PHK - ciascuno di questi associato a un diverso settore dello stadio.

OrganicoModifica

Rosa 2020-2021Modifica

Aggiornata al 29 gennaio 2021.

N. Ruolo Giocatore
5   D Moussa Sissako
6   D Noë Dussenne
8   C Gojko Cimirot
10   C Mehdi Carcela-González
11   C William Balikwisha
12   C Eddy Sylvestre
13   D John Nekadio
15   C Eden Shamir
16   P Arnaud Bodart
17   A Jackson Muleka
18   C Aleksandar Boljević
19   C Selim Amallah
20   C Merveille Bokadi
N. Ruolo Giocatore
21   D Collins Faï
22   A Maxime Lestienne
23   A Abdoul Tapsoba
24   D Nicolas Gavory
26   C Nicolas Raskin
27   D Laurent Jans
28   C Samuel Bastien
29   C Joachim Carcela-González
30   P Laurent Henkinet
31   A Mitchy Ntelo
33   C Damjan Pavlovic
34   D Kōstas Laïfīs

NoteModifica

  1. ^ Standard Liège » Storia Allenatore, su calcio.com. URL consultato il 19 febbraio 2021.
  2. ^ a b c Copia archiviata, su uefa.com. URL consultato il 19 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2015).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio