Apri il menu principale
Rudolph Wurlitzer Company
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1853 a Cincinnati
Fondata daFranz Rudolph Wurlitzer
Sede principaleCincinnati
GruppoGibson Guitar Corporation
SettoreMusicale
Prodotti
Sito web

La Rudolph Wurlitzer Company (nota anche nella forma abbreviata Wurlitzer), è una società tedesco-americana, dedita all'attività di produzione di strumenti musicali e distributori automatici. È stata fondata a Cincinnati nel 1853 da un immigrato tedesco, Rudolph Wurlitzer, e dopo aver iniziato l'attività come importatore negli Stati Uniti d'America di strumenti musicali, nel 1880 ne ha iniziato la fabbricazione in loco[1].

In origine produceva strumenti a corda, strumenti a fiato (legni e ottoni), theatre organs e band organs, o orchestrions (organi che potevano riprodurre e imitare tutti i suoni di un'orchestra) e jukebox. Col tempo la Wurlitzer passò alla sola produzione di organi e jukebox. A metà degli anni sessanta ha iniziato la produzione di distributori automatici per alimenti divenendo leader indiscusso a livello mondiale per qualità e tecnologia. Dal 1967 le sue chitarre prodotte in Italia dalla Welson.

La Rembert Wurlitzer Co. divisione storica della Wurlitzer di strumenti musicali fu diretta indipendentemente dal bisnonno di Rudolph Wurlitzer, Rembert Wurlitzer (1904–63), dal 1948 fino alla morte nel 1963. Il negozio di Rembert sulla 42nd Street a New York City è rinomato in tutto il mondo.[2]

La Wurlitzer ha sedi di rappresentanze commerciali in tutto il mondo: in Italia è a Roma, in località Settebagni.

StoriaModifica

 
American Mohawk Lyric Radio come Mfd. by Wurlitzer ca. anni '20

Da Schöneck in Sassonia il tedesco Franz Rudolph Wurlitzer (1831–1914) fondò la Wurlitzer Company a Cincinnati nel 1853. I figli Howard, Rudolph, e Farny successivamente diressero la società dopo la sua morte. Originariamente la società importò i prodotti dalla Wurlitzer in Germania. La Wurlitzer divenne fornitrice dell'esercito durante la guerra civile americana e la guerra ispano-americana. Nel 1880 la Wurlitzer iniziò a fabbricare pianoforti poi venduti nel'outlet di Chicago.[3] Nel 1896 Wurlitzer fabbricò il primo pianoforte automatico a moneta.[4]

A fine '800, le fiere erano molto popolari e, la massa sempre più numerosa e meccanizzata, divenne necessario l'uso di sistemi di diffusione sonora per la musica. L'organo da fiera venne sviluppato. Eugene DeKleist di North Tonawanda, New York fu uno dei primi costruttori di tale organo (derivato dall'organo a rullo) in uso alle giostre. Wurlitzer partecipò alla attività imprenditoriale di DeKleist, la North Tonawanda Barrel Organ Factory nel 1897 e nel 1909, rilevò l'azienda, spostando l'attività Wurlitzer dall'Ohio a New York.[3] Nel 1909, l'azienda iniziò a costruire arpe di pregevole fattura e dal 1924 agli anni '30 furono sul mercato disponibili otto modelli diversi. Il "Mighty Wurlitzer"  organo da teatro fu introdotto a fine anni '10 del XX secolo e divenne il prodotto Wurlitzer di punta. L'organo Wurlitzer è presente in numerosi teatri, musei, chiese del mondo intero.

Con l'inizio della seconda guerra mondiale, l'import dalla Germania divenne problematico e Wurlitzer si concentrò sulla produzione domestica. Nei primi anni '30 Wurlitzer costruì un nuovo stabilimento allo stato dell'arte a North Tonawanda.[5] Wurlitzer abbandonò la produzione di nickelodeon ma continuò con i paper player piano music rolls con una sussidiaria, la Endless Roll Music Company. Wurlitzer comprò anche la Lyric All American Mohawk Radio Company di Chicago, fabbricante di radio. Lyric era un marchio hi-end con prezzi da 425 $ nel 1929.[6]

Wurlitzer fece joint-venture con James Armitage, George Herschell, e altri. Costruì una fabbrica a Goundry e Oliver Streets in North Tonawanda per la produzione di piccole serie di organi e ghironde.

 
Tipico jukebox Wurlitzer

Dal 1933, Wurlitzer come nome venne abbinato ai jukebox. Nel 1942, la produzione di organi a North Tonawanda cessò e la produzione cambiò in fusi di prossimità per bombe. Dopo la guerra ritornarono a produrre radio, jukebox e piccoli organi elettrici per uso domestico.

Wurlitzer iniziò con gli strumenti musicali elettronici con l'electrostatic reed organ nel 1947, il più importante e completo fu l'organo elettronico, in particolare la spinetta two-manual-and-pedals (dal 1971 con caratteristiche di sintetizzatore) per uso domestico. A metà degli anni '50, Wurlitzer iniziò la commercializzazione del portatile Wurlitzer electric piano.

Rembert Wurlitzer (1904–63) diresse la divisione "violini" dal 1949 fino alla morte nel 1963, facendolo diventare un centro internazionale di restauro.

Wurlitzer nel 1964 comprò i diritti e il marchio e i brevetti della Henry C. Martin Band Instrument Company che fabbricava strumenti ottoni a Elkhart, Indiana (da non confondere con la C.F. Martin & Company delle chitarre. Nel 1967, Wurlitzer entrò nel mercato delle chitarre come distributore delle Holman-Woodell, a marchio Wurlitzer. Successivamente passò alla italiana Welson, prima dell'abbandono del mercato nel 1969.

Dagli anni '50 i jukebox, come mercato, furono saturati da altri costruttori. Wurlitzer vendette i diritti della Martin alla Leblanc nel 1971, per concentrarsi su pianoforti e jukeboxe.[7] Nel 1973 Wurlitzer vendette la divisione jukebox alla consociata tedesca e chiuse la fabbrica di North Tonawanda. Pianoforti e organi vennero costruiti ancora per diversi anni in Mississippi e Arkansas.

La Baldwin Piano Company comprò la divisione pianoforti della Wurlitzer nel 1988. Successivamente la Gibson Guitar Corporation acquisì la Baldwin facendone una sussidiaria. La Gibson acquisì anche la Deutche Wurlitzer Jukebox and Electronics Vending nel 2006. Baldwin interruppe l'uso del marchio Wurlitzer sui pianoforti nel 2009. Gibson usa il marchio Wurlitzer solo per jukebox e distributori automatici.[8] Wurlitzer contina a costruire jukebox e vending machine nella fabbrica di Hüllhorst in Germania. La sede Wurlitzer è a Hullhorst mentre le divisioni vendite e commercializzazione negli USA sonoa Gurnee (Illinois) e Oxfordshire, Inghilterra.

Pianoforti acusticiModifica

 
Tastiera del Wurlitzer acoustic piano

All'inizio del 1880, Wurlitzer costruì una linea completa di grand piano. Nel 1914, Wurlitzer divenne il solo distributore della Melville Clark Pianos e nel 1919 acquisì la Melville Clark. Wurlitzer continò la costruzione di pianoforti presso lo stabilimento Clark a DeKalb (Illinois) amarchio Melville Clark. Altri marchi furono Apollo, De Kalb, Julius Bauer, Farney, Kingston, Kurtzman, Merrium. Schaff Bros. e Underwood.[9]

Wurlitzer eccelse nella fabbricazione di pianoforti. Sviluppò il "Pentagonal Soundboard", il "Tone crafted hammers", e altre innovazioni uniche. Nel 1935, fu uno dei pochi costruttori ad offrire spinette al mercato di massa.

Uno strumento per cui il marchio Wurlitzer è divenuto famoso in ambito musicale è il piano elettrico, denominato Electronic Piano dalla casa madre e prodotto dal 1950 al 1982. Concettualmente à simile al Fender Rhodes, ma, a differenza del suo più blasonato simile, ha dei veri e propri martelletti strutturati come quelli del pianoforte, che percuotono lamelle metalliche (ance) la cui vibrazione è rilevata da un pick-up elettrostatico. Il fatto che vi siano i martelletti rende il tocco sulla tastiera quasi uguale a quella di un piano vero. Nei concerti di John Lennon lo strumento era sempre presente.

Butterfly grand pianoModifica

 
Wurlitzer Butterfly Art Deco Deluxe 88 - Model 1411

A metà degli anni '30, Wurlitzer presentò una linea di symmetrical grand piano, o "Butterfly". Furono costruiti nella Wurlitzer di DeKalb (Illinois). I modelli partivano dal Student Butterfly a 44 tasti, al 88 tasti del Deluxe Art Deco Streamline Model 1411. Il Model 1411 ebbe diversi brevetti di protezione. Un'altra innovazione fu il "Tone Amplifier".

Wurlitzer costruì l'ultimo modello della serie a 73 tasti.[10]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Rudolph Wurlitzer (1831-1914), su immigrantentrepreneurship.org, 8 giugno 2011. URL consultato il 12 luglio 2018.
  2. ^ Christopher Germain, Wurlitzer Shop History, in Strings, nº 152, ottobre 2007. URL consultato il 16 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2018).
  3. ^ a b History, Jukeboxhistory. URL consultato il 28 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2017).
  4. ^ Kevin Grace, Legendary Locals of Cincinnati, Arcadia Publishing, 4 gennaio 2012, p. 37. URL consultato il 7 maggio 2013.
  5. ^ Wurlitzer Manufacturing Company, NTHistory. URL consultato il 28 luglio 2017.
  6. ^ All American Mohawk Corporation Lyric Radio Now establishes a new high standard of perfection... and opens wide the doors to joys you have missed in radio., in New York Daily News, Duke University Libraries Ad Collection. URL consultato il 28 luglio 2017.
  7. ^ Martin Instrument Models, The Vintage Saxophone Gallery. URL consultato il 28 luglio 2017.
  8. ^ Wurlitzer, Gibson. URL consultato il 28 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  9. ^ Wurlitzer Pianos, Total Piano Care. URL consultato il 28 luglio 2017.
  10. ^ Welcome, Wurlitzer Butterfly Piano Registry. URL consultato il 28 luglio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica