Russini
Русины/Rusynŷ
Flag of Rusyns.png
Bandiera dei russini.
 
SottogruppiBoichi, Doliniani, Hutsuli, Lemchi
PopolazioneCensita: 75.000–110.000
Stimata: 1,2-1,6 milioni
Linguaruteno e lingue locali
ReligioneMaggioranza: Chiesa greco-cattolica rutena e Chiesa greco-cattolica slovacca, con una minoranza di: Chiesa ortodossa (Chiesa ortodossa ucraina, Chiesa ortodossa serba
Gruppi correlatislavi orientali
Distribuzione
Slovacchia Slovacchia 33.482 (2011)[1]
Ucraina Ucraina[2] 10.183 – 32.386
Serbia Serbia[3] 14.246
Stati Uniti Stati Uniti[4] 8.934
Croazia Croazia[5] 2.879
Ungheria Ungheria[6] 2,342
Rep. Ceca Rep. Ceca[7] 1.109
Polonia Polonia[8] 638–10.531
Romania Romania[9][10][11] 200 – 4.090

I russini (ruteno: Русины / Rusiny), a volte indicati come rusnachi (ruteno: Руснакы / Rusnaky), noti anche come carpato-ruteni o carpato-russini (ruteno: Карпато-Русини / Karpato-Rusini), sono un gruppo etnico slavo orientale parlante la lingua rutena. Discendono da una popolazione slavo orientale che abitava le regioni settentrionali dei Carpazi orientali fin dal Medioevo. Sono stati spesso chiamati ruteni o con l'indicazione geografica più specifica carpato-ruteni (o ruteni carpatici).

A differenza dei loro vicini orientali, che adottarono l'uso dell'etnonimo ucraino agli inizi del XX secolo, i russini conservarono il loro nome originale. I russini si distinguono ancora in 4 sottogruppi, in base alla zona di residenza e alla differenze culturali: i boiko, i doliniani, gli hutsuli e i lemchi.

Inoltre, come residenti delle regioni nord-orientali dei Carpazi, essi sono strettamente collegati e talvolta anche associati ad altre comunità slave nella regione montana, come la comunità slovacca dei gorali (letteralmente "montanari").

Le principali denominazioni: carpato-russini, carpato-ruteni, carpato-russi e carpato-ucraini utilizzano il prefisso "carpato-" in riferimento alla Rutenia subcarpatica, una regione storica transfrontaliera che comprende l'oblast' di Transcarpazia nella moderna Ucraina, regioni nord-orientali della Slovacchia e parti sud-orientali della Polonia. Altre denominazioni regionali utilizzate sono: uhro-russini, servi, bizantini, o più semplicemente “po-našomu” (letteralmente persone come noi o che parlano la nostra lingua o “il nostro popolo”).

Nei contesti ufficiali ucraini, i vari sottogruppi russini sono spesso indicati collettivamente come Verchovynci (Верховинці), che letteralmente significa "montanari". Degli stimati 1,2-1,6 milioni di persone di origine russina, solo all'incirca 90.000 individui sono stati identificati come tali nei recenti censimenti nazionali. Questo perché le stesse autorità che gestiscono il censimento li considerano un sottogruppo di ucraini; tuttavia alcuni paesi li riconoscono ufficialmente come una minoranza etnica.

NoteModifica

  1. ^ Permanently resident population by nationality and by regions and districts" (PDF) (in Slovak). Statistical Office of the Slovak Republic. 2011. Archived from the original (PDF) on 2012-04-17
  2. ^ (2001 census) Archiviato il 6 luglio 2007 in Internet Archive.
  3. ^ (SR) Становништво према националној припадности [Population by ethnicity], in Serbian Republic Institute of Statistics. URL consultato il 2 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2013).
  4. ^ Total ancestry categories tallied for people with one or more ancestry categories reported, 2010 American Community Survey, 1-Year Estimates, United States Census Bureau. URL consultato il 30 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2020).
  5. ^ (HR) STANOVNIŠTVO PREMA NARODNOSTI, PO GRADOVIMA/OPĆINAMA, POPIS 2001 [Population by ethnicity in cities and municipalities, 2001 Census], State Institute for Statistics of the Republic of Croatia..
  6. ^ (HU) Gabriella Vukovich, Mikrocenzus 2016 - 12. Nemzetiségi adatok [2016 microcensus - 12. Ethnic data] (PDF), in Hungarian Central Statistical Office, Budapest, 2018, ISBN 978-963-235-542-9. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  7. ^ Rusínská národnostní menšina, su vlada.cz. URL consultato il 18 marzo 2015.
  8. ^ (PL) Ludność. Stan i struktura demograficzno społeczna [State and structure of the social demographics of the population] (PDF), in Central Statistical Office of Poland, 2013, p. 91. URL consultato il 14 aprile 2013.
  9. ^ (EN) Michael Moser, Rusyn, in Tomasz Kamusella, Motoki Nomachi & Catherine Gibson (a cura di), The Palgrave Handbook of Slavic Languages, Identities and Borders, Basingstoke UK, Palgrave Macmillan, 2016, p. 132.
  10. ^ (RO) Populaţia după etnie (PDF), Institutul Naţional de Statistică. URL consultato il 28 ottobre 2011.
  11. ^ (RO) Date naţionale, Erdélyi Magyar Adatbank. URL consultato il 28 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85116084 · GND (DE4362982-9