Apri il menu principale

Rudi Gutendorf

allenatore di calcio e ex calciatore tedesco
Rudi Gutendorf
Nazionalità Germania Germania
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala)
Ritirato 1960 - giocatore
2003 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1942-1951Neuendorf? (?)
1954-1955Blue Stars Zurigo? (?)
1956-1960Lucerna? (?)
Carriera da allenatore
1955Blue Stars ZurigoGioc.-All.
1955-1960LucernaGioc.-All.
1960-1961Lucerna
1961Monastir
1962-1963VfB Marl Hüls
1963-1965Duisburg
1965-1966Stoccarda
1968St. Louis Stars
1968Bermuda Bermuda
1968-1970Schalke 04
1970-1971Kickers Offenbach
1972Sporting Cristal
1972-1973Cile Cile
1974Bolívar
1974Bolivia Bolivia
1974Venezuela Venezuela
1973-1974Monaco 1860
1975Real Valladolid
1975Fortuna Colonia
1976Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago
1976Grenada Grenada
1976Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda
1976Botswana Botswana
1976-1977TeBe Berlino
1977Amburgo
1979-1981Australia Australia
1981Nuova Caledonia Nuova Caledonia
1981Figi Figi
1981Nepal Nepal
1981Tonga Tonga
1979-1981Tanzania Tanzania
1981-1982Young Africans[1]
1982Arysha
1984São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe
1984-1985Yomiuri
1985-1986Ghana Ghana
1986Hertha Berlino
1986Nepal Nepal
1987Figi Figi
1988Cina Cina
1988Iran Iran U-23
1991-1992Cina Cina U-23
1993Mauritius Mauritius
1995-1996Zimbabwe Zimbabwe
1997Mauritius Mauritius
1999Ruanda Ruanda
2003Samoa Samoa
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rudolf Gutendorf detto Rudi (Coblenza, 30 agosto 1926) è un allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco di ruolo attaccante.

Ha ottenuto numerosi incarichi durante la carriera di allenatore (55[2][3][4], di cui 28 squadre nazionali[5]).

Indice

BiografiaModifica

È sposato[6] con Marikka, moglie australiana[4] dalla quale ha avuto un figlio, Fabian.[4] Durante le sue esperienze all'estero, ha imparato inglese, francese e swahili.

Caratteristiche tecnicheModifica

Da allenatore ha praticato la tattica del catenaccio per tutta la carriera e in gran parte dei club in cui è stato allenatore,[4] compreso il Duisburg che l'ha reso famoso in Germania.[4]

CarrieraModifica

Già attaccante del Neuendorf, al termine della sua carriera (svoltasi tra il 1942 e il 1960) ottenne il patentino di allenatore dopo aver seguito lezioni da Sepp Herberger. Da allora, iniziò una carriera cinquantennale che lo porterà ad ottenere 55 incarichi. Tra il 1946 e il 1954[7] allena il Rengsdorf,[8] formazione di un campionato distrettuale.[7] Le fonti non riportano chiaramente il periodo in cui ha allenato le seguenti formazioni: Rot-Weiß Coblenza, Lützel, Braubach e Neuendorf.[7][8]

Il suo esordio tra i professionisti risale tuttavia al 1955, quando in aprile ottiene l'incarico di allenatore ad interim del Blue Star Zurigo essendo ancora tesserato come giocatore. Per cinque anni è allenatore-giocatore del Lucerna, allenando la squadra anche dopo il ritiro durante la stagione 1960-1961 fino all'inizio dell'annata seguente, quando è licenziato. In Svizzera ha vinto la coppa nazionale con il Lucerna nella stagione 1959-1960. Nel 1962-1963 allena i tedeschi del VfB Marl Hüls, arrivando ultimo nel torneo di Oberliga Ovest e retrocedendo in Regionalliga Ovest.[9]

Nella Bundesliga, dove per la prima volta introdurrà la tattica del catenaccio[2][4], conduce inaspettatamente[2] il Duisburg al secondo posto nella prima edizione del torneo.[4][6][2]

Nel 1967 è manager del St. Louis Stars, società militante nella neonata NPSL[10], di cui diverrà l'allenatore nella stagione seguente, la prima in assoluto della NASL. Con gli Stars otterrà il terzo posto della Gulf Division, non accedendo così alla parte finale del torneo. All'inizio degli anni settanta è CT della nazionale cilena,[6] tuttavia deve cedere l'incarico a causa del suo legame con Salvador Allende, presidente socialista che subisce un golpe da parte della giunta di Pinochet.[6] L'abbandono dell'incarico gli costa la partecipazione al campionato del mondo 1974 alla guida del Cile.[6] Nel 1977 è nominato nuovo allenatore dell'Amburgo: chiede e ottiene l'acquisto di Kevin Keegan dal Liverpool,[6] ma i giocatori del club tedesco non accettano l'arrivo dell'inglese e – secondo lo stesso Gutendorf[6] – boicottano le partite;[6] a pochi mesi dall'inizio della stagione, verso la fine di ottobre, è licenziato.[6]

Successivamente approda nel continente asiatico, divenendo il tecnico di diverse formazioni. Nel 1981 è CT del Nepal, rendendosi protagonista di episodi controversi: in un caso, rifiuta di vendere le partite della sua nazionale durante i giochi asiatici del 1982 in India,[6] in un altro corrompe un arbitro internazionale al fine di proseguire una partita tra Nepal e India che era stata interrotta una pioggia monsonica sul risultato di 0-0 e che verrà poi vinta dai nepalesi.[6]

In Giappone, alla guida dello Yomiuri, ottiene nella stagione 1984 l'accoppiata campionato-coppa nazionale.

Gutendorf risulta l'allenatore che ha ottenuto il maggior numero di incarichi di commissario tecnico di squadre nazionali: a partire dal 1968 (anno in cui allenò la nazionale di calcio delle Bermuda) e fino al 2003 (anno a cui risale il suo ultimo incarico di allenatore, come commissario tecnico della nazionale di calcio di Samoa[5]), guidò 28 nazionali[5] registrando, come miglior risultato, la vittoria della Coppa delle nazioni oceaniane 1980 con la nazionale australiana e la partecipazione alle Olimpiadi di Seoul con la nazionale cinese. Nel 1990 è CT dell'Iran che sta per vincere i giochi asiatici, quando la dirigenza della federcalcio iraniana lo licenzia per motivi religiosi.[6]

Ha all'attivo alcune apparizioni in documentari (tra cui il cortometraggio Der Ball ist ein Sauhund) ed è autore di una bibliografia includente tre libri a tema calcistico.

StatisticheModifica

ClubModifica

In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1955-1956   Lucerna LNB 26 14 5 7 CS 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 28 15 5 8 53,57
1956-1957 LNB 26 11 4 11 CS 5 2 2 1 - - - - - - - - - - 31 13 6 12 41,94
1957-1958 LNB 26 17 4 5 CS 3 2 0 1 - - - - - - - - - - 29 19 4 6 65,52 2º (prom.)
1958-1959 LNA 26 8 10 8 CS 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 29 9 11 9 31,03
1959-1960 LNA 26 11 5 10 CS 6 6 0 0 - - - - - - - - - - 32 17 5 10 53,13
1960-1961 LNA 26 9 6 11 CS 5 4 0 1 CdC 2 0 0 2 - - - - - 28 15 5 8 53,57
lug.-ago. 1961 LNA 1 0 0 1 CS - - - - - - - - - - - - - - 1 0 0 1 &&0,00 Eson.
Totale Lucerna 157 70 34 53 24 16 3 5 2 0 0 2 - - - - 183 86 37 60 46,99
1962-1963   VfB Marl Hüls OW[11] 30 7 4 19 CJ - - - - - - - - - - - - - - 30 7 4 19 23,33 16º (retr.)
1963-1964   Meidericher B 30 13 13 4 CG 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 31 13 14 4 41,94
1964-feb. 1965 B 23 9 6 8 CG 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 25 10 6 9 40,00 Eson.
Totale Meidericher 53 22 19 12 3 1 1 1 - - - - - - - - 56 23 20 13 41,07
mar.-giu. 1965   Stoccarda B 7 3 0 4 - - - - - - - - - - - - - - - 7 3 0 4 42,86 Sub., 12º
1965-1966 B 34 13 6 15 CG 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 35 13 6 16 37,14 11º
lug.-dic. 1966 B 15 3 5 7 - - - - - - - - - - - - - - - 15 3 5 7 20,00 Eson.
Totale Stoccarda 56 19 11 26 1 0 0 1 - - - - - - - - 57 19 11 27 33,33
nov. 1968-1969   Schalke 04 B 14 4 2 8 CG 6 3 2 1 - - - - - - - - - - 20 7 4 9 35,00 Sub.
1969-1970 B 34 11 12 11 CG 2 1 1 0 - - - - - - - - - - 36 12 13 11 33,33
lug.-set. 1970 B 4 1 2 1 - - - - - - - - - - - - - - - 4 1 2 1 25,00 Eson.
Totale Schalke 04 52 16 16 20 8 4 3 1 - - - - - - - - 60 20 19 21 33,33
set. 1970-feb. 1971   Kickers Offenbach B 30 7 4 19 CJ - - - - - - - - - - - - - - 30 7 4 19 23,33 Sub., Eson.
1972   Sporting Cristal TD 14+35 8+14 4+12 2+9 - - - - - - - - - - - - - - - 49 22 16 11 44,90
1973-1974   Monaco 1860 R 34 19 5 10 - - - - - - - - - - - - - - - 34 19 5 10 55,88
gen.-giu. 1975   Real Valladolid SD 22 7 9 6 CG 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 24 8 9 7 33,33 Sub., 11º
lug.-set. 1975   Fortuna Colonia 2B 9[12] 4 1 4 CG 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 10 5 1 4 50,00 Eson.
1976-1977   TeBe Berlino B 34 6 10 18 CG 2 1 1 0 - - - - - - - - - - 36 7 11 18 19,44 17º (retr.)
lug.-ott. 1977   Amburgo B 12 6 1 5 CG 3 3 0 0 CdC 3 2 0 1 - - - - - 18 11 1 6 61,11 Eson.
1984   Yomiuri JSL 18 11 4 3 JSLC 2 1 0 1 CI 5 5 0 0 - - - - - 25 17 4 4 68,00
gen.-apr. 1986   Hertha Berlino 2B 11 2 5 4 - - - - - - - - - - - - - - - 11 2 5 4 18,18 Sub., Eson.
Totale carriera 567 211 135 221 46 28 8 10 10 7 0 3 - - - - 623 246 143 234 39,49


PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Con il nome di "Yanga Daressalam" nel sito ufficiale, cfr.
  2. ^ a b c d (EN) 'Restless Rudi': the world's most-travelled coach, uefa.com.
  3. ^ (DE) Rudi Gutendorf macht den Enkeln der Kannibalen Beine su Der Spiegel
  4. ^ a b c d e f g Ancora una sfida per il tecnico-giramondo su La Gazzetta dello Sport
  5. ^ a b c (EN) The highest-scoring draws in international history su The Guardian
  6. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Rudi Gutendorf: The colourful life of a 'footballing missionary', bbc.com.
  7. ^ a b c (DE) Rudi Gutendorf, gutendorf-rudi.de.
  8. ^ a b (EN) Rudi Gutendorf, transfermarkt.it.
  9. ^ (EN) Final Table - Deutschland, soccerlibrary.free.fr.
  10. ^ The Soccer History of George Mihaljevic, su Mihaljevicsoccerschool.com. URL consultato il 4 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2016).
  11. ^ (EN) Final Table - Deutschland, soccerlibrary.free.fr.
  12. ^ (DE) 2. Bundesliga 1975/1976 Nord » 9. Spieltag, calcio.com.

BibliografiaModifica

  • Rudi Gutendorf, "Machen Se et jut". Vom Deutschen Eck in alle Welt, Gebundene Ausgabe.
  • Rudi Gutendorf, Mit dem Fußball um die Welt, Reuffel.
  • Rudi Gutendorf, Machen Se et jut, Werkstatt Verlag.

FilmografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10765054 · ISNI (EN0000 0001 1872 9682 · LCCN (ENno2011059469 · GND (DE123864380 · WorldCat Identities (ENno2011-059469