Apri il menu principale

VariantiModifica

Varianti in altre lingueModifica

Origine e diffusioneModifica

Deriva dal cognomen latino Rufus, letteralmente "rosso", "fulvo", "dai capelli rossi"[1][2][4][5][6] (lo stesso significato di Pirro, Porfirio, Rosso e Milziade). Il nome Rufino è un patronimico di Rufo, anche se ad oggi può essere usato come suo semplice diminutivo.

Il nome è brevemente citato da san Paolo nella lettera ai Romani 16:13[4]. In Italia, la forma Rufo è accentrata in Campania, Ruffo in Toscana e Ruffillo in Emilia e in Romagna[3]. La diffusione riflette il culto di vari santi, tra cui san Rufo di Capua e san Rufillo, vescovo di Forlimpopoli[1][3]. In inglese, il nome si è diffuso nella forma Rufus in seguito alla Riforma protestante[4].

OnomasticoModifica

Il nome venne portato da numerosi fra i primi santi[4]. L'onomastico si può festeggiare quindi in una di queste date: [7]

PersoneModifica

Antica RomaModifica

Variante RufusModifica

Il nome nelle artiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Galgani, p. 447.
  2. ^ a b c d e f g h i j La Stella T., p. 316.
  3. ^ a b c d De Felice, p. 324.
  4. ^ a b c d e f (EN) Rufus, su Behind the Name. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  5. ^ (EN) Rufus, su Online Etymology Dictionary. URL consultato il 28 novembre 2012.
  6. ^ a b Burgio, p. 308.
  7. ^ a b c d e f Santi di nome Rufo, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 28 novembre 2012.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi