Apri il menu principale

Partito Socialdemocratico di Germania

partito politico tedesco
(Reindirizzamento da SPD)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "SPD" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi SPD (disambigua).
Partito Socialdemocratico di Germania
(DE) Sozialdemokratische Partei Deutschlands
Sozialdemokratische Partei Deutschlands, Logo um 2000.svg
PresidenteMalu Dreyer[1]
SegretarioLars Klingbeil
VicepresidenteHannelore Kraft
Thorsten Schäfer-Gümbel
Manuela Schwesig
Olaf Scholz
Aydan Özoğuz
Ralf Stegner
StatoGermania Germania
SedeWilly Brandt-Haus D-10911, Berlino
AbbreviazioneSPD
Fondazione1863 (ADAV)
1869 (SDAP)
1875 (SAPD)
1890 (SPD)
IdeologiaModerna
Socialdemocrazia
Liberalismo sociale
Progressismo
Europeismo
Correnti interne
Terza via
Socialismo democratico
Storica
Socialismo
Marxismo
Socialismo rivoluzionario[2]
Socialismo democratico[3]
Socialismo liberale
Correnti interne
Marxismo ortodosso
Marxismo revisionista
Marxismo consiliarista[4]
CollocazioneModerna
Centrosinistra (1959–)
Storica
Sinistra (1863–1959)
CoalizioneGrande coalizione
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo
Gruppo parl. europeoAlleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Affiliazione internazionaleAlleanza Progressista
Internazionale Socialista (1951–2013)
Seggi Bundestag
152 / 709
Seggi Parlamento europeo
16 / 96
Seggi Parlamenti dei Länder
516 / 1859
Seggi /Numero di Governatori
7 / 16
Organizzazione giovanileJusos
Iscritti438.829 (2017)[5]
Sito web

Il Partito Socialdemocratico di Germania (in tedesco: Sozialdemokratische Partei Deutschlands, SPD) è uno dei due maggiori partiti politici tedeschi. L'SPD è il più antico partito politico dell'Europa continentale ancora esistente[6] e anche uno tra i più vecchi e più grandi del mondo, che ha celebrato il suo 150º anniversario nel 2013. Con più di 550.000 membri, l'SPD è il partito più grande (per numero di iscritti) in Germania.

Radicato nel mondo sindacale e dei lavoratori, è considerato il partito che meglio ha incarnato nella storia l'identità socialista democratica. A livello sovranazionale aderisce all'Alleanza Progressista, dopo aver abbandonato, nel 2013, l'Internazionale Socialista, accusata di ricomprendere al suo interno anche partiti non democratici.

Sotto la leadership di Gerhard Schröder (personaggio della "destra" del partito) tuttavia, l'SPD ha adottato anche alcuni principi della tradizione liberal-democratica. Con il leader Kurt Beck si è registrato un ritorno verso una più definita identità socialdemocratica. Il movimento giovanile dell'SPD è lo Jusos.

ProfiloModifica

L'SPD fu istituito come partito marxista nel 1875. Tuttavia, l'SPD subì un importante cambiamento nelle politiche riflesse nelle differenze tra il Programma di Heidelberg del 1925, che "richiedeva la trasformazione del sistema capitalista di proprietà privata dei mezzi di produzione alla proprietà sociale", e al programma Godesberg del 1959, che mirava ad ampliare la sua base elettorale e spostare la sua posizione politica verso il centro. Dopo la seconda guerra mondiale, sotto la guida di Kurt Schumacher, l'SPD si ristabilì come partito socialista, rappresentando gli interessi della classe operaia e dei sindacati. Con il programma Godesberg del 1959, tuttavia, il partito si è evoluto da partito socialista della classe operaia a partito moderno socialdemocratico che operava all'interno del capitalismo.

L'attuale piattaforma di partito dell'SPD abbraccia l'obiettivo della socialdemocrazia, che è vista come una visione di un accordo sociale in cui la libertà e la giustizia sociale sono fondamentali. Secondo la piattaforma del partito, la libertà, la giustizia e la solidarietà sociale costituiscono la base della socialdemocrazia. L'economia sociale di mercato coordinata dovrebbe essere rafforzata e il suo output dovrebbe essere distribuito equamente. Il partito vede quel sistema economico come necessario per assicurare l'affluenza di tutta la popolazione. L'SPD cerca anche di proteggere i poveri della società con uno stato sociale. Allo stesso tempo, sostiene una politica fiscale sostenibile che non ponga un peso alle generazioni future mentre sradica i deficit di bilancio. Nella politica sociale, l'SPD rappresenta diritti civili e politici in una società aperta. In politica estera, il DOCUP mira a garantire la pace globale bilanciando gli interessi globali con mezzi democratici. Pertanto, l'integrazione europea è una delle principali priorità del DOCUP. SPD supporta le normative economiche per limitare le potenziali perdite per banche e persone. Sostengono una comune politica economica e finanziaria europea e impediscono le bolle speculative. Sostengono la crescita sostenibile dal punto di vista ambientale.

Fazioni interneModifica

L'SPD è composto principalmente da membri appartenenti a una delle due ali principali: i socialdemocratici keynesiani e i socialdemocratici della terza via socialmente appartenenti al Seeheimer Kreis. Mentre il più moderato Seeheimer Kreis supporta in generale i programmi di Agenda 2010 introdotti dal cancelliere Gerhard Schröder, i socialdemocratici keynesiani continuano a difendere le politiche della sinistra classica e lo stato sociale. La sinistra classica della SPD afferma che negli ultimi anni lo stato sociale è stato ridotto attraverso programmi di riforma come l'Agenda 2010, Hartz IV e la più liberale posizione liberale del DOCUP, che sono stati sostenuti dai socialdemocratici centristi. Come reazione all'Agenda 2010, nel 2005 c'è stata l'ascesa di un movimento dissidente del partito interno, che ha portato alla fondazione del nuovo partito Lavoro e Giustizia Sociale - L'Alternativa Elettorale (WASG, in tedesco: Arbeit & soziale Gerechtigkeit - Die Wahlalternative). Il WASG è stato successivamente fuso nel partito La Sinistra (Die LINKE, in tedesco: Die Linke) nel 2007.

StoriaModifica

Sotto l'impero guglielminoModifica

Nella iconografia della SPD vengono rappresentati i 5 padri della Socialdemocrazia Tedesca: August Bebel, Carl Wilhelm Tölcke, Karl Marx, Ferdinand Lassalle e Wilhelm Liebknecht.

Ferdinand Lassalle nel 1863 aveva fondato la Associazione Generale degli Operai Tedeschi (ADAV, in tedesco: Allgemeiner Deutscher Arbeiterverein) per chiedere il suffragio universale diretto come premessa per ottenere le altre riforme sociali: la legislazione del lavoro e, soprattutto, la costituzione di cooperative di produzione sostenute dallo Stato. Bismarck appoggiò questo programma moderato e concesse il suffragio universale nel 1866, mentre Marx accusò questa politica di costituire un "socialismo di stato"[7][8].

August Bebel e Wilhelm Liebknecht avevano fondato nel 1869 il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Germania (SAD, in tedesco: Sozialdemokratische Arbeiterpartei Deutschlands), di ispirazione marxista[7].

In occasione dal Congresso di Gotha (22 - 27 maggio 1875), l'Associazione Generale degli Operai Tedeschi e il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori si unirono per costituire il Partito Socialista dei Lavoratori (SAPD, in tedesco: Sozialistische Arbeiterpartei Deutschlands)[7]. Il nuovo partito si diede un programma "minimalista", il Programma di Gotha, giudicato da Marx troppo "lassalliano" nella Critica del programma di Gotha.

L'anno successivo Liebknecht fondò il settimanale di informazione Vorwärts. Alle elezioni federali del 1877 il partito, presentatosi la prima volta, raccolse il 9% dei voti.

Per reazione, nel 1879 il governo di Bismarck emanò le leggi antisocialiste, che misero fuori legge il Partito. La clandestinità, lungi dal distruggere la SPD, la abituò a quella disciplina che la contraddistinguerà successivamente[7].

Nel 1890, cadute le leggi antisocialiste, il partito venne rifondato al Congresso di Erfurt: in tale occasione assunse l'attuale denominazione di SPD, e si diede un programma spiccatamente marxista, il Programma di Erfurt, redatto dal teorico del partito Karl Kautsky[7]. Promotori della nascita di questo partito, che si può considerare una delle più antiche organizzazioni politiche europee d'impostazione socialista agenti nell'ambito della legalità, furono anche il segretario August Bebel e il direttore del giornale di partito Wilhelm Liebknecht.

Nello stesso 1890 vennero ricostituiti i sindacati, i "Liberi sindacati socialisti"[7]. La vicinanza del partito ai sindacati fece crescere il movimento fino a raggiungere la maggioranza relativa al Reichstag divenendo un modello per i socialisti europei fino allo scoppio della Prima guerra mondiale.

Negli ultimi anni dell'Ottocento si definirono le correnti interne al partito. Da un lato si delineò l'ala revisionista, il cui esponente più celebre fu Eduard Bernstein. Costui constatava un miglioramento delle condizioni dei lavoratori e un aumento del numero di operai specializzati, fenomeni contrari a quanto pronosticato da Marx. Riteneva perciò che il capitalismo non sarebbe crollato, ma che le condizioni dei lavoratori sarebbero migliorate all'interno di tale sistema, per effetto di un'attività politica e sindacale riformista[7].

A sinistra si delineò invece l'ala radicale e rivoluzionaria di Rosa Luxemburg, Georg Ledebour[7], Leo Jogiches, Julian Marchlewski, i quali ritenevano inevitabile la rivoluzione per abbattere il capitalismo. L'ideologo del centro, infine, era Kautsky, il quale sosteneva che il capitalismo era in crisi e pertanto sarebbe crollato da solo senza bisogno di una rivoluzione.

Prima guerra mondiale e scissione della USPDModifica

Le divergenze tra le diverse correnti del Partito scoppiarono in occasione della Prima Guerra mondiale. Il 4 agosto 1914 il parlamento avrebbe votato la concessione dei "crediti di guerra" cioè l'emissione di titoli di debito pubblico per finanziare le spese militari. Alla riunione del giorno precedente, in cui si doveva decidere la posizione che avrebbero dovuto assumere i deputati del Partito, Kautsky, che non era deputato ma era la voce più autorevole del partito, propose che i socialdemocratici si astenessero. La sua proposta fu però respinta da tutti, essendo il gruppo parlamentare diviso fra chi voleva votare i crediti di guerra, in omaggio alla politica della Burgfrieden, e chi opporvisi. Allora Kautsky consigliò di subordinare il voto favorevole in parlamento a delle assicurazioni circa il tipo di guerra che si sarebbe fatta: difensiva e non offensiva[9].

Tuttavia il giorno successivo il cancelliere Bethmann Hollweg fece cancellare dalla dichiarazione che sarebbe stata letta in aula il riferimento alla guerra difensiva e perciò il voto socialdemocratico divenne una supina accettazione dell'imperialismo guglielmino[9].

Il 2 dicembre 1914 Karl Liebknecht scelse di votare da solo in tutto il Reichstag contro una nuova tranche di crediti di guerra: questo fatto incrinò l'unità della SPD. Il 19 giugno 1915 anche Kautsky, Bernstein e Hugo Haase pubblicarono un manifesto in cui denunciavano le intenzioni imperialistiche dei capitalisti tedeschi (annessioni territoriali in Belgio, Francia e colonie, riparazioni di guerra)[10]. E nel settembre dello stesso anno l'ala sinistra della SPD partecipò alla Conferenza di Zimmerwald con gli altri partiti socialisti pacifisti.

Intanto, le condizioni di vita della gente peggioravano a causa dello stato di guerra, di conseguenza scoppiavano scioperi e manifestazioni. I socialdemocratici "collaborazionisti" condannavano queste proteste, mentre gli spartachisti vi partecipavano e venivano anche arrestati[10].

Nel 1917 gli eventi precipitarono quando la SPD arrivò ad espellere alcuni gruppi di sinistra. Alla conferenza di Gotha dell'opposizione del partito, vinsero gli scissionisti e fu costituita la USPD, il Partito Socialdemocratico Indipendente di Germania. Ne facevano parte Bernstein, Kurt Eisner, Kautsky, Haase, Ledebour, Rudolf Hilferding, Franz Mehring, Rosa Luxemburg, Karl Liebknecht, Clara Zetkin[10].

Nel 1922 l'USPD riconfluì nella SPD[11].

Dopo la scissione dei comunistiModifica

Dopo la fine della guerra e in seguito alla rivoluzione russa si ebbe la scissione definitiva e l'ala sinistra si separò, dando vita al Partito Comunista Tedesco.

Negli anni di Weimar la SPD mantenne posizioni moderate e fu spesso al governo nella Coalizione di Weimar. Tuttavia, il Programma di Heidelberg del 1925 rimaneva improntato al marxismo.

Sciolto nel 1933 dal regime nazista, il partito si ricostituì nel 1946. Nel Congresso di Bad Godesberg (1959), con il decisivo apporto di Herbert Wehner, abbandonò il marxismo, adottando il Programma di Godesberg, di tipo socialdemocratico, che rimase in vigore fino al 1989 quando fu sostituito dal Programma di Berlino.

Tra 1966 e 1969 partecipò al governo della "grande coalizione" (Große Koalition) con l'Unione Cristiano Democratica e l'Unione Cristiano Sociale. Nel 1969 la SPD assunse la guida del governo (con Willy Brandt e nel 1974 con Helmut Schmidt), conservata poi, in alleanza con i liberali, fino al 1982, accentuando i propri tratti riformistici. Rimasta all'opposizione per sedici anni, solo nel 1998 riuscì a riprendere la guida del governo, alla testa di una coalizione con i Verdi e presentando come candidato alla cancelleria il moderato Gerhard Schröder, fautore di una politica di "nuovo centro" (Neue Mitte).

Nel 2005, dopo le cocenti sconfitte del partito nelle elezioni regionali, Schröder decide di rompere l'alleanza con i Verdi e chiede al presidente federale di scogliere il Bundestag per indire nuove elezioni, un anno in anticipo rispetto alla scadenza naturale. Le elezioni del 18 settembre dello stesso anno vedono un sostanziale pareggio tra i socialdemocratici e i democristiani e l'impossibilità di formare una coalizione, tra partiti omogenei. L'alleanza rosso/verde (SPD-Verdi) e la coalizione cristiano democratici/liberali, non hanno numeri sufficienti. A ciò si aggiunge che una possibile alleanza tra l'SPD ed il nuovo Partito della Sinistra.PDS - formato principalmente dai neo-comunisti dell'est, molti ex membri del SED - è rifiutata categoricamente da Schröder.

Si arriva infine per la seconda volta nella storia tedesca, ad un governo di "grande coalizione", presieduto dalla candidata cristiano-democratica Angela Merkel, con un numero di ministri pari tra socialdemocratici e democristiani. Le conseguenze però non sono positive per il partito, che alle elezioni politiche del 2009 ottiene solo il 23.5% dei voti, peggior risultato nel secondo dopoguerra.

Il 19 marzo 2017 Martin Schulz viene eletto presidente federale del Partito Socialdemocratico di Germania e candidato Cancelliere.[12]

Il 13 febbraio 2018 Martin Schulz si dimette a favore di Olaf Scholz.[13]

Personalità importantiModifica

Presidenti del partito dal dopoguerraModifica

 
Willy Brandt, primo cancelliere SPD del dopoguerra
 
Martin Schulz, uno dei presidenti dell'SPD

Presidenti tedeschiModifica

CancellieriModifica

Risultati elettorali dalla fondazione al 1933Modifica

Impero tedescoModifica

Anno Voti % +/- Seggi +/- Status
1871[14] 124.000 3,2 (8.º)
2 / 382
Opposizione
1874[14] 352.000 6,8 (6.º)   3,4
9 / 397
  7 Opposizione
1877[15] 493.300 9,1 (4.º)   2,3
12 / 397
  3 Opposizione
1878[15] 437.100 7,6 (5.º)   1,5
9 / 397
  3 Opposizione
1881[15] 312.000 6,1 (7.º)   1,5
12 / 397
  3 Opposizione
1884[15] 550.000 9,7 (7.º)   3,6
24 / 397
  12 Opposizione
1887[15] 763.100 10,1 (5.º)   0,4
11 / 397
  13 Opposizione
1890 1.427.300 19,7 (1.º)   9,6
35 / 397
  24 Opposizione
1893 1.786.700 23,3 (1.º)   3,6
44 / 397
  9 Opposizione
1898 2.107.100 27,2 (1.º)   3,9
56 / 397
  12 Opposizione
1903 3.010.800 31,7 (1.º)   4,5
81 / 397
  25 Opposizione
1907 3.259.000 28,9 (1.º)   2,8
43 / 397
  38 Opposizione
1912 4.250.400 34,8 (1.º)   5,9
110 / 397
  67 Opposizione

Repubblica di WeimarModifica

Anno Voti % +/- Seggi +/- Status
1919 11.509.048 37,9 (1.º)   3,1
165 / 423
  55 Governo
1920 6.104.398 21,7 (1.º)   16,2
102 / 459
  61 Governo
Maggio 1924 6.008.905 20,5 (1.º)   1,2
100 / 472
  2 Opposizione
Dicembre 1924 7.881.041 26,0 (1.º)   5,5
131 / 493
  31 Opposizione
1928 9.152.979 29,8 (1.º)   3,8
153 / 491
  22 Governo
1930 8.575.244 24,5 (1.º)   5,3
143 / 577
  10 Opposizione
Luglio 1932 7.959.712 21,9 (2.º)   2,9
133 / 608
  10 Opposizione
Novembre 1932 7.251.690 20,4 (2.º)   1,2
121 / 584
  12 Opposizione
1933 7.516.243 18,3 (2.º)   2,1
120 / 647
  1 Opposizione

Risultati elettorali dal dopoguerraModifica

Elezioni legislativeModifica

Anno Circoscrizione Proporzionale Seggi +/- Status
Voti % +/- Voti % +/-
1949 6 934 975 29,2 (1.º)
131 / 402
Opposizione
1953 8 131 257 29,5 (2.º) 7 944 943 28,8 (2.º)  0,4
162 / 509
 31 Opposizione
1957 9 651 669 32,0 (2.º)  2,5 9 495 571 31,8 (2.º)  3,0
181 / 519
 19 Opposizione
1961 11 672 057 36,5 (1.º)  4,5 11 427 355 36,2 (1.º)  4,4
203 / 521
 21 Opposizione
1965 12 998 474 40,1 (1.º)  3,6 12 813 186 39,3 (1.º)  3,1
217 / 518
 14 Governo
1969 14 402 374 44,0 (1.º)  3,9 14 065 716 42,7 (1.º)  3,4
237 / 518
 20 Governo
1972 18 228 239 48,9 (1.º)  4,9 17 175 169 45,8 (1.º)  3,1
242 / 518
 5 Governo
1976 16 471 321 43,7 (1.º)  5,2 16 099 019 42,6 (1.º)  3,2
224 / 518
 18 Governo
1980 16 808 861 44,5 (1.º)  0,8 16 260 677 42,9 (1.º)  0,3
228 / 519
 4 Governo
1983 15 686 033 40,4 (2.º)  4,1 14 865 807 38,2 (1.º)  4,7
202 / 520
 26 Opposizione
1987 14 787 953 39,2 (1.º)  1,2 14 025 763 37,0 (1.º)  1,2
193 / 519
 9 Opposizione
1990 16 279 980 35,2 (2.º)  4,0 15 545 366 33,5 (2.º)  3,5
239 / 662
 46 Opposizione
1994 17 966 813 38,3 (1.º)  3,1 17 140 354 36,4 (1.º)  2,9
252 / 672
 13 Opposizione
1998 21 535 893 43,8 (1.º)  5,5 20 181 269 40,9 (1.º)  4,5
298 / 669
 46 Governo
2002 20 059 967 41,9 (1.º)  1,9 18 488 668 38,5 (1.º)  2,4
251 / 603
 47 Governo
2005 18 129 100 38,4 (1.º)  3,5 16 194 665 34,2 (1.º)  4,3
222 / 614
 29 Governo
2009 12 079 758 27,9 (2.º)  10,5 9 990 488 23,0 (2.º)  11,2
146 / 622
 76 Opposizione
2013 12 843 458 29,4 (2.º)  1,5 11 252 215 25,7 (2.º)  2,7
193 / 631
 47 Governo
2017 11 426 613 24,6 (2.º)  4,8 9 538 367 20,5 (2.º)  5,2
153 / 709
 40 Governo

Elezioni europeeModifica

Anno Voti % +/- Seggi +/-
1979 11 370 035 40,8 (1.º)
35 / 81
1984 9 296 417 37,4 (2.º)  3,4
33 / 81
 2
1989 10 525 728 37,3 (1.º)  0,1
31 / 81
 2
1994 11 389 697 32,2 (1.º)  5,1
40 / 99
 9
1999 8 307 085 30,7 (2.º)  1,5
33 / 99
 7
2004 5 549 243 21,5 (2.º)  9,2
23 / 99
 10
2009 5 472 566 20,8 (2.º)  0,7
23 / 99
 
2014 8 003 628 27,3 (2.º)  6,5
27 / 96
 4
2019 5 914 953 15,8 (3.º)  11,5
16 / 96
 10

NoteModifica

  1. ^ Ad interim.
  2. ^ Fino alla fondazione della Lega di Spartaco nel 1914.
  3. ^ Fino alla fondazione di Lavoro e Giustizia Sociale - L'Alternativa Elettorale nel 2005 e La Sinistra nel 2007.
  4. ^ Fino alla fondazione della Lega di Spartaco nel 1914.
  5. ^ SPD zählt über 10.000 Neu-Mitglieder seit Schulz-Nominierung.
  6. ^ Carlo Bastasin, Perché la crisi Spd non è una questione solo tedesca si Il Sole 24 Ore del 25 febbraio 2018, pag. 7
  7. ^ a b c d e f g h Atlante storico, Milano, Garzanti, 1966, pag. 396
  8. ^ Francesco Traniello, Corso di Storia, Torino, S.E.I., 1984. Vol 3°, pag. 226
  9. ^ a b Massimo L. Salvadori, Kautsky e la rivoluzione socialista. 1880/1938, Milano, Feltrinelli, 1976. pagg. 167-187
  10. ^ a b c Massimo L. Salvadori, Kautsky e la rivoluzione socialista. 1880/1938, Milano, Feltrinelli, 1976. pagg. 188-198
  11. ^ Massimo L. Salvadori, Kautsky e la rivoluzione socialista. 1880/1938, Milano, Feltrinelli, 1976. pagg. 226-231
  12. ^ Schulz presidente Spd col 100% dei voti: "Per l'Europa serve una Germania forte e più equa", in Repubblica.it, 19 marzo 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  13. ^ Germania, Schulz lascia la guida della SPD. Il 'traghettatore' sarà Scholz, in rainews. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  14. ^ a b Partecipa come Partito Socialdemocratico dei Lavoratori (Sozialdemokratische Arbeiterpartei Deutschlands, SAD)
  15. ^ a b c d e Partecipa come Partito Socialista dei Lavoratori (Sozialistische Arbeiterpartei Deutschlands, SDAP)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151021191 · ISNI (EN0000 0001 2353 4548 · LCCN (ENn80067141 · GND (DE2022139-3 · BNF (FRcb11867469p (data) · NDL (ENJA00278064 · WorldCat Identities (ENn80-067141