Apri il menu principale

Telemenù

programma televisivo italiano
(Reindirizzamento da Sale, pepe e... fantasia)
Telemenù
PaeseItalia
Anno1979-1997
Generecucina
Durata7 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreWilma De Angelis
IdeatorePaolo Limiti
Rete televisivaTelemontecarlo

Telemenù è stato un programma televisivo italiano di genere enogastronomico, condotto da Wilma De Angelis su Telemontecarlo come trasmissione autonoma dal 1979 al 1989, per poi proseguire fino al 1997 come rubrica all'interno di altri programmi, cambiando il titolo in Sale, pepe e... fantasia. Si trattava di una trasmissione di ricette, inizialmente in onda ogni sera alle 19.05,[1] ideata da Paolo Limiti.[2]

La trasmissioneModifica

La trasmissione fu ideata da Limiti, all'epoca direttore dei programmi dell'emittente, che propose alla De Angelis di cimentarsi per la prima volta con una conduzione televisiva. La popolare cantante venne scelta per il suo fisico e il tono colloquiale, nonostante non fosse particolarmente esperta di cucina, e la trasmissione, durante la quale veniva semplicemente eseguita una ricetta dalla conduttrice, ebbe subito un notevole successo di gradimento.[1]

Di fatto, è stata la prima trasmissione di ricette proposta dalla televisione italiana, anticipando la moda che sarebbe nata alcuni decenni dopo.[2]

Gli spin offModifica

La trasmissione proseguì autonomamente fino al 1989, quando divenne una rubrica di TV Donna, contenitore quotidiano di Telemontecarlo, cambiando titolo in Sale, pepe e fantasia.[3] Nello stesso periodo è nata anche una versione con ospiti della trasmissione, A pranzo con Wilma, in onda dal 1990 al 1993.[3]

Nella stagione 1993-1994, va in onda all'interno della trasmissione pomeridiana Tappeto volante,[3] per poi ritornare ad essere un programma autonomo dalla successiva stagione. Nel 1997, dopo diciannove anni, la trasmissione chiude definitivamente.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b Ivano Battolerò, Per Patatina il tempo si è fermato, in Europa, 21 marzo 1981, p. 11. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  2. ^ a b c Luigi Bolognini, La vita di Wilma tra ricette e aneddoti. Vi racconto come è cambiata Milano, in la Repubblica, 11 dicembre 2010. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  3. ^ a b c Baroni, pp. 19-20.

BibliografiaModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione