Apri il menu principale

Rudolf Wittkower

storico dell'architettura e saggista tedesco

BiografiaModifica

Il padre di Wittkower, Henry Wittkower, era un britannico che viveva in Germania. Rudolf Wittkower studiò per un anno architettura a Berlino, poi decise di studiare storia dell'arte a Monaco con Heinrich Wölfflin. Ma il rapporto con Wölfflin non andò bene e Wittkower tornò a Berlino per studiare presso Adolph Goldschmidt. Si laureò con una tesi su Domenico Morone e la pittura veronese del Quattrocento.

A Londra s'impiegò presso il Warburg Institute, un istituto specializzato nello studio dell'influenza dell'antichità classica sulla civiltà occidentale europea. Nel 1949 pubblicò Architectural Principles in the Age of Humanism, considerato il suo capolavoro.

Wittkower si dedicò anche all'insegnamento: dal 1949 al 1956 fu docente presso la University of London e, successivamente, per tredici anni, fino al 1969, alla Columbia University di New York.[1] Due anni dopo, a settant'anni, morì nella stessa città statunitense.

NoteModifica

  1. ^ Treccani.it, riferimenti e link in Collegamenti esterni.

OpereModifica

  • Principi architettonici nell'Età dell'Umanesimo (Architectural Principles in the Age of Humanism, 1949), traduzione di Renato Pedio, Collana Biblioteca di storia dell'arte n.2, Torino, Giulio Einaudi Editore, 1964.
  • Arte e Architettura in Italia, 1600-1750 (Art and Architecture in Italy, 1600-1750, 1958), traduzione di L. Monarca Nardini e Maria Vittoria Malvano, Collana Biblioteca di storia dell'arte n.14, Torino, Einaudi, 1972.
  • (EN) Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, London, Phaidon Press, 1955.
  • Rudolf e Margot Wittkower, Nati sotto Saturno (Born Under Saturn: The Character and Conduct of Artists, 1963), Collana Saggi, Torino, Einaudi, 1967.
  • Allegoria e migrazione dei simboli (Alegory and the Migration of Symbols, 1977), ed. italiana, trad. Marcello Ciccuto, Introduzione di Giovanni Romano, Collana Biblioteca di storia dell'arte.Nuova serie n.8, Torino, Einaudi, 1987.
  • La Scultura raccontata da Rudolf Wittkower dall'antichità al Novecento (Sculpture: Processes and Principles, 1977), traduzione di Renato Pedio, Torino, Einaudi, 1985.
  • Palladio e il Palladianesimo, traduzione di M. Azzi Visentini, Collana Saggi n.669, Torino, Einaudi, 1984.
  • Idea e Immagine. Studi sul Rinascimento italiano, Collana Saggi n.757, Torino, Einaudi, 1992.
  • R. Wittkower-Irma B.Jaffe, Architettura e arte dei gesuiti, Milano, ELECTA, 1992.

BibliografiaModifica

  • Alina Payne, Rudolf Wittkower, 1994 and 2008; traduzione di Francesco Peri, Rudolf Wittkower, Torino, Bollati Boringhieri, 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24618617 · ISNI (EN0000 0001 2124 4811 · LCCN (ENn50014455 · GND (DE118807722 · BNF (FRcb12038930d (data) · ULAN (EN500218491