Sébastien Leclerc II

pittore e disegnatore francese

Sébastien Leclerc II, o Leclercq o Le Clerc o Le Clercq (Parigi, 29 settembre 1676Parigi, 29 giugno 1763), è stato un pittore e disegnatore francese.

Diana e le sue ninfe catturano un satiro(1770)

BiografiaModifica

Figlio di Sébastien Leclerc, apprese i rudimenti della pittura dal padre e proseguì i suoi studi presso la scuola di Bon Boullogne[1]. Tuttavia non adottò il modo di colorare di questa scuola, ma si mantenne sempre fedele alla maniera del padre[2]. Fu pittore del re e da questi stabilmente retribuito, professore all'Accademia reale di pittura e scultura, insegnante di disegno presso la scuola della Manifattura dei Gobelins[3] e, dal 1736, direttore[2], membro del consiglio di fabbrica della chiesa e commissario per i poveri della parrocchia di Sant'Ippolito[3].

Leclerc rappresentò principalmente soggetti di genere, mitologici, allegorici e architetture[1].

Fu suo allievo il figlio Jacques Sébastien[1].

Alcune opereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7657379 · ISNI (EN0000 0001 2119 6813 · GND (DE1079500731 · BNF (FRcb14960847c (data) · BNE (ESXX1205147 (data) · ULAN (EN500009526 · CERL cnp01386946 · WorldCat Identities (ENviaf-7657379