Apri il menu principale
Sajid Javid
Official portrait of Sajid Javid MP.jpg

Segretario di Stato per gli affari interni
In carica
Inizio mandato 30 aprile 2018
Monarca Elisabetta II
Capo del governo Theresa May
Predecessore Amber Rudd

Parlamentare del Regno Unito
In carica
Inizio mandato 6 maggio 2010
Predecessore Julie Kirkbride
Collegio Bromsgrove

Dati generali
Prefisso onorifico Rt Hon.
Partito politico Conservatore
Tendenza politica Conservatorismo
Università Università di Exeter

Sajid Javid (Littleborough, 5 dicembre 1969) è un politico britannico ed ex direttore di Deutsche Bank. Fu nominato Segretario di Stato per gli affari interni del Regno Unito il 30 aprile 2018, a seguito delle dimissioni di Amber Rudd sull'onda dello scandalo Windrush. È membro della Camera dei comuni dal 2010 per il collegio di Bromsgrove, nel Worcestershire.

Javid ricoprì in precedenza la carica di Segretario di Stato per le Comunità e i Governi Locali dal 2016 al 2018, Segretario di Stato per il Commercio, l'Innovazione e le Eccellenze e Presidente della Board of Trade dal 2015 al 2016, Segretario di Stato per la Cultura, i Media e gli Sport dal 2014 al 2015, Segretario Finanziario del Tesoro dal 2013 al 2014 e Segretario Economico del Tesoro dal 2012 al 2013.[1]

Indice

BiografiaModifica

Javid è nato a Rochdale in Lancashire, uno di cinque figli di genitori di origine pachistana.[2][3]. Suo padre lavorava come guidatore di autobus[4]. La sua famiglia si trasferì da Lancashire a Stapleton Road a Bristol dove hanno preso in gestione un negozio[5].

Javid fu assunto dalla Chase Manhattan Bank a New York City subito dopo la sua laurea, lavorando per lo più in America del Sud. A 25 anni[6] diventa vice presidente[7]. Tornò a Londra nel 1997 e successivamente entrò in Deutsche Bank come capo di area di business nel 2000. Divenne nel 2005 managing director e l'anno seguente capo globale dei "Mercati emergenti in ristrutturazione"[8].

Nel 2007 si trasferì a Singapore come responsabile del trading, equity convertibles, commodities e private equity businesses di Deutsche bank in Asia[9] e e fu nominato membro nel consiglio di amministrazione della Deutsche Bank International Limited.

Lasciò Deutsche bank nel 2009 per seguire la carriera in politica. I suoi guadagni presso la Deutsche bank erano circa 3 milioni di sterline l'anno al momento in cui si dimise[10]; Evening Standard stimò che il cambio di carriera è equivalso a un taglio dei suoi introiti del 98%[11].

NoteModifica

  1. ^ Paul Owen, Coalition government reshuffle, The Guardian, 7 ottobre 2013. URL consultato il 30 aprile 2018.
  2. ^ George Eaton, Sajid Javid's father would never have made it into Cameron's Britain, in New Statesman, 14 aprile 2014. URL consultato il 22 novembre 2015.
  3. ^ About Sajid, su sajidjavid.com.
  4. ^ James Forsyth, Interview with Sajid Javid, the bus driver's son who may end up leading the Tories, in The Spectator, 26 gennaio 2013. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  5. ^ Who is Sajid Javid, the new home secretary?, in BBC News, 30 aprile 2018. URL consultato il 30 aprile 2018.
  6. ^ Joshi Herrmann, What Thatcherite union buster Sajid Javid learned on Wall Street, su The Guardian, 15 luglio 2015. URL consultato il 31 luglio 2018.
  7. ^ Fraser Nelson, Sajid Javid: the man who thinks big, su telegraph.co.uk, 11 aprile 2014. URL consultato il 31 luglio 2018.
  8. ^ Deutsche Bank appoints Sajid Javid as Global Head of Emerging Markets Structuring, in db.com, 27 maggio 2005. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  9. ^ Deutsche Bank appoints Sajid Javid Head of Global Credit Trading, Asia, in db.com, 11 ottobre 2006. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  10. ^ Kitty Donaldson e Robert Hutton, U.K. Treasury's Javid Moves to Culture After Miller Quits, Bloomberg L.P., 9 aprile 2014. URL consultato il 9 aprile 2014.
  11. ^ Jessica Elgot, Who is Sajid Javid, the UK's new home secretary?, in The Guardian, 30 aprile 2018. URL consultato il 6 giugno 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5493154260614324480008 · GND (DE1171517610